Semifinale #1 Day 2 ISL 2020: Risultati E Recap Live

INTERNATIONAL SWIMMING LEAGUE SEMIFINALE 1- RECAP LIVE DAY 2

Seconda e ultima parte del programma gare della prima semifinale di International Swimming League 2020. Al termine di questo turno sapremo i nomi delle prime due squadre finaliste.

La classifica dopo la giornata di ieri è la seguente:

  1. ENERGY STANDARD 291.0
  2. LONDON ROAR 270.0
  3. TOKYO FROG KINGS 208.0
  4. NY BREAKERS 114.0

Il passaggio all’ultimo turno sembra essere già una questione tra London Roar e Energy Standard che iniziano la sfida di oggi con soli 21 punti di distanza. Se l’equilibrio mostrato fino ad ora dovesse confermarsi ancora, le skin race potrebbero risultare decisive ai fini della classifica finale.

Ricordiamo che Energy Standard ha scelto la farfalla per la Skin Race femminile mentre i London Roar hanno preferito la rana in campo maschile.

Torneranno in acqua tutti i protagonisti della prima giornata, che hanno alzato il livello della competizione. Abbiamo infatti assistito al primo record del mondo di questa edizione, grazie al 50 dorso di Kira Toussaint. Ci sono stati inoltre diversi primati continentali e nazionali. Tra questi il record italiano di Benedetta Pilato nei 50 rana femminili che vale anche come WJR.

PROGRAMMA GARE DAY 2 SEMIFINALE 1

  • 100 stile libero donne /uomini
  • 200 farfalla donne /uomini
  • 100 dorso donne/ uomini
  • 100 misti donne /uomini
  • 200 stile libero donne / uomini
  • 50 farfalla done/ uomini
  • 100 rana donne /uomini
  • 4×100 stile libero mixed
  • 400 misti donne /uomini
  • Skin Race donne
  • Skin Race uomini

Day 2 Start List

RISULTATI LIVE SEMIFINALE #1

100 STILE LIBERO FEMMINILI

Non scende in acqua nei 100 stile libero Sarah Sjostrom ma Energy Standard piazza due atlete al primo e al terzo posto. Siobhan Haughey vince con il nuovo record asiatico, 51,12 per la ragazza di Hong Kong. Alle sue spalle Freja Anderson che tenta la rimonta sulla coppia ES ma riesce a superare solo Femke Heemskerk che conclude al terzo posto. Le prime 4 atlete nuotano sotto il limite dei 52″.

100 STILE LIBERO MASCHILI

Florent Manaudou nuota sotto i 46″ e si impone nei 100 stile maschili, è il terzo a riuscirci in questa edizione ISL.

Super prestazione per il velocista francese che era apparso deluso dal 50 fatto ieri. ES piazza due atleti davanti a tutti con Rylov al secondo posto nonostante l’assenza di Kliment Kolesnikov.

200 FARFALLA FEMMINILI

Suzuka Hasegawa resta imbattuta nei 200 farfalla femminili e vince la 5 gara su 5. 2:03.95 per la vittoria davanti a Chimrova e Shimizu. 16 punti per i Tokyo Frog Kings che ne recuperano ben 13 ai London Roar e puntano al 2° posto.

200 FARFALLA MASCHILI

Chad Le Clos non perde il vizio di giocare con gli avversari gestisce la gara come un elastico prima di accelerare nell’ultima fase del 200 concludendo in 1:50.64. Secondo Tomoru Honda e al terzo posto Andreas Vazaios.

100 DORSO FEMMINILI

Grande attesa per il ritorno in acqua della neo primatista mondiale nei 50 dorso Kira Toussaint. 55.90 per l’olandese che guadagna quasi due decimi di secondo sulle avversarie solo dalla reazione al blocco. Seconda Emily Seebohm in 56.17 e doppietta Tokyo Frog Kings al 3° e 4° posto.

100 DORSO MASCHILI

I 100 dorso maschili sono una delle gare più combattute di questa semifinale. Un piccolo problema tecnico al device di Kolesnikov ha rallentato la partenza della gara ma non ha influito sulla prestazione del russo. Nuota 49.38 e vince in rimonta su Guilherme Guido che si migliora e nuota 49.83.

100 MISTI FEMMINILI

Runa Imai vince i 100 misti femminili in 57.77 grazie ad un’ottima prestazione nella frazione a rana dove supera Sarah Sjostrom, seconda in 58.26.

100 MISTI MASCHILI

Michael Andrew vince i 100 misti davanti al primatista mondiale Vladimir Morozov. E’ la prima vittoria per i NY Breakers in 51.66 e 12 punti in dote per il team americano. Morozov, per i Tokyo Frog Kings è l’unico altro atleta a nuotare sotto i 52″ in 51.78

CLASSIFICA PROVVISORIA

  1. Energy Standard 388.0
  2. London Roar 342.0
  3. Tokyo Frog Kings 285.0
  4. NY Breakers 163.0

200 STILE LIBERO FEMMINILI

Si ripropone la sfida tra Siobhan Haughey e Freya Anderson con Heemskerk a rinforzare le fila di Energy Standard. Ed è doppietta proprio dei campioni in carica che vincono con Haughey in 1:51.36 e Heemskerk in 1:52.24 che dimostra di aver recuperato la forma dopo la quarantena.

200 STILE LIBERO MASCHILI

Passaggio veloce degli atleti di Tokyo con Duncan Scott che accelera ai 100 metri e conclude in 1.40.76 davanti a Rapsys che era rimasto nelle retrovie per 3/4 di gara e conclude in 1:41.54.

50 FARFALLA FEMMINILI

50 farfalla femminili, preludio della Skin Race che si terrà in conclusione di questa semifinale. Sorpresa dalla corsia 7 dove Arina Surkova vince con il tempo di 24.87 davanti al duo Banic/Sjostrom con la statunitense che ha la meglio sulla campionessa svedese.

50 FARFALLA MASCHILI

4 atleti in soli 8 centesimi all’arrivo dei 50 farfalla maschili. La spunta Kawamoto su Chad Le Clos e Marius Kusch. 22.50 per la vittoria del giapponese di un centesimo sul sudafricano.

100 RANA FEMMINILI

Alia Atkinson torna a nuotare su tempi di altissimo livello vincendo i 100 rana in 1.2.66, a soli 3 decimi dal primato mondiale. Benedetta Pilato è seconda e nuota in 1.03.55 segnando il nuovo record italiano assoluto. Il precedente era 1:03.67 nuotando sempre da Benedetta a Budapest nel match di Regular Season ISL.

100 RANA MASCHILI

Secondo record del mondo in 2 giorni di gare alla International Swimming League. Adam Peaty nuota 55.59 e abbassa il primato mondiale dei 100 rana maschili. Il precedente risaliva al 2009 nuotato da Camero Van Der Burgh con i costumi gommati in occasione di una tappa di coppa del mondo, 55.61.

Alle sue spalle super prestazione anche in Ilya Shymanovich che conclude la gara in 55.69.

4X100 STILE LIBERO MIXED

Dopo la clamorosa doppietta nella rana i London Roar si aggiudicano anche l’unica staffetta del programma odierno. 3:15.17 per i londinesi davanti a Energy Standard 3:15.56

28 punti totali per le due formazioni London Roar.

400 MISTI FEMMINILI

400 misti femminili che si confermano affare dei Tokyo Frog Kings grazie alla vittoria di Yui Ohashi IN 4:23.25. A 4 decimi Sydney Pickrem

400 MISTI MASCHILI

E anche al maschile la vittoria va ai Tokyo Frog Kings con Kosuke Hagino in 4:02.40 davanti. Litchfield e Almeida.

SKIN RACE FEMMINILE (FARFALLA)

ROUND 1

Primo round che vede superare il turno le due atlete ES insieme alla vincitrice della gara individuale Arina Surkova e Maria Kameneva.

ROUND 2

Sarah Sjostrom vince eil secondo round e porta con sé in finale la compagna di squadra Madi Banic. Maria Kameneva perde i punti a vantaggio della Sjostrom.

FINAL ROUND

Nonostante Madi Banic sfrutti al massimo partenza e subacquea non può nulla contro la forza di nuotata di Sarah Sjostrom che conquista la vittoria della skin e del premio MVP della semifinale con 65 punti.

SKIN RACE MASCHILE (RANA)

ROUND 1

1° dei 3 da 50 che compongono la Skin Race con Peaty davanti a Shymanovich, Prigoda e Lima. Il tempo di Peaty, 25.48 è inferiore a quanto registrato in gara individuale ieri.

ROUND 2

La finale sarà nuovamente la sfida tra Peaty e Shymanovich. 25.74 e 25.89 per giocarsi l’ultimo round. Fuori Prigoda e Lima.

FINAL ROUND

Finisce con la vittoria di Adam Peaty nella Skin Race la prima semifinale ISL 2020. 25.70 per l’inglese che conquista 35 punti e si pone al secondo posto della classifica MVP (52.5)

CLASSIFICA FINALE

  1. ENERGY STANDARD 580.0
  2. LONDON ROAR 517.5
  3. TOKYO FROG KINGS 380.5
  4. NY BREAKERS 239.0

Sono Energy Standard e London Roar le prime due squadre finaliste dell Imternation Swimming League 2020.

 

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »