Doping: Tre Nuotatori Bulgari Positivi Accusano La Federazione

3 NUOTATORI POSITIVI ACCUSANO LA FEDERAZIONE BULGARA

In un test antidoping effettuato fuori competizione il 4 febbraio 3 nuotatori bulgari, Blagoy Panayotov, Svetlozar Nikolov e Zdravko Bablakov, sono risultati positivi allo stanozolo, una sostanza vietata. Lo Stanozolo è uno steroide anabolizzante che è stato bandito dalla WADA dal 2015.

I tre giovani atleti accusano la federazione. Affermano che la loro federazione gli ha somministrato delle pillole durante un collegiale della squadra nazionale, causando così la positività.

A sostegno di questa teoria sembra esserci un video registrato di nascosto dell’incontro dei tre con il capo della federazione bulgara di nuoto che lascia intendere che avrebbe potuto proteggerli dai test antidoping.

Il 20enne Nikolov ha detto a Sportal.bg di non aver assunto altri farmaci oltre a quelli datigli dal medico della nazionale Lyubomir Petrov, allo scopo di recuperare dalla fatica dagli allenamenti.

“Al campo di Belmeken, abbiamo ricevuto 36 pillole al giorno in un bicchiere di plastica”, ha detto Nikolov a Sportal. “Prima ci hanno mostrato le scatole, ma hanno deciso di darcele in una tazza, perché per loro era più facile. Ci siamo fidati di loro, il che è stato un grosso errore “.

Nikolov afferma che gli atleti sarebbero stati puniti se si fossero rifiutati di partecipare al collegiale e che avevano ricevuto “minacce di non ricevere gli stipendi”.

Panayotov, 18 anni, ha detto che agli atleti sono state somministrate pillole due volte al giorno una dopo ogni sessione di allenamento.

LA RISPOSTA DELLA FEDERAZIONE BULGARA

Il presidente della federazione bulgara di nuoto (BFPS), Georgi Avramchev, ha dichiarato a The Sports Integrity Initiative che le pillole sono preparate da un medico e che gli atleti sanno quali farmaci stanno assumendo. Ha detto che gli atleti non assumono 36 pillole diverse, ma potrebbero aver preso più volte la stessa pillola.

“Alcuni hanno preso 36 pillole, ma non di tipo diverso”, ha detto. “È solo che se devi prendere 8 mg e una pillola è 1 mg, allora ne prendi otto.”

IL SOSTEGNO DEGLI ALTRI NUOTATORI

Altri nuotatori bulgari sono venuti pubblicamente in aiuto dei tre nuotatori sospesi provvisoriamente.

Ekaterina Avramova, talento bulgaro che ha cambiato cittadinanza sportiva nel 2014 trasferendosi in Turchia ha dichiarato in un’intervista con bTV, che le erano state date anche tazze di pillole non contrassegnate durante la sua carriera in Bulgaria.

“Abbiamo ricevuto i nostri farmaci per il recupero in tazze”, ha detto. “Niente nomi. A caso: vai nella stanza, bevi la tua tazza di vitamine. A un certo punto ci hanno fatto bere tutto davanti al dottore e all’allenatore per essere sicuri. ”

“Mi sono salvata gareggiando e nuotando per un altro paese”, ha detto Avramova.

La tre volte olimpionica bulgara Nina (Rangelova) Sadauskas e la detentrice del record nazionale Diana Petkova hanno entrambe espresso sostegno ai tre nuotatori tramite i profili Facebook.

IL VIDEO DEL PRESIDENTE “POSSIAMO NASCONDERVI”

bTV ha pubblicato un video registrato di nascosto che registra un presunto incontro tra i tre nuotatori che hanno risultati positivi e il capo della federazione di nuoto. Nel video, il presidente Georgi Avramchev lascia intendere che se la federazione avesse drogato intenzionalmente gli atleti, avrebbe potuto “nasconderli” dai test antidoping.

“Pensi che se te lo abbiamo dato, intendo il doping, ti avremmo lasciato fare il test?” Avramchev dice in una traduzione approssimativa del bulgaro. “Allora potremmo nasconderti. Stiamo dicendo la verità qui, giusto? Almeno fai parte della squadra, lo sai! ”

Avramchev ha detto a bTV che nessuno poteva confermate che fosse la sua voce nella registrazione.

“ciò che è stato registrato potrebbe essere la mia voce, potrebbe non esserlo. Non so dove sia stato registrato”.

Ha anche negato di aver commentato e ha affermato che il fatto che i tre nuotatori abbiano fatto e fallito i test era la prova che la sua federazione non poteva impedire agli atleti di sostenere i test antidoping.

In seguito ha ammesso che era la sua voce nella registrazione, ma che i commenti sono stati presi fuori contesto.

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »