Trials U.S.: Risultati Finali Day 1 Con 2 Nuovi Record Americani

2021 U.S. OLYMPIC SWIMMING TRIALS

RISULTATI

Lo spettacolo dei Trials U.S. entra nel vivo con le prime finali e i primi posti assegnati per le Olimpiadi di Tokyo.

400 MISTI MASCHILI- FINALE

  • World record: Michael Phelps (USA) – 4:03.84 (2008)
  • American record: Michael Phelps – 4:03.84 (2008)
  • U.S. Open record: Michael Phelps – 4:05.25 (2008)
  • World Junior record: Ilya Borodin (RUS) – 4:11.17 (2021)
  • 2016 Olympic Champion: Kosuke Hagino (JPN) – 4:06.05
  • 2016 U.S. Olympic Trials Champion: Chase Kalisz – 4:09.54
  • Wave I Cut: 4:25.99
  • Wave II Cut: 4:23.24

PODIO

La prima gara del programma di finali sembra ricalcare quanto avvenuto nel 2016 con Chase Kalisz e Jay Litherland che concludono al primo e al secondo posto. Kalisz migliora anche di mezzo secondo il tempo rispetto all’edizione precedente dei trials. Terzo posto per Carson Foster, il giovane classe 2001 si è presentato ai blocchi con il miglior crono di ingresso e ha mantenuto la seconda posizione per gran parte della gara prima di subire la rimonta di Litherland nel finale. Il tempo di Kalisz è il secondo miglior crono mondiale stagionale alle spalle del giapponese Dayia Seto (4:09.02)

100 FARFALLA FEMMINILI- SEMIFINALI

  • World Record: Sarah Sjostrom (SWE) – 55.48 (2016)
  • American Record: Dana Vollmer – 55.98 (2012)
  • US Open Record: Claire Curzan (USA) – 56.20 (2021)
  • World Junior Record: Claire Curzan (USA) – 56.20 (2021)
  • 2016 Olympic Champion: Sarah Sjostrom (SWE) – 55.48
  • 2016 US Olympic Trials Champion: Kelsi (Worrell) Dahlia – 56.48
  • Wave I Cut: 1:00.69
  • Wave II Cut: 59.59

TOP 8

La 18enne Torri Huske entra a far parte del selezionatissimo club dei sub 56″. Con una gara veloce sin dall’inizio (passaggio in 25.96) Huske conclude i 100 farfalla femminili in 55.78 siglando il nuovo record americano. Il precedente apparteneva alla leggenda Dana Vollmer e resisteva dal 2012 (55.98)

Nelle batterie aveva tentato un passaggio simile rallenantando poi vistosamente nel finale e nuotano con molta facilità. Alle sue spalle prende il secondo posto provvisorio un’altra giovane stella del nuoto americano, Claire Curzan, classe 2004 che nuota in 56.81.

All-Time Performers, 100 farfalla donne (LCM)

  1. Sarah Sjostrom (SWE), 55.48 – 2016
  2. Zhang Yufei (CHN), 55.62 – 2020
  3. Torri Huske (USA), 55.78 – 2021
  4. Maggie MacNeil (CAN), 55.83 – 2019
  5. Emma McKeon (AUS), 55.93 – 2021
  6. Dana Vollmer (USA), 55.98 – 2012

La finale di domani sarà molto combattuta con la veterana Kelsi Dahlia che cercherà di far valere la sua esperienza per cogliere un posto in squadra e le giovani che punteranno all’esordio olimpico.

400 STILE LIBERO MASCHILI- FINALE

  • World Record: Paul Biedermann (GER) – 3:40.07 (2009)
  • American Record: Larsen Jensen – 3:42.78 (2008)
  • US Open Record: Larsen Jensen – 3:43.53 (2008)
  • World Junior Record: Mack Horton (AUS) – 3:44.60 (2014)
  • 2016 Olympic Champion: Mack Horton (AUS) – 3:41.55
  • 2016 US Olympic Trials Champion: Connor Jaeger – 3:43.79
  • Wave I Cut: 3:57.29
  • Wave II Cut: 3:54.21

PODIO

  1. Kieran Smith (FLOR), 3:44.86
  2. Jake Mitchell (CSC), 3:48.17
  3. Ross Dant (NCS), 3:48.30

Con l’assenza di Zane Grothe in finale la gara era una sfida tra Kieran Smith e il cronometro. L’atleta della Florida Univesity è riuscito a nuotare al di sotto del limite “A” imposto dalla FINA e ha concluso la gara in 3:44.86 aggiudicandosi un posto a Tokyo. 7° posto conclusivo per Mitch D’Arrigo che peggiora rispetto al tempo delle batterie e nuota 3:50.87

400 MISTI FEMMINILI- FINALE

  • World Record: Katinka Hosszu (HUN) – 4:26.36 (2016)
  • American Record: Katie Hoff – 4:31.12 (2008)
  • US Open Record: Katinka Hosszu (HUN) – 4:31.07 (2015)
  • World Junior Record: Yu Yiting (CHN) – 4:35.94 (2021)
  • 2016 Olympic Champion: Katinka Hosszu (HUN) – 4:26.36
  • 2016 US Olympic Trials Champion: Maya DiRado – 4:33.73
  • Wave I Cut: 4:51.79
  • Wave II Cut: 4:47.72

PODIO

  1. Emma Weyant (SYS), 4:33.81
  2. Hali Flickinger (SUN), 4:33.96
  3. Melanie Margalis (SPA), 4:34.08

Non è bastata una frazione a rana da 1:15″ a Melanie Margalis per conquistare il posto sul volo per Tokyo nel 400 misti femminili. In una gara davvero combattuta fino all’ultimo a spuntarla su tutte è stata la classe 2001 Emma Weyant. Emma Weyant era 3° ai 350 metri ma con una chiusura da 30.35 ha regolato tutte le altre atlete in vasca, lasciando Hali Flickinger al secondo posto e Margalis fuori dai giochi.

 

100 RANA MASCHILI- SEMIFINALI

  • World Record: Adam Peaty (GBR) – 56.88 (2019)
  • American Record: Kevin Cordes – 58.64 (2017)
  • US Open Record: Michael Andrew (USA) – 58.67 (2021)
  • World Junior Record: Nicolo Martinenghi (ITA) – 59.01 (2017)
  • 2016 Olympic Champion: Adam Peaty (GBR) – 57.13
  • 2016 US Olympic Trials Champion: Kevin Cordes – 59.18
  • Wave I Cut: 1:03.29
  • Wave II Cut: 1:01.97

TOP 8

  1. Michael Andrew (RPC), 58.14 AR
  2. Nic Fink (ABSC), 58.50
  3. Andrew Wilson (ABSC), 59.08
  4. Kevin Cordes (ABSC), 59.33
  5. Max McHugh (UOFM), 59.68
  6. Josh Matheny (PEAQ), 1:00.25
  7. Will Licon (TXLA), 1:00.33
  8. Ben Cono (GAME), 1:00.36

Altro turno altro record per Michael Andrew che dopo aver siglato uno strepitoso 58.19 in batteria lima ancora il suo primato americano e toglie 5 centesimi portandolo a 58.14.

Con un passaggio ancora più veloce, addirittura sotto i 27″ (26.83), Andrew ha fatto il vuoto, subendo un po’ nel finale di gara e portando con se un ottimo Nicolo Fink che con 58.50 sarebbe stato anche lui sotto il precedente record. Ultimo tempo utile per la finale 1:00.36 per una gara che potrebbe vedere il terzo ranista della storia del nuoto scendere sotto i 58″.

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »