CAS Conferma La Sospensione Della Russia Ma Riduce La Pena A 2 Anni

La Corte arbitrale dello sport (CAS) ha parzialmente confermato il divieto di partecipazione della Russia allo sport internazionale. Lo ha però ridotto da quattro a due anni.

ANTEFATTO

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha imposto, circa un anno fa, la squalifica della Russia a causa dell’inadempienza dell’Agenzia russa antidoping (RUSADA). La sanzione è arrivato dopo un lungo scandalo sul doping in Russia. I rapporti McLaren hanno fatto emergere un un vasto programma antidoping sponsorizzato dallo stato per aiutare a proteggere gli atleti russi. La RUSADA è stata dichiarata non conforme già nel 2016. Una delle condizioni principali del ripristino della RUSADA era che la Russia fornisse i dati completi del suo laboratorio antidoping di Mosca. Ma la Russia ha mancato la scadenza per consegnare i dati e, quando lo ha fatto, la WADA ha affermato che erano stati falsificati rispetto alle informazioni trapelate da un informatore nel 2017.

SOSPENSIONE RIDOTTA DAL CAS

Puoi leggere l’annuncio completo del CAS della sua decisione qui.

Il CAS ha ritenuto all’unanimità RUSADA non conforme. Ma il divieto di quattro anni è stato ridotto di due anni e terminerà il 16 dicembre 2022.

Il divieto non manterrà gli atleti russi completamente fuori dagli eventi sportivi internazionali. Impedirà però alla Russia come nazione di competere alle Olimpiadi estive di Tokyo del prossimo anno. Stessa cosa varrà alle Olimpiadi invernali del 2022. Gli atleti russi possono partecipare sotto una bandiera neutrale come hanno fatto alle Olimpiadi invernali del 2018. In quel caso sotto il nome di “atleti olimpici russi”.

Il divieto colpisce principalmente la Russia a livello amministrativo. Impedisce ai funzionari russi di sedere come membri dei consigli di amministrazione delle principali istituzioni sportive firmatarie della WADA. Alla Russia è inoltre vietato ospitare eventi sportivi a livello mondiale o fare offerte per eventi sportivi per due anni.

Laddove la decisione della WADA ha impedito alla Russia di ospitare qualsiasi evento sportivo importante, la decisione del CAS vieta in modo specifico alla Russia di ospitare le Olimpiadi, le Paralimpiadi e qualsiasi Campionato del mondo.

Ciò consentirebbe a Kazan, in Russia, di rimanere la città ospitante per i Campionati europei di nuoto in vasca corta del 2021. La redazione di swimswam ha inviato un’e-mail per chiarire se Kazan rimarrà la città ospite.

Alcune delle conseguenze della sanzione:

  • La bandiera russa non può essere esposta dagli organizzatori in nessun luogo. Alle Olimpiadi, alle Paralimpiadi o ai Campionati del mondo.
  • L’inno russo non sarà ufficialmente cantato o suonato.
  • Le divise degli atleti possono includere la parola “Russia”. Ma devono anche includere le parole “Atleta neutrale” in una posizione o misura paritaria.
  • Gli atleti russi possono competere alle Olimpiadi, alle Paralimpiadi o ai Campionati del mondo alle seguenti condizioni: “L’atleta non è stato soggetto a sospensione, restrizione, condizione o esclusione imposta da un’autorità competente in qualsiasi procedimento passato o futuro che rimane in vigore al momento dell’evento specificato.

Non è ancora chiaro se questo significhi che gli atleti russi dovranno dimostrare di non essere stati specificamente coinvolti nel Rapporto McLaren.

DICHIARAZIONI

La WADA ha rilasciato una dichiarazione definendo la sentenza una vittoria, ma esprimendo delusione per il fatto che il CAS non avesse approvato tutte le sanzioni originali della WADA.

Le dichiarazioni del presidente della WADA Witold Banka:

“La WADA è lieta di aver vinto questa storica causa. Non abbiamo lasciato nulla di intentato nell’indagare su questa questione molto complessa e nel presentare il nostro caso al CAS. Il gruppo di esperti ha chiaramente confermato le nostre accuse secondo cui le autorità russe hanno manipolato sfacciatamente e illegalmente i dati del Laboratorio di Mosca. Questo nel tentativo di coprire uno schema di doping istituzionalizzato. Di fronte alla continua resistenza e diniego da parte della Russia, abbiamo chiaramente dimostrato la nostra tesi. A questo proposito, questa sentenza è un momento importante per lo sport pulito e gli atleti di tutto il mondo.

“Siamo, tuttavia, delusi dal fatto che il gruppo di esperti del CAS non abbia approvato tutte le nostre conseguenze consigliate per il periodo di quattro anni che abbiamo richiesto. Riteniamo che fossero proporzionati e ragionevoli. Tuttavia la WADA non è il giudice ma il pubblico ministero e dobbiamo rispettare la decisione del collegio. Queste sono le conseguenze più forti mai imposte a un paese per reati legati al doping e la sentenza appoggia chiaramente l’approccio risoluto e guidato dal processo adottato dalla WADA nell’affrontare efficacemente questo caso. Questo invia un messaggio chiaro. Gli inganni istituzionalizzati e gli sforzi concertati per sovvertire il sistema antidoping globale non saranno tollerati.

Alle autorità russe è stata offerta ogni opportunità per mettere in ordine la loro condizione e rientrare nella comunità globale antidoping per il bene dei loro atleti e l’integrità dello sport. Ma hanno scelto invece di continuare sulla loro strada dell’inganno e della negazione “.

RUSADA: PRONTA A COLLABORARE PER IL RITORNO DELLA CONFORMITÀ, PREOCCUPATA PER GLI EFFETTI SUGLI ATLETI

L’Agenzia Antidoping Russa ha rilasciato una propria dichiarazione affermando di non essere completamente soddisfatta della decisione del CAS. RUSADA ha affermato che la WADA voleva punire gli atleti russi puliti insieme a quelli colpevoli di doping. Ha definito la riduzione della pena una “vittoria del buon senso”.

Il capo della RUSADA Mikhail Bukhanov ha detto che l’organizzazione è pronta a soddisfare le condizioni per il suo ripristino alla conformità WADA.

Ecco la sua dichiarazione:

“Sembra che non tutte le argomentazioni presentate dai nostri avvocati siano state ascoltate. Accogliamo pienamente l’approccio responsabile e ragionevole degli arbitri in relazione agli atleti russi ‘puliti’, nonché il principio di ‘responsabilità collettiva’ imposto dalla WADA in relazione a tutti gli sport russi. L’arbitrato ha mostrato giustizia in questo caso storico. E ha preso una decisione che soddisfa gli interessi dell’intera comunità sportiva internazionale.

RUSADA, esprime la sua disponibilità a soddisfare le condizioni di ripristino e cooperazione con tutte le strutture antidoping internazionali. Inclusa la WADA, che ha pubblicamente riconosciuto il successo della nostra agenzia nelle sue attività attuali.

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »