10 Record Del Mondo Che Potrebbero Cadere Ai Trials USA

2021 U.S. OLYMPIC SWIMMING TRIALS

“I record sono come bolle di sapone… sono fatti per essere infranti”.

I Trials olimpici USA hanno un solo scopo: entrare nella squadra olimpica.

Qualcuno dice che il tempo non conta. L’importante è toccare per primo. Vincere.

Tuttavia, con 5 anni di allenamenti, gare e duro lavoro alle spalle, ci si aspetta che alla fine, qualcuno il Record del Mondo lo vada a stabilire.

Torniamo indietro nel tempo.

L’ultima volta che un record del mondo è stato stabilito ai Trials è stato nel 2008, nel periodo in cui i costumi in poliuretano stavano iniziando a decollare.

Nelle ultime due edizioni dei Trials, ci sono stati 5 record americani e zero record mondiali.

Sembra allora che le grandi star del nuoto americano attraversino i Trials soltanto come una tappa verso il loro vero obiettivo: le Olimpiadi.

Cosa potrebbe cambiare quest’anno? La competizione. I posti per ogni gara sono soltanto due e ci sono delle distanze dove le competizione tra più di due nuotatori è così alta da spingere ognuno oltre i propri limiti. Ecco perchè ad Omaha potremmo davvero assistere a tempi da world record.

Il nostro James Sutherland ha stilato una classifica, dal meno probabile al più probabile. Fateci sapere la vostra nei commenti.

MENZIONE D’ONORE – FEDERICA PELLEGRINI 200 STILE LIBERO DONNE

Il record del mondo nei 200 metri stile libero femminili è stato stabilito da Federica Pellegrini nel 2009. E’ uno dei due world record femminili che resiste dall’epoca del gommato.

Katie Ledecky nuoterà questa gara ad Omaha, ma non è la favorita per l’oro alle Olimpiadi. Alla Pro Swim Series di Mission Viejo, Ledecky ha nuotato il secondo tempo più veloce della sua carriera, 1:54.40, mentre il suo personale è di 1:53.73, che le consegnò l’oro olimpico a Rio.

10) 50 METRI STILE LIBERO DONNE – SARAH SJOSTROM 23.67 (2017)

Simone Manuel ha vinto l’argento olimpico cinque anni fa nei 50 stile con 24.09. E’ diventata la prima americana sotto i 24 secondi nel 2017 (23.97), e poi ha vinto il titolo mondiale due anni fa a Gwangju in 24.05.

Manuel è stata sotto 24.3 otto volte nella sua carriera. Claire Curzan ha nuotato il suo personale in 24.17 il mese scorso. La 16enne potrebbe spingere la Manuel a realizzare un tempo più veloce di quello che le sarebbe bastato per vincere i Trials e volare a Tokyo.

3 decimi che separano la Manuel dal record del mondo sono tanti in un solo 50, ma se qualcuno può farlo ai Trials, Simone Manuel è colei che ha maggiori possibilità.

9)  400 METRI STILE LIBERO DONNE –  3:56.46, Katie Ledecky (2016)

Come ha fatto nel 2016, Katie Ledecky si conserverà il massimo della forma possibile per le Olimpiadi. Ii 400 stile libero saranno però la sua prima gara ai trials, e consigliamo tutti di non perdervela.

Cinque anni fa, Ledecky ha vinto i Trials in 3:58.98, quando il suo record del Mondo era di 3:58.37. A Rio, un mese dopo lo ha distrutto, portandolo a 3:56.46.

Da allora non si è più avvicinata a quello standard, ma se vuole far sapere al mondo che è tornata la Ledecky di sempre, i Trials saranno il miglior palcoscenico.

8). 800 METRI STILE LIBERO DONNE – 8:04.79, Katie Ledecky (2016)

Ancora lei. si.

Proprio come per il 400, Katie Ledecky ha stabilito il record del mondo in 8:04.79 a Rio de Janeiro.

Quest’anno, la 24enne ha nuotato 8:13.64 a marzo e 8:14.48 a maggio.

Vincerà gli 800  facilmente, e quel record è certamente molto lontano, ma dopo aver vinto il titolo mondiale 2019 in 8:13.5, potrebbe diventare impaziente e voler fare già le cose in grande.

7) 100 STILE LIBERO UOMINI – 46.91, Cesar Cielo (2009)

Come i 200 stile libero femminili, il record mondiale dei 100 stile libero maschili è stato sui libri per 12 anni. Potrebbe sembrare sciocco suggerire che il primato potrebbe cadere ad Omaha, soprattutto quando l’uomo più quotato per farlo non sarà completamente scarico.

Tuttavia, ci sono diversi fattori che potrebbero far sì che questa sia una gara storicamente veloce.

In primo luogo, Caeleb Dressel ha mancato di poco il record del mondo, di cinque centesimi ai campionati del mondo 2019 nuotando in 46.96.

Dobbiamo guardare quanto è competitiva questa gara negli USA.

Dietro Dressel, ci sono altri 4 potenziali olimpici per la gara individuale, per non contare poi il posto nella staffetta veloce. Nathan Adrian, Ryan Held, Zach Apple, Blake Pieroni, Maxime Rooney.

6. 100 metri rana donne – 1:04.13, Lilly King (2017)

Se c’è una cosa che sappiamo di Lilly King, è che lei odia perdere. Ed anche se raramente l’abbiamo vista perdere, appena poche settimane fa Benedetta Pilato le ha strappato dalle mani il record del mondo nei 50 metri rana.

Anche se i 50 rana non sono nel programma olimpico, la King ha il carattere per lanciare dichiarazioni al mondo. Il suo record nei 100 rana è di 1:04.13 dal 2017. Da allora, il miglior tempo nuotato è stato (solo) 1:04.93.

5. 200 metri dorso donne – 2:03.35, Regan Smith (2019)

Regan Smith ai Mondiali del 2019 ha distrutto il record mondiale di Missy Franklin nelle semifinali dei 200 metri dorso femminili con un mostruoso 2:03.35.

Smith ha poi vinto l’oro in 2:03.69, e nessun’altra negli Stati Uniti si avvicina a quel tempo.

In realtà la Smith ha già un piede nella squadra olimpica, il che potrebbe togliere qualsiasi preoccupazione e spingerla fino al limite delle sue possibilità.

4. 100 metri farfalla uomini  – 49.50, Caeleb Dressel (2019)

L’unico record del mondo che Dressel possiede in vasca lunga è nei 100 metri farfalla.

Questa è una gara dove Dressel non avrà alcun problema di vincere. Anche se nuotasse un secondo sopra il suo record del mondo sarebbe comunque il vincitore della finale. Tuttavia, lo abbiamo visto stabilire record del mondo in vasca corta quando non ne aveva bisogno. In vasca lunga, ai mondiali del 2017, nuotò un crono di 50.08 nelle batterie, e proveniva da un personale di 50.87.

3. 100 metri dorso uomini – 51.85, Ryan Murphy (2016)

Ryan Murphy è stato il miglior dorsista del mondo nel 2016 e sembra essere deciso a dimostrare che lo è  ancoranel 2021.

Murphy cinque anni fa vinse i Trials ad Omaha in 52.26, superando David Plummer e Matt Grevers. A Rio andò a vincere l’oro olimpico in 51.97 e stabilì il record del mondo in apertura della staffetta mista con 51.85.

La sfida più forte di Murphy non è tanto nei confini americani, ma dall’altra parte del mondo, dove i russi Evgeny Rylov e Kliment Kolesnikov staranno a guardare uno dei migliori candidati per il podio olimpico.

2. 1500 metri stile libero donne – 15:20.48, Katie Ledecky (2018)

Nel 2018, Katie Ledecky ha distrutto il record del mondo di cinque secondi in un incontro delle Pro Swim Series con 15:20.48. Nel 2019, ai Mondiali in Corea, non gareggiò a causa di problemi di salute.

Se vuole sferrare un attacco a se stessa, i Trials potrebbero essere una buona opportunità. L’unico ostaclo potrebbe però essere il programma gare. Nello stesso giorno ci sarà la finale dei 1500 e quella dei 200 metri stile libero.

1. 100 metri dorso donne – 57.57, Regan Smith (2019)

I 100 dorso femminili sono uno degli eventi più attesi dell’incontro, e per una buona ragione.

Il sesto tempo di iscrizione appartiene a Claire Curzan, ed è un tempo che avrebbe vinto l’argento ai campionati mondiali 2019.

Dopo il suo fenomenale 200 dorso di Gwangju, Smith ha nuotato il record mondiale in apertura di staffetta con 57.57, diventando la prima donna sub-58 nella storia.

Dietro di lei, il campo comprende anche l’ex detentrice del record mondiale Kathleen Baker, la vincitrice dei Trials 2016  Olivia Smoliga, Rhyan White, Phoebe Bacon e Claire Curzan.

 

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »