Europei In Vasca Corta: Analisi E Risultati Live Finali E Semifinali Day 1

2023 EUROPEAN SHORT COURSE CHAMPIONSHIPS

RECAP LIVE

La prima serata di semifinali e finali dei Campionati Europei 2023 vedrà scendere in acqua molti azzurri. Delle quattro finali previste per stare, tre avranno l’Italia ai blocchi di partenza.

Durante le batterie di questa mattina abbiamo visto numerosi record nazionali cadere.   La prima sessione pomeridiana dell’incontro sarà caratterizzata da quattro finali e quattro semifinali, due delle quali saranno gare di staffetta.

Si inizierà con la finale dei 400 misti femminili, dove la britannica Freya Colbert (4:29.68) ha ottenuto il miglior tempo della mattinata qualificandosi al primo posto. La sua compagna di squadra, Abbie Wood, si è qualificata al secondo posto e ha vinto la prima manche.

I 400 stile libero maschili sono l’unica altra finale individuale del programma di stasera. Il primo qualificato è il campione del mondo 2018 Danas Rapsys.. Rapsys ha girato in 3:39.19 all’inizio della giornata e ha guidato un gruppo di cinque 3:39 fino alla finale. I primi otto sono separati da poco più di un secondo, il che dimostra quanto sia profonda la prima finale maschile dell’incontro. In finale ci saranno due italiani, Marco De Tullio, Matteo Ciampi.

La serata si concluderà con le due staffette 4×50 ed in entrambe l’Italia può aspirare ad una medaglia.

SEMIFINALI E FINALI ORE 17:00

400 METRI MISTI FEMMINILI – FINALE

  • World Record: 4:18.94 – Mireia Belmonte (ESP) 2017
  • European Record: 4:18.94 – Mireia Belmonte (ESP) 2017
  • World Junior Record: 4:21.49, Summer McIntosh (CAN) 2022
  • Record Italiano: 4:26.06 Alessia Filippi 2008

PODIO

  1. Abbie Wood (GBR) 4:27.45
  2. Freya Colbert (GBR) 4:29.04
  3. Ellen Walshe (IRL) 4:29.64

Abbie Wood del Team GB ha iniziato la gara con decisione, toccando in 1:02.15 per prendere un vantaggio iniziale dopo il completamento della frazione a farfalla. La sua compagna di squadra, Freya Colbert, ha poi fatto una grande mossa a dorso toccando i 200 in più di 1,5 secondi rispetto al resto del gruppo. La Wood ha poi lottato nella frazione a rana, colmando il divario di 1,5 secondi nei primi 50 rana. Ha allungato il distacco ai 300 metri, con un vantaggio di quasi 2 secondi in vista dei 100 metri finali. Ha mantenuto il vantaggio fino agli ultimi 100, portando la Gran Bretagna a chiudere in 1-2 (4:27.45).

La Wood è stata veloce fino a 4:25.65 in questa gara, che ha nuotato nel 2020. Tuttavia, negli ultimi anni si è concentrata sui 200 misti più brevi, oltre che sui 200 stile libero e sui 200 rana, quindi il fatto di essere molto vicina al suo record nei 400 misti è promettente per il resto della gara.

La Colbert ha conquistato la medaglia d’argento in 4:29.04, mentre l’irlandese Ellen Walshe (4:29.64) ha nuotato in modo molto equilibrato e si è aggiudicata il bronzo.

400 METRI STILE LIBERO MASCHILI – FINALE

  • World Record: 3:32.25 – Yannick Agnel, (FRA) 2012
  • European Record: 3:32.25 – Yannick Agnel (FRA) 2012
  • World Junior Record: 3:37.92 – Matt Sates (RSA) 2021
  • Record Italiano: 3:36.63 – Gabriele Detti 2019

PODIO

  1. Daniel Wiffen (IRL) 3:35.47
  2. Danas Rapsys (LTU) 3:37.80
  3. Lucas Henveaux (BEL) 3:37.91

L’irlandese Daniel Wiffen ha demolito il suo record personale e il record nazionale vincendo i 400 stile libero, stabilendo il tempo di 3:35.47.

Il lituano Danas Rapsys ha raggiunto la piastra in 3:37.80 per aggiudicarsi la medaglia d’argento, mentre Lucas Henveaux ha rialzato di quasi 2 secondi il record nazionale che aveva infranto in precedenza, conquistando così il bronzo. Henveaux è entrato in gara con un PB e un record nazionale di 3:40.80 di ottobre, l’ha abbassato a 3:39.96 oggi e ha concluso la giornata in 3:37.91.

Il duo italiano composto da Marco de Tullio e Matteo Ciampi ha stabilito una coppia di 3:38 per conquistare il 5° e il 6° posto.

Il campione del mondo in vasca corta del 2021, Felix Auboeck, si è piazzato al settimo posto questa sera con un tempo di 3:38.83. Quando ha vinto il titolo mondiale, Auboeck ha stabilito un tempo di 3:35.90, che è ancora il suo record personale.

 

50 METRI STILE LIBERO FEMMINILI – SEMIFINALI

  • World Record: 22.93 – Ranomi Kromowidjojo (NED) 2017
  • European Record: 22.93 – Ranomi Kromowidjojo (NED) 2017
  • World Junior Record: 23.69 – Anastasiya Shkurdai (BLR) 2020
  • Record Italiano 23.83 – Silvia Di Pietro 2022

TOP 8

  1. Beryl Gastaldello (FRA) – 23.77
  2. Michelle Coleman (SWE) – 23.78
  3. Anna Hopkin (GBR) – 23.86
  4. Julie Kepp Jensen (DEN) – 23.96
  5. Valerie van Roon (NED) – 24.00
  6. Jessica Felsner (GER) – 24.04
  7. Neza Klancar (SLO) – 24.05
  8. Sara Curtis (ITA) – 24.13

La francese Beryl Gastaldello nuoterà nella corsia 4 domani e si è qualificata prima con il tempo di 23.77. La svedese Michelle Coleman è solo 1 centesimo più indietro, stabilendo un tempo di 23,78 per migliorare il suo 23,74 delle eliminatorie.

Metà delle finaliste si sono qualificate con un tempo inferiore alla barriera dei :24 secondi, con Anna Hopkin (23.86) e Julie Kepp Jensen (23.96) che si sono assicurate la terza e quarta posizione per domani sera.

L’italiana Sara Curtis ha impiegato 24.13 per accedere alla finale di domani sera stabilendo il suo nuovo primato personale. L’irlandese Danielle Hill si è piazzata al 9° posto in 24.16, battendo nuovamente il record nazionale stabilito nelle eliminatorie.

50 METRI DORSO MASCHILI – SEMIFINALI

  • World Record: 22.11 – Kliment Kolesnikov (RUS) 2022
  • European Record:22.11 – Kliment Kolesnikov (RUS) 2022
  • World Junior Record: 22.52 – Isaac Cooper (AUS) 2022
  • Record Italiano: 22.62 –  Michele Lamberti 2021

TOP 8

  1. Mewen Tomac (FRA) 22.91
  2.  Ole BRAUNSCHWEIG (GER) 23.04
  3. Thierry Bollin (SUI) 23.10
  4.  Ralf Tribunstov (EST) 23.13
  5. Lorenzo Mora (ITA) 23.16
  6.  Shane Ryan (IRL) 23.19
  7. Apostolos Christou (GRE) 23.19
  8. Miroslav Knedla (CZE) 23.26

Il francese Mewen Tomac è stato l’unico ad infrangere la barriera dei 23 secondi e partirà dalla corsia centrale nella finale di domani sera. Lorenzo Mora centra l’obiettivo e conquista la finale con il quinto tempo 23.16.

100 METRI RANA FEMMINILI – SEMIFINALI

  • World Record: 1:02.36 – Ruta Meilutyte (LTU) 2013/Alia Atkinson (JAM) 2016/2014
  • European Record: 1:02.36 – Ruta Meilutyte (LTU) 2013
  • World Junior Record: 1:02.36 benchmark
  • Record Italiano: 1:03.55 – Benedetta Pilato 2020

TOP 8

  1.  Tes Schouten (NED)1:04.02
  2.  Eneli Jefimova (EST) 1:04.03
  3. Sophie Hansson (SWE) 1:04.07
  4.  Benedetta Pilato (ITA) 1:04.45
  5. Andrea Podmanikova (SVK) 1:04.85
  6.  Clara RYBAK-ANDERSEN (DEN) 1:05.27
  7. Martina Carraro (ITA) 1:05.28
  8. Imogen Clark (GBR) 1:05.32

L’olandese Tes Schouten ha portato lo slancio che ha dimostrato in questo inizio di stagione a questi campionati e stasera è stata la più veloce nelle semifinali dei 100 metri rana femminili con il tempo di 1:04.02. Ad un solo centesimo si è posizionata l’estone sedicenne Eneli Jefimova seguita dalla svedese Sophie Hansson in 1:04.07. Benedetta Pilato è quarta in 1:04.45 mentre Martina Carraro accede in finale con il settimo tempo, 1:05.28.

100 METRI FARFALLA MASCHILI – SEMIFINALI

  • World Record: 47.78 –  Caeleb Dressel (USA)  2020
  • Record Europeo: 48.48  – Evgenji Korotyskin (RUS) 2009
  • World Junior Record: 49.53 – Li Zhuhao (CHN), 2017
  • Record Italiano: 48.64 –  Matteo Rivolta 2021

TOP 8

  1. Noe Ponti (SUI) – 48.61 CR
  2. Maxime Grousset (FRA) – 48.94
  3. Daniel Gracik (CZE) – 50.02
  4. Jacob Peters (GBR) – 50.04
  5. Matteo Rivolta (ITA) – 50.07
  6. James Guy (GBR) – 50.53
  7. Michele Busa (ITA) – 50.64
  8. Nikola Miljenic (CRO) – 50.91

Maxime Grousset ha preso il comando nella semifinale #1 e non si è mai guardato indietro. Dopo aver toccato i 50 in 22.83, ha continuato a incrementare il suo vantaggio a ogni bracciata per concludere in 48.94. La nuotata è stata registrata come nuovo record nazionale e ha mancato di poco il record del campionato per 0,01.

Noe Ponti ha adottato un approccio simile nella seconda manche, facendo registrare un rapido 22.73 nei primi 50 metri e vincendo la semifinale in 48.61. La sua nuotata ha battuto il record del campionato del 2009 (48.93) e ha battuto il suo record nazionale di 48.81 dello scorso anno.

Il 3° e il 5° posto sono separati da soli 0,05 punti nella finale, con Daniel Gracik (50.02), Jacob Peters (50.04) e Matteo Rivolta (50.07) che si avvicinano alla barriera dei 50 secondi.

STAFFETTA 4X50 STILE LIBERO FEMMINILE – FINALE

  • World Record: 1:32.50 – Netherlands 2020
  • European Record: 1:32.50 – Netherlands 2020
  • Record Italiano: 1:35.61 Di Pietro, Ferraioli, Pezzato, Pellegrini 2016

PODIO

  1. ORO SVEZIA 1:35.60
  2. ARGENTO ITALIA 1:36.92
  3. BRONZO GRAN BRETAGNA 1:37.19

L’Italia dopo le frazioni di Silvia Di Pietro Costanza Cocconcelli era in quarta posizione. Dalla terza frazione, Chiara Tarantino ha portato la formazione azzurra in terza posizione con una frazione a 24.20. Sara Curtis ha realizzato l’impresa risalendo di una posizione e toccando per il secondo posto, dietro la Svezia.

Questi i passaggi delle azzurre:

SILVIA DI PIETRO 24.39
Costanza COCCONCELLI 24.21
Chiara TARANTINO 24.20
Sara CURTIS 24.12

 

STAFFETTA 4X50 STILE LIBERO MASCHILE – FINALE

  • World Record: 1:21.80 – United States 2018
  • European Record: 1:20.77 – Francia 2008
  • Record Italiano: 1:22.90 Condorelli, Vergani, Zazzeri, Miressi 2018

PODIO

  1. ORO Great Britain 1:22.52 
  2. ARGENTO  Italy 1:23.14
  3. BRONZO Greece 1:23.27

La Gran Bretagna è stata devastante in questa staffetta con quattro frazioni sotto i 21 secondi che l’ha portata all’oro in 1:22.52.

Per l’Italia ha aperto le danze Leonardo Deplano con una prima frazione a 21.05, seguito da Lorenzo Zazzeri che si è messo alle calcagna del britannico Matthew Richard chiudendo con lo stesso tempo, 20.50. Il recupero è stato poi affidato a Thomas Ceccon che ha cristallizzato la posizione con una frazione a 20.98. La chiusura è stata di Alessandro Miressi che ha toccato fermando il tempo a 1:23.14 (frazione a 20.61)

Bronzo per la Grecia che ha chiuso terza in 1:23.27.

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of

0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale graduated high school at the Italian Liceo Classico "T.L. Caro" where she was engaged in editing the school magazine. In 2002, she was among the youngest law graduates of the  Federico II University of Naples (ITA). She began her career as a Civil Lawyer, becoming licensed to practice law …

Read More »