EUROPEI VASCA CORTA COPENHAGEN 2017. LA NOTTE D’ORO DEGLI AZZURRI

by Francesco Torrese 0

December 17th, 2017 Italia

CAMPIONATI EUROPEI VASCA CORTA 2017

Ultima sessione di gare alla Royal Arena con tantissime finali e altrettanti azzurri impegnati.

DAY 5

FINALE 200 RANA DONNE

Jessica Vall Montero dopo il bronzo conquistato nella finale dei 100 rana punta in alto. Partenza controllata per la spagnola che alla virata dei 100 inserisce la quinta e va a trionfare in 2:18.41. Argento e standing ovation di tutta la Royal Arena per l’atleta di casa Rikke Moeller-Pedersen con il crono di 2:19.53. Il podio viene completato dalla belga Fanny Lecluyse in 2:19.68.

FINALE 100 STILE UOMINI

Trepidante attesa per LA FINALE. Da pronostici il favorito è l’azzurro Luca Dotto in corsia 4. Non mancano i rivali da temere come Duncan Scott, Pieter Timmers e Konrad Czerniak.

La voglia di Luca di vincere si è vista sin dalla partenza. Stacco dal blocco a 0.56 e primo a rompere la superficie dell’acqua. La freccia azzurra conduce la gara in testa con un’autorità mai vista prima. Bracciata continua, potenza in costante aumento e virate rapidissime.

Passaggio a cannone ai 50 in 22 netto. Mantiene il ritmo e la frequenza e quando tocca la piastra il tabellone parla chiaro. Campione d’Europa. 46.11 e medaglia d’oro.

Alle spalle del nostro atleta si piazzano Pieter Timmers in 46.54 e Duncan Scott in 46.64.

FINALE 100 FARFALLA DONNE

Sarah Sjostrom c’è. La campionessa scandinava domina la finale dei 100 farfalla annichilendo le avversarie con un secondo 50 da paura. 55 netto e record dei campionati per lei. La francese Marie Wattel e la danese Emilie Beckmann completano il podio in 55.97 e 56.22.

FINALE 100 MISTI UOMINI

Sergei Fesikov è senza dubbio il favorito visto quanto nuotato in semifinale, con tanto di passaggio ai 50 sotto il record del mondo. Nella corsia di fianco al russo il Bomber Marco Orsi.

L’azzurro sa che per infastidire Fesikov deve partire subito forte e dargli il colpo di grazia nel 25 a stile finale. E cos’ fa.

A metà gara Marco è 3 decimi dietro Fesikov, nella frazione a rana Orsi recupera e si porta spalla a spalla con il russo. L’ultima vasca è decisiva.

Marco, di ritorno dopo un periodo negativo a causa di un virus che l’ha messo ko lo scorso anno, non ha nessuna intenzione di accontentarsi dell’argento.

Bracciata dopo bracciata completa il sorpasso e si laurea campione europeo con il tempo di 51.76, nuovo record italiano.

L’urlo di gioia è il chiaro segno che l’Orso di Budrio è tornato!

Fesikov si deve accontentare dell’argento in 51.94 mentre il bronzo va a Kyle Stolk in 51.99.

FINALE 400 STILE DONNE

Partenza fulminea della tedesca Sarah Koehler che cerca di scappare via all’ungherese Boglarka Kapas. Tutto procede secondo i piani fino alla virata di metà gara. La magiara affianca la tedesca e inizia a incrementare il ritmo vasca dopo vasca.

La Koehler a 50 metri dalla fine alza bandiera bianca mentre la Kapas vola verso l’oro. Boglarka dunque prima in 3:58.15, Koehler argento in 3:59.12 e storica medaglia europea per il Liechtstein grazie a Julia Hassler in 4:02.43.

FINALE 200 FARFALLA UOMINI

Ancora la Russia protagonista grazie alla prestazione di Aleksandr Kharlanov. Il ragazzo del ’95 conquista il primo gradino del podio con il tempo di 1:50.54 avanti al greco Andreas Vazaios in 1:51.23 e all’ungherese Tamas Kenderesi in 1:52.25.

FINALE 50 STILE DONNE

Conclude il suo europeo individuale con un bellissimo oro Sarah Sjostrom. Finale per nulla scontata che vede alla virata dei 25 leggermente in vantaggio l’olandese Ranomi Kromowidjojo. Il secondo 25 della Sjostrom è rabbia pura. Rabbia che la porta al tocco con un solo centesimo di vantaggio sull’orange, 23.30 contro 23.31. Bronzo per la danese Pernille Blume in 23.49.

FINALE 50 DORSO UOMINI

La tripletta azzurra porta il nome di Simone Sabbioni. Il romagnolo riprende quanto fatto dai compagni Dotto e Orsi e con un 50 da urlo porta a casa un preziosissimo oro condito dal nuovo record italiano in 23.05.

Kliment Kolesnikov si deve accontentare dell’argento in 23.07 con tanto di nuovo record europeo e mondiale juniores. Solo terzo il transalpino Jeremy Stravius in 23.12.

FINALE STAFFETTA 4×50 MISTA DONNE

La Svezia conclude in bellezza i campionati con l’oro vinto in 1:44.43 ai danni della Danimarca in 1:45.00. Terzo gradino del podio per la Francia in 1:45.35.

FINALE STAFFETTA 4×50 MISTA UOMINI

Russia da record. Il tempo di 1:30.44 nuotato da Morozov e compagni vale il nuovo record mondiale ed europeo. Argento per l’Italia in 1:31.91 che chiude una strepitosa edizione dei campionati. Bronzo per la Bielorussia in 1:32.06.

 

In This Story

Leave a Reply

Don't want to miss anything?

Subscribe to our newsletter and receive our latest updates!