Giochi Olimpici Tokyo 2020: Batterie Day 1 Risultati Live

OLIMPIADI DI TOKYO 2020

Si apre il sipario sui 32° Giochi Olimpici. I migliori nuotatori al mondo si sfidano all’Olympic Aquatic Centre di Tokyo, impianto costruito appositamente per l’occasione a cinque cerchi e inaugurato nel 2019. Programma che come di consueto verrà inaugurato dai 400 metri misti maschili.

In Giappone sono le 19.00 quando i primi atleti scendono in acqua per un turno di batterie serali che farà da antipasto alle finali che si svolgeranno invece nella mattinata nipponica, la notte italiana.

OLIMPIADI TOKYO PROGRAMMA GARE NUOTO

SABATO 24 LUGLIO

Day 1 – Batterie ore 12:00

  • 400 misti U batterie
  • 100 farfalla D batterie
  • 400 stile libero U batterie
  • 400m misti D batterie
  • 100 rana uomini batterie
  • staff femminile 4×100 stile batterie

RISULTATI LIVE

400 METRI MISTI UOMINI

  • WR 4:03.84 USA PHELPS Michael Beijing (CHN) 10 Aug 2008
  • OR 4:03.84 USA PHELPS Michael Beijing (CHN) 10 Aug 2008
  • Record italiano  4:09.88 Luca Marin  01/04/2007 Melbourne
  • 2016 Olympic Champion: Kosuke Hagino (JPN) – 4:06.05

FINALISTI

  1. Brendon Smith (AUS), 4:09.27
  2. Lewis Clareburt (NZL), 4:09.49
  3. Chase Kalisz (USA), 4:09.65
  4. David Verraszto (HUN), 4:09.80
  5. Alberto Razzetti (ITA) / Jay Litherland (USA), 4:09.91
  6. Leon Marchand (FRA), 4:10.09
  7. Max Litchfield (GBR), 4:10.20

I nomi dei finalisti escono dalle ultime 2 serie con la 3° batteria che vede un arrivo a 4 dopo la fuga del neozelandese Clareburt che regola il vicecampione olimpico Kalisz e l’ungherese Verraszto.

I due Italiani in gara, Alberto Razzetti e Pier Andrea Matteazzi sono nella 4° e ultima delle batterie dei 400 misti in compagnia di Daya Seto che fa gara a se per 300 metri prima di essere risucchiato dal gruppo.

Gruppo da cui spunta Alberto Razzetti che con una seconda parte di gara di altissimo livello si prende di forza la sua prima finale olimpica e si avvicina ad uno storico record italiano di Luca Marin che resiste da 14 anni. Pier Andrea Mattezzi conclude all’8° posto della sua batteria in 4:16.31, primo l’australiano Brendon Smith al primato oceanico.

100 METRI FARFALLA DONNE

  • WR 55.48 SJOESTROEM Sarah Rio de Janeiro (BRA) 7 Aug 2016
  • OR 55.48 SJOESTROEM Sarah Rio de Janeiro (BRA) 7 Aug 2016
  • Record Italiano 57.04 Elena Di Liddo 21/07/2019 Gwangju
  • 2016 Olympic Champion: Sarah Sjostrom (SWE) – 55.48

SEMIFINALISTE

  1. Zhang Yufei (CHN) / Emma McKeon (AUS), 55.82
  2. Sarah Sjostrom (SWE), 56.18
  3. Torri Huske (USA), 56.29
  4. Maggie MacNeil (CAN), 56.55
  5. Louise Hansson (SWE), 56.97
  6. Anastasiya Shkurdai (BLR), 56.99
  7. Marie Wattel (FRA), 57.08
  8. Elena di Liddo (ITA), 57.41
  9. Claire Curzan (USA), 57.49
  10. Katerine Savard (CAN), 57.51
  11. Ilaria Bianchi (ITA), 57.70
  12. Anna Ntountounaki (GRE), 57.75
  13. Arina Surkova (ROC), 58.02
  14. Svetlana Chimrova (ROC), 58.04
  15. Brianna Throssell (AUS), 58.08

Sarah Sjostrom dopo molta incertezza decide di scendere in acqua nei 100 farfalla, gara in cui è campionessa olimpica in carica, e nonostante un passaggio coraggioso dell’americana Torri Huske al suo fianco risale fino a vincere la sua batteria in 56.18.

Tutte le protagoniste di questa gara sono in acqua all’Olympic Aquatic Centre, con la coppia McKeon / Zufei che nell’ultima delle batterie previste toccano all’unisono in 55.82, che per l’australiana vale il nuovo record continentale e si posizionano in testa alla classifica provvisoria. Passano il turno le italiane Ilaria Bianchi e Elena Di Liddo rispettivamente con il 12° e 9° tempo.

400 METRI STILE LIBERO UOMINI

  • WR 3:40.07 GER BIEDERMANN Paul Rome (ITA) 26 Jul 2009
  • OR 3:40.14 CHN SUN Yang London (GBR) 28 Jul 2012
  • Record Italiano 3:43.23 Gabriele Detti  21/07/2019 a Gwangju
  • 2016 Olympic Champion: Mack Horton (AUS) – 3:41.55

FINALISTI

  1. Henning Mühlleitner (GER), 3:43.67
  2. Felix Auboeck (AUT), 3:43.91
  3. Gabriele Detti (ITA), 3:44.67
  4. Elijah Winnington (AUS) / Jack McLoughlin (AUS), 3:45.20
  5. Kieran Smith (USA), 3:45.25
  6. Jake Mitchell (USA), 3:45.38
  7. Ahmed Hafnaoui (TUN), 3:45.68

10. Marco De Tullio (ITA) 3:45.85

400 stile libero maschili orfani del campione olimpico in carica, Mack Horton a cui non è bastato nuotare il 3° miglior crono stagionale per qualificarsi ai Giochi a causa della selezione interna alla squadra australiana.

Dalle batterie più lente spicca la prestazione del venezuelano Mestre che pur cedendo nel finale conclude in 3.47.14 facendo il vuoto attorno a sé.

Gara solitaria anche per lo svizzero Antonio Djakovic, classe 2002 che vince la batteria successiva in 3.45 migliorando il suo personale.  Nella 4° batteria Danas Rapsys prova a scappare ma Gabriele Detti sembra aver tenuto la forma migliore proprio per il grande appuntamento e dopo una stagione senza molti acuti coglie una prestazione da 3.44.67 che lo pone in 3° posizione provvisoria prima della 5° e ultima batteria.

Marco De Tullio fa il suo esordio olimpico accanto alla coppia australiana Winnington e McLoughlin. I tempi finali sono più lenti di quelli visti in precedenza e la 5° posizione finale di De Tullio lo esclude dalla finale.

400 METRI MISTI DONNE

  • WR 4:26.36 HUN HOSSZU Katinka Rio de Janeiro (BRA) 6 Aug 2016
  • OR 4:26.36 HUN HOSSZU Katinka Rio de Janeiro (BRA) 6 Aug 2016
  • Record Italiano 4:34.34 Alessia Filippi 10/08/2008 a Pechino
  • 2016 Olympic Champion: Katinka Hosszu (HUN) – 4:26.36

FINALISTE

  1. Emma Weyant (USA), 4:33.55
  2. Aimee Willmott (GBR), 4:35.28
  3. Yui Ohashi (JPN), 4:35.71
  4. Mireia Belmonte (USA), 4:35.88
  5. Hali Flickinger (USA), 4:35.98
  6. Viktoria Mihalyvari-Farkas (HUN), 4:35.99
  7. Katinka Hosszu (HUN), 4:36.01
  8. Ilaria Cusinato (ITA), 4:37.37

3 le batterie dei 400 misti femminili, due quelle con le contendenti ad un posto in finale. Ilaria Cusinato chiude al 4° posto della 2° batteria con il tempo di 4.37.37 migliorando il suo primato stagionale ma a 3 secondi dal pb del 2018, la batteria se la aggiudica la giapponese Ohashi. Esordio in questa olimpiade anche per Katinka Hosszu che ha ridotto il suo programma gare rispetto ai Giochi di Rio rinunciando al dorso e concentrandosi sui misti. Sara Franceschi nuota 4:39.93 per la 5° posizione in batteria e la 9° conclusiva che la esclude dalla finale a cinque cerchi. Missione compiuta invece per Ilaria Cusinato che agguanta l’ultimo posto disponibile nella gara per le medaglie.

100 METRI RANA MASCHILI

  • WR 56.88 GBR PEATY Adam Gwangju (KOR) 21 Jul 2019
  • OR 57.13 GBR PEATY Adam Rio de Janeiro (BRA) 7 Aug 2016
  • Record Italiano Nicolo Martinenghi 58.29 25/06/2021  Roma
  • 2016 Olympic Champion: Adam Peaty (GBR) – 57.13

SEMIFINALISTI

  1. Adam Peaty (GBR), 57.56
  2. Arno Kamminga (NED), 57.80
  3. Michael Andrew (USA), 58.62
  4. Nicolo Martinenghi (ITA), 58.68
  5. Yan Zibei (CHN), 58.75
  6. James Wilby (GBR), 58.99
  7. Andrew Wilson (USA), 59.03
  8. Felipe Lima (BRA), 59.17
  9. Ilya Shymanovich (BLR) / Federico Poggio (ITA), 59.33
  10. Lucas Matzerath (GER) / Ryuya Mura (JPN) , 59.40
  11. Andrius Sidlauskas (LTU), 59.46
  12. Fabian Schwingenschlogl (GER), 59.49
  13. Anton Chupkov (RUS), 59.55
  14. Kirill Prigoda (ROC), 59.68

100 rana uomini che si preannunciano come una delle gare più interessanti del programma olimpico. Nelle ultime 3 batterie scendono in acqua i migliori performer della storia di questa disciplina. Il primo a mettersi in mostra è l’americano Michael Andrew che nuota 58.62. Dopo di lui è la volta dell’olandese Kamminga che nuota una super prestazione da 57.80 che migliora il suo personale e il record nazionale dei Paesi Bassi confermandosi come unico altro uomo sotto i 58 secondi oltre ad Adam Peaty. Ed è proprio Peaty chiamato a rispondere a Kamminga che nuota il miglior tempo di ingresso in finale in 57.56 davanti a Nicolò Martinenghi 58.68. Federico Poggio è 5° in 59.33. I due azzurri accedono alle semifinali con il 4° e 9° tempo.

WOMEN’S 4×100 FREESTYLE RELAY

  • World Record: Australia (Jack, Campbell, McKeon, Campbell) – 3:30.05 (2018)
  • Olympic Record: Australia (McKeon, Elmslie, Campbell, Campbell) – 3:30.65 (2016)
  • Record Italiano (Erika Ferraioli, Silvia Di Pietro, Aglaia Pezzato, Federica Pellegrini) 3:35.90 Rio 2016
  • 2016 Olympic Champion: Australia (McKeon, Elmslie, Campbell, Campbell) – 3:30.65

FINALISTE

  1. Australia, 3:31.73
  2. Netherlands, 3:33.51
  3. Canada, 3:33.72
  4. Great Britain, 3:34.03
  5. United States, 3:34.80
  6. China, 3:35.07
  7. Denmark, 3:35.56
  8. Sweden, 3:35.93

L’Australia è senza dubbio la squadra favorita all’oro e pur non schierando la sua formazione migliore si prende la corsia 4 in finale con margine su tutte le avversarie. Tra le inseguitrici spicca l’Olanda con una frazione conclusiva di Femke Heemskerk da 51.90 e la Gran Bretagna forte di un quartetto molto compatto. Sarah Sjostrom, alla seconda gara di giornata apre la staffetta svedese con un ottimo crono da 52.95 al via che aiuta la squadra a entrare in finale con l’ultimo tempo.

 

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »