Antidoping: Il CAS Assolve In Appello Il Brasiliano Gabriel Santos

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 0

February 14th, 2020 Italia

Il CAS ha emesso la sua decisione nella procedura di arbitrato d’appello tra il nuotatore brasiliano Gabriel Santos e FINA.

A Giugno del 2019, il 23enne Gabriel Santos è risultato positivo ad un test antidoping alla sostanza “clostebol”.

Contestualmente, la squadra ISL DC Trident sospese Santos, in esecuzione della politica ferrea nei confronti del doping adottata dalla International Swimming League.

A Luglio 2019, la FINA pubblicava la decisione di sospendere il nuotatore per otto mesi, a far data dal 20 Maggio 2019.

Oggi, è stata pubblicata la decisione d’appello della Corte di Arbitrato dello Sport.

Il CAS ha statuito che:

 “Santos è stato dichiarato colpevole di una violazione (ADRV) per la quale non ha alcuna colpa o negligenza. Non gli sarà imposto alcun periodo di ineleggibilità”.

Secondo il CAS la presenza della sostanza proibita non era voluta dall’atleta, ma risultato di una contaminazione.

Si è dunque accolta l’eccezione di Santos. Il nuotatore ha sempre sostenuto di essere entrato in contatto con la sostanza accidentalmente

LA DECISIONE INTEGRALE DEL CAS

Riportiamo di seguito la decisione integrale tradotta dall’inglese. Potete trovare qui il testo originale.

Nel maggio 2019, Gabriel Da Silva Santos è stato sottoposto a un controllo antidoping fuori gara.

Il campione è risultato positivo alla presenza della sostanza proibita Clostebol. Un agente anabolizzante esogeno che compare nella lista delle sostanze proibite.

A seguito di un’indagine, il FINA Doping Panel ha sanzionato con un periodo di inammissibilità di un anno a partire dal 20 luglio 2019.

Nel suo ricorso al CAS, Gabriel Da Silva Santos ha chiesto che la decisione impugnata venga annullata e che non gli venga imposto alcun periodo di ineleggibilità. In alternativa, la sanzione minima disponibile contenuta nelle norme applicabili in materia.

È stato accettato dalle parti che la presenza di Clostebol non è stata intenzionale. E’ nata da una contaminazione incrociata.

Il panel CAS ha ritenuto all’unanimità che, nelle circostanze di questo caso, nessuna colpa o negligenza debba essere attribuita all’atleta.

Alla luce di questa constatazione, il Panel ha applicato l’Articolo 10.4 del Regolamento FINA per il controllo antidoping, che stabilisce che in caso di constatazione di assenza di colpa o negligenza, qualsiasi periodo di ineleggibilità altrimenti applicabile sarà completamente eliminato.

Di conseguenza, il periodo di ineleggibilità di un anno imposto dal Panel Doping FINA a Gabriel Da Silva Santos è stato eliminato e non è più in vigore. 

In This Story

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »

Want to take your swimfandom to the next level?

Subscribe to SwimSwam Magazine!