Carraro-bis, Pizzini, Rivolta e Baker da record. Show al Nico Sapio.

by Francesco Torrese 0

November 10th, 2017 Italia

Nel capoluogo ligure è cominciata questa mattina una delle tappe di avvicinamento al Campionato Italiano di vasca corta, che si terrà a Riccione l’1-2 dicembre, valevole per conseguire i tempi limite per partecipare al Campionato Europeo in vasca Corta di Copenaghen.

Il 44° Trofeo Nico Sapio, diventato ormai un’istituzione, ha visto quest’anno oltre 1500 atleti iscritti. Il programma spalmato in due giornate ha visto questa mattina le batterie di qualificazione e nel pomeriggio le finali.

La prima è stata quella dei 100 farfalla donne.

Ilaria Bianchi con una gestione molto equilibrata chiude avanti a tutte le avversarie con il crono di 57.35, a soli due decimi da quanto richiesto per Copenaghen, seguita dalla statunitense Kendyl Stewart 57.78 e da Elena Di Liddo 58.01.

Nei 200 farfalla uomini lottano bracciata su bracciata Matteo Rivolta e Giacomo Carini. A spuntarla è stato il campione in forza alle Fiamme Oro Roma, infatti Matteo anticipa al tocco Giacomo Carini di appena 22 centesimi chiudendo in 1:56.34 e nuovo record della manifestazione, nonché personal best. Sul terzo gradino del podio lo svizzero Noè Ponti che chiude in 1:57.90.

Basta aspettare pochi minuti per vedere anche il primo testa a testa femminile. Nei 50 rana è Martina Carraro a toccare per prima in 30.78 davanti ad Arianna Castiglioni 31.14 e alla Bat 31.25.

Nei 100 dorso arriva la conferma da parte di Simone Sabbioni. L’atleta classe ’96 dopo un’annata non particolarmente felice sembra essersi ritrovato ed il 51.25 che gli permettere di chiudere in prima posizione ne è la riprova. Alle sue spalle arrivano la nuova generazione targata Thomas Ceccon, che con 51.70 segna anche il proprio personale, e Lorenzo Mora 51.73.

Nella distanza doppia al femminile impressiona la prova di forza dell’americana Kathleen Baker che chiude in 2:01.68 siglando il nuovo record della manifestazione e relegando in seconda posizione la “Fenice” Federica Pellegrini con 2:05.49. Terzo posto per la 2000 Giulia Ramatelli in 2:09.52.

Nella gara più veloce in assoluta è Luca Dotto a fare la voce grossa. L’atleta del Centro Sp.vo Carabinieri si piazza avanti a tutti con un incoraggiante 21.61. Nyls Korstanje e Meiron Cheruti completano il podio con 22.05 e 22.08.

Luca-Dotto-ECH-by-Peter-Sukenik-www.petersukenik.com-6553

Con i 100 rana la Carraro fa doppietta. Martina dopo essersi aggiudicata la distanza più breve della rana conquista anche le quattro vasche con il tempo di 1:06.36. Arianna Castiglioni, ben lontana dagli standard a cui ci ha abituato, non va oltre il terzo posto in 1:08.03 chiudendo anche dietro un’ottima Francesca Fangio in 1:07.71 che segna il proprio personale.

Prove generali anche per Luca Pizzini che vince i 200 rana in 2:08.24, nuovo record della manifestazione, relegando sui rimanenti gradini del podio Edoardo Giorgetti 2:10.39 e Miguel Ojeda De Lara 2:10.44.

Spettacolo nella finale dei 50 dorso donne dove l’olandese Kira Toussaint trionfa in 26.93 davanti al duo formato dalla Baker e da Tania Quaglieri che fanno 27.08 e 27.09. Per l’atleta classe 2000 riprende il percorso in ascesa verso l’élite del nuoto italiano.

Beffato nei 100 stile libero Dotto da un grande Alessandro Miressi. L’atleta delle Fiame Oro Roma sfreccia al fianco del compagno di nazionale e chiude in prima posizione con il tempo di 47.88. Dotto non va oltre un modesto 48.17, seguito dal tedesco Marius Kusch in 48.30.

I 200 stile “orfani” della Divina sono una ghiotta occasione per molte atlete, ma a mettere la mano avanti a tutte è Aglaia Pezzato con il crono di 1:58.16. La Musso chiude in seconda posizione insieme alla Romei con il tempo di 1:59.15.

Il campione italiano della rana veloce Fabio Scozzoli ci prende gusto e si cimenta anche nei 50 farfalla e lo fa con buoni risultati. L’atleta dell’esercito chiude in seconda posizione in 23.51 alle spalle dell’olandese Mathys Goosen 23.31 e avanti al tedesco Kusch 23.65.

Laura Letrari, courtesy of Rafael Domeyko, Rafael Domeyko Photography

Nei 200 misti femminili Laura Letrari si impone con forza. La chiusura a stile in 30.09 le permette di aggiudicarsi la finale con il crono di 2:09.72 suo miglior tempo di sempre, lasciando solo le briciole ad Anna Pirovano 2:10.54 e a Sara Franceschi 2:11.15.

In chiusura di giornata ottima prova anche per Domenico Acerenza. Il Napoletano del Circolo Canottieri Napoli si aggiudica la serie dei 1500 stile in 14:45.72 stabilendo il nuovo record della manifestazione.

Per i risultati completi della prima giornata clicca qui.

 

In This Story

Leave a Reply

Be the First to Comment!

wpDiscuz