Gwangju: Ledecky Cede Il Trono 400sl-Peaty Alieno-Tutti I Risultati Day1

CAMPIONATI MONDIALI FINA 2019GWANGJU

Prima serata a Gwangju di semifinali e finali e prime medaglie che si assegneranno.

Si inaugura la sessione proprio con la gara dei 400 metri stile libero uomini, che vede due italiani ai blocchi di partenza: Gabriele Detti in corsia 6, Marco De Tullio in corsia 1, entrambi atleti dello stesso allenatore: Stefano Morini.

Dopo le medaglie assegnate con i 400 metri stile libero uomini, ci saranno altre tre finali questo pomeriggio.

La prima in ordine di tempo che verrà disputata, vedrà due atlete straordinarie gareggiare l’una contro l’altra e lo spettacolo non mancherà sicuramente. Parliamo della versione femminile dei 400 stile libero, dove l’americana Katie Ledeckytitolare del Record del Mondo, nonché campionessa in carica, cercherà di non farsi sorprendere dalla teenager australiana Ariarne Titmus.

Finali anche per le due staffette veloci. Nella 4×100 stile libero femminile, sorelle Campbell sotto i riflettori, mentre in quella maschile, pronti a tifare i colori azzurri, con l’Italia che salirà sul blocchetto n. 2.

Il programma prevede inoltre le seguenti semifinali:

400 METRI STILE LIBERO UOMINI – FINALE

  • World Record: Paul Biedermann (Germany), 2009, 3:40.07
  • World-Junior Record: Mack Horton (Australia), 2014, 3:44.60
  • World Championship Record: Paul Biedermann (Germany), 2009, 3:40.07
  • Record Italiano 3:43.36 Gabriele Detti 04/04/2017, Riccione
  1. ORO Sun Yang 3:42.44
  2. ARGENTO Mack Horton 3:42.17
  3. BRONZO Gabriele Detti 3:43.23

Primo 50 a favore di Danas Rapsys che parte velocissimo. Ai 200 metri Sun Yang accelera e vira per primo. Detti è sesto a metà gara. Ai 300 metri vira quinto ed inizia la rimonta negli ultimi 100 metri.

Straordinario Gabriele Dettiche rimonta ben due posizioni e tocca in 3:43.23 siglando il nuovo Record Italiano Assoluto e conquistando la medaglia di bronzo. Il podio è lo stesso dei Mondiali di Budapest del 2017.

Vince il cinese Sun Yang con il tempo di 3:42.44

Argento per Mack Horton con 3:43.17

Marco De Tullio tocca per quinto, portando a casa una bellissima prestazione ed un gran tempo: 3:44.86

Questi i passaggi di Gabriele Detti:

  • 100 metri: 54.43
  • 200 metri: 1:52.12
  • 300 metri: 2:48.82

100 METRI FARFALLA DONNE – SEMIFINALI

FINALE

  1. Sarah Sjostrom, Sweden, 56.29
  2. Maggie MacNeil, Canada, 56.52
  3. Marie Wattel, France, 57.00
  4. Emma McKeon, Australia, 57.01
  5. Brianna Throssell, Australia, 57.02
  6. Elena di Liddo, Italy, 57.04 Record Italiano
  7. Kelsi Dahlia, United States, 57.06
  8. Louise Hansson, Sweden, 57.10

Questa mattina ha fatto segnare il suo nome sul libro dei Record. Elena Di Liddo con il tempo di 57.18 ha nuotato il record italiano assoluto della distanza ed il quarto tempo delle batterie. Nella semifinale di questo pomeriggio riesce a migliorarsi, toccando la piastra in 57.04.

Abbassa il Record italiano, vola in finale con il quinto tempo e si avvicina sempre di più a quella barriera che nessuna donna ha mai abbattuto.

50 METRI FARFALLA UOMINI – SEMIFINALI

  • World Record: Andrii Govorov (Ukraine), 2018, 22.27
  • World-Junior Record: Michael Andrew (United States), 2017, 23.22
  • World Championship Record: Milorad Cavic (Serbia), 2009, 22.67
  • Record Italiano Piero Codia 23.11 – 28/07/2013, Barcellona

FINALE

  1. Caeleb Dressel, United States, 22.57
  2. Nicholas Santos, Brazil, 22.77
  3. Andrii Govorov, Ukraine, 22.80
  4. Oleg Kostin, Russia, 22.88
  5. Michael Andrew, United States, 22.95
  6. Szebasztian Szabo, Hungary, 23.09
  7. Ben Proud, Great Britain, 23.14
  8. Andrey Zhilkin, Russia, 23.21

Fuori dalla finale il detentore del Record italiano nella distanza Piero Codia.

Mentre nelle batterie Dressel e Govorov avevano registrato lo stesso tempo, nelle semifinali è lo statunitense ad essere più veloce. Primo tempo di ingresso in finale con 22.80

400 METRI STILE LIBERO DONNE – FINALE

  • World Record: Katie Ledecky (United States), 2016, 3:56.46
  • World-Junior Record: Katie Ledecky (United States), 2017, 3:58.34
  • World Championship Record: Katie Ledecky (United States), 2014, 3:58.37
  1. ORO Ariarne Titmus, Australia, 3:58.97
  2. ARGENTO Katie Ledecky, United States, 3:59.97
  3. BRONZO Leah Smith, United States, 4:01.29

E’ accaduto ciò che più o meno avvenne nella finale dei 200 metri stile libero femminili ai Campionati di Budapest.

Dopo aver condotto per tutta la gara, Katie Ledecky si fa soffiare l’oro negli ultimi metri dall’australiana Ariarne Titmus.

E’ la giovane Titmus la nuova regina dei 400 metri stile libero con il tempo di 3:58.97.

Chiude i podio la statunitense Leah Smith con il tempo di 4:01.29

100 METRI RANA UOMINI – SEMIFINALI

FINALE

  1. Adam Peaty, Great Britain, 56.88 — WORLD RECORD
  2. Yan Zibei, China, 58.67
  3. James Wilby, Great Britain, 58.83
  4. Yasuhiro Koseki, Japan, 58.89
  5. Andrew Wilson, United States, 58.95
  6. Dmitriy Balandin, Kazakhstan, 59.03
  7. Anton Chupkov, Russia, 59.15
  8. Kirill Prigoda, Russia, 59.21

Il Record del Mondo è sempre più saldamente nelle mani dell'”alieno” Sir Adam Peaty.

Con un passaggio ai 50 metri di 26.63 ed un ritorno a 30.25 Adam Peaty tocca la piastra in 56.88, fissando il nuovo Record Del Mondo ed il Record dei Campionati.

Un miglioramento mostruoso rispetto al Record stabilito soltanto un anno fa ai Campionati Europei di Glasgow, dove il crono si fermò a 57.10.

Fuori dalla finale gli italiani Fabio Scozzolinono con 59.22 (un centesimo dalla finale) e Nicolo Martinenghi, squalificato

200 METRI MISTI DONNE – SEMIFINALI

  • World Record: Katinka Hosszu (Hungary), 2015, 2:06.12
  • World-Junior Record: Rikako Ikee (Japan), 2017, 2:09.98
  • World Championship Record: Katinka Hosszu (Hungary), 2015, 2:06.12
  • Record Italiano 2:10.25 Ilaria Cusinato 08/08/2018, Glasgow

FINALE

  1. Katinka Hosszu, Hungary, 2:07.17
  2. Sydney Pickrem, Canada, 2:08.83
  3. Melanie Margalis, United States, 2:09.14
  4. Ye Shiwen, China, 2:09.58
  5. Rika Omoto, Japan, 2:09.68
  6. Yui Ohashi, Japan, 2:10.04
  7. Seoyeong Kim, South Korea, 2:10.21
  8. Siobhan-Marie O’Connor, Great Britain, 2:10.49

Niente finale per Ilaria Cusinato che con il tempo di 2:12.12 finisce 12sima.

Katinka Hosszu si mostra in gran forma, chiudendo con il tempo più veloce in 2:07.17

Il primo pomeriggio si chiude in bellezza. La staffetta veloce maschile azzurra manca soltanto il podio, ma fissa dopo 11 anni il Record Italiano.

STAFFETTA 4X100 STILE LIBERO UOMINI

  • World Record: United States, 2008, 3:08.24
  • World-Junior Record: Australia, 2013, 3:16.96
  • World Championship Record: United States, 2009, 3:09.21
  • Record Italiano 3:11.48 11/08/2008, Olimpiadi Pechino
  1. ORO Stati Uniti d’America 3:09.06 Record dei Campionati
  2. ARGENTO Russia 3:09.97
  3. BRONZO Australia 3:11.22

Gli Stati Uniti D’America con Caeleb Dressel, Blake Pieroni, Zach Apple Nathan Adrian si laureano Campioni del Mondo e con il tempo di 3:09.06 fissano il nuovo Record dei Campionati.

L’Italia, anche se fuori dal podio, ha motivo di festeggiare. Il tempo di 3:11.39 va a cancellare un Record che resisteva da oltre 11 anni, dalle Olimpiadi di Pechino del 2008.

Queste le frazioni degli italiani:

  1. Santo Condorelli 48.72
  2. Manuel Frigo 47.29
  3. Luca Dotto 47.81
  4. Alessandro Miressi 47.57

STAFFETTA 4X100 STILE LIBERO DONNE

  • World Record: Australia, 2018, 3:30.05
  • World-Junior Record: Australia, 2015, 3:31.48
  • World Championship Record: Canada, 2017, 3:36.19
  1. ORO Australia, 3:30.21 — RECORD DEI CAMPIONATI
  2. ARGENTO United States, 3:31.02 — American Record
  3. BRONZO Canada, 3:31.78

A pochi centesimi dal Record del Mondo, le Australiane fissano il nuovo Record dei Campionati, con il tempo di 3:30.21. Argento per le americane che con il tempo di 3:31.02 stabiliscono il nuovo Record USA, mentre il terzo gradino del podio è per le canadesi, bronzo con 3:31.78

In This Story

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per …

Read More »

Want to take your swimfandom to the next level?

Subscribe to SwimSwam Magazine!