Stati Uniti E Vasca Da 25 Metri. Un Amore Impossibile?

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 4

January 02nd, 2023 Italia, News

Per gentile concessione: D. R. Hildebrand

Negli ultimi mesi, la comunità internazionale del nuoto è stata catturata da una raffica di risultati eccezionali.

Sei nuotatori – Li Bingjie, Tomoru Honda, Kliment Kolesnikov, Katie Ledecky, Maggie MacNeil e Ruta Meilutyte – hanno stabilito record mondiali individuali. L’Australia, la Francia, l’Italia e gli Stati Uniti ne hanno ottenuti altri undici in staffetta. Chad Le Clos ha visto una rinascita. Summer McIntosh ha consolidato la sua fama. Jordan Crooks si è fatto conoscere al mondo. All’età di 42 anni, Nicholas Santos è diventato il più vecchio campione del mondo di sempre.

Tutto questo, e molto altro, è accaduto in vasca corta.

Attraverso numerosi campionati nazionali, la Coppa del Mondo e i Campionati Mondiali, si è svolta una conversazione universale sul nuoto.

Era parte di un dialogo che si è sviluppato nel corso di decenni, che va e viene con le stagioni, che porta sfumature a uno sport che solo i più attenti capiscono.

Un Paese, tuttavia, anno dopo anno, non tiene conto di questa discussione.

Gli Stati Uniti partecipano, ma con riluttanza, in modo inopportuno, mai nel modo migliore per gli atleti che li rappresentano.

I miopi tra noi, compresi alcuni membri di USA Swimming, considerano la vasca lunga come l’unico standard del nostro sport.

Lo si vede soprattutto nel processo di selezione della federazione statunitense per la vasca corta. Per chi non lo sapesse, la selezione avviene in base ai risultati della vasca lunga.

Fissandosi sulla vasca lunga a tal punto da mettere a tacere la vasca da 25 metri, USA Swimming non solo ignora le chiare differenze tra i due formati, ma sta anche degradando gli atleti i cui punti di forza non sono conformi ai suoi standard e, inavvertitamente, indebolisce la federazione.

IL “NUOVO” NUOTO

Il nuoto non è più lo sport di 25 anni fa.

Una piccola cosa chiamata denaro è entrata in gioco.

La definizione di dilettantismo non è più quella di una volta.

Oggi i nuotatori possono guadagnare decine di migliaia di dollari in vari incontri di alto livello in vasca corta.

Se guadagnarsi da vivere come nuotatori permette loro di nuotare più a lungo, e se nuotare più a lungo offre loro l’opportunità di migliorare di più, e se un maggiore miglioramento contribuisce ad aumentare la competizione, perché non dovremmo scegliere di favorirlo?

In che modo l’invio dei nostri nuotatori a una gara che non abbiamo ospitato noi stessi può aiutare a raggiungere questo obiettivo?

OSPITARE GARE IN VASCA CORTA

USA Swimming ha l’opportunità di unirsi a questa conversazione facendo una cosa semplice e ovvia: ospitare almeno un importante meeting in vasca corta all’anno.

Potrebbe essere una parte delle Pro Swim Series, uno Spring Nationals, un nuovo incontro a sé stante.

Qualunque cosa sia, nessun nuotatore proveniente dalla nazione più decorata del mondo dovrebbe viaggiare all’estero per trovarla.

L’ideale sarebbe che questo incontro si tenesse il primo fine settimana di aprile.

In questo periodo, i nuotatori NCAA e i nuotatori d’élite stanno completando l’allenamento. Possono prolungare il loro programma di allenamento e partecipare all’incontro registrando tempi che potrebbero essere utilizzati come qualificazione per le gare internazionali in vasca corta.

REINVENTARE I PROCESSI DI SELEZIONE

USA Swimming dovrebbe reimmaginare, in tutto o in parte, il suo processo di selezione per la vasca corta.

In occasione dei Golden Goggles 2022, USA Swimming ha premiato Carol Zaleski con il suo Impact Award.

La signora Zaleski è stata presidente dell’organizzazione per otto anni e ha ricoperto varie altre cariche nell’ambito dello sport per 45 anni.

Mentre riceveva il premio, ha detto qualcosa che ha fatto scattare l’applauso del pubblico. Il compianto Richard Quick, che ha allenato sei squadre olimpiche statunitensi, era solito dire:

“Se stai facendo ciò che è nell’interesse degli atleti, stai facendo la cosa giusta”.

FARE L’INTERESSE DEGLI ATLETI

L’interesse degli atleti è semplice: aumentare, non diminuire, le loro opportunità.

Queste includono le opportunità di gareggiare, di acquisire esperienza e fiducia, di ottenere riconoscimenti, di ottenere sponsor, scalare classifiche e record mondiali, riconoscimenti e guadagni.

USA Swimming può partecipare alla conversazione sulla vasca corta senza abbandonare i suoi obiettivi sulla lunga.

Il primo andrebbe solo a vantaggio del secondo.

Con più nuotatori d’élite impegnati in questo sport (anche se non hanno ancora avuto successo in vasca lunga)  lo sport si eleva nel suo complesso.

Questa è, letteralmente, la visione di USA Swimming: “Ispirare e consentire ai nostri membri di raggiungere l’eccellenza nello sport del nuoto e nella vita”.

Eccellenza nello sport del nuoto: vasca lunga, corta e in acque libere. È tutto nuoto.

È un discorso omogeneo, una competizione a cui i migliori nuotatori americani dovrebbero essere ispirati e sostenuti a partecipare.

In This Story

4
Leave a Reply

Subscribe
Notify of

4 Comments
newest
oldest most voted
Inline Feedbacks
View all comments
Paul
1 year ago

Veramente hanno appena fatto i mondiali in vasca corta e gli USA hanno vinto 17 ori, 13 argenti e 6 bronzi, dominando il medagliere in casa della rivale più forte, L’Australia. Quindi non mi sembra abbiano gareggiato in modo inopportuno.

Paul
Reply to  Giusy Cisale
1 year ago

In verità di meeting in vasca corta ce ne sono moltissimi, solo che la loro vasca corta è in yards. I record in vasca corta yards sono di Dressel, Finke, Murphy, Kalisz, Manuel, Ledecky, Regan Smith, Lilly King, per fare alcuni nomi. Poi si può decidere se una vasca corta in yards possa essere considerata una vasca corta o meno.

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale graduated high school at the Italian Liceo Classico "T.L. Caro" where she was engaged in editing the school magazine. In 2002, she was among the youngest law graduates of the  Federico II University of Naples (ITA). She began her career as a Civil Lawyer, becoming licensed to practice law …

Read More »