Quando i Tuoi Figli Non Vogliono Andare All’Allenamento

Può esserci un pomeriggio in cui i nostri figli non vogliono andare ad allenarsi.

Significa che vogliono lasciare questo sport? Forse, ma più probabilmente potrebbero volere una pausa o un giorno libero.

Il nuoto è uno sport difficile. È impegnativo a causa dell’enorme quantità di ore settimanali che occupa, sia come nuotatore, sia come genitore.

Durante l’adolescenza, poi, ci sono cose che sembrano più attraenti di due ore a soffrire in acqua. La fidanzata, un giro con gli amici, un pomeriggio ad oziare sul divano.

I nostri figli devono essere padroni del loro sport e devono desiderare davvero essere in piscina ad allenarsi.

Ecco cinque cose a cui pensare quando tuo figlio vuole saltare l’allenamento.

UNO

Sono bambini.

Il tuo bambino è solo questo – un bambino prima di tutto. Sì, i nostri bambini sono nuotatori, ma in realtà sono bambini che amano nuotare. Sono figli e figlie, fratelli e sorelle, amici e studenti, prima di essere nuotatori. Mantenere il loro sport in prospettiva nel
quadro generale può aiutarci quando preferiscono non andare in piscina.

DUE

Prendi un impegno.

Proviamo a prendere un impegno insieme ai nostri figli. Una stagione, oppure un anno solare in cui si impegnano nel nuoto. Decidiamo insieme che alla fine di quest’impegno sono liberi di decidere se tornare a nuotare oppure dedicarsi ad altro.

Questo approccio può insegnare ai bambini la responsabilità e creare un approccio diverso verso questo sport.

TRE

Leggi i segni.

Se tuo figlio dice di avere sempre troppi compiti o di non sentirsi mai troppo bene per allenarsi, forse sta cercando di inviare dei segni. Se l’interesse verso questo sport va a scemare chi vive ogni giorno la sua quotidianità dovrebbe capire tali segnali. Magari non lo dirà mai apertamente per paura di deludere le aspettative. Facciamo noi il primo passo e tendiamo la mano verso un dialogo aperto e libero.

QUATTRO

Parliamone.

La comunicazione può aiutarti a capire perché tuo figlio non vuole andare ad allenarsi.
Secondo la National Alliance for Youth Sports, il 70 per cento dei bambini ha abbandonato lo sport all’età di 13 anni perché “non è più divertente”. C’è qualcosa che accade in piscina che devi sapere? Si sentono come se non stessero facendo progressi? I loro amici sono ancora nella squadra e si presentano agli allenamenti? Si stanno divertendo? Essere in grado di parlare con i nostri figli dei loro sentimenti può aiutarci a capire cosa sta succedendo e, auspicabilmente, aiutarli.

CINQUE

Ogni bambino è diverso

Anche i nuotatori più talentuosi possono perdere interesse nel nuoto. Per quanto possa essere doloroso per i genitori che hanno consumato la strada da e per la piscina per anni, dobbiamo capire che ogni bambino ha interessi e passioni diverse. Possono avere degli obiettivi per nuotare da professionisti, oppure vogliono semplicemente provare qualcosa di nuovo. Come genitori, possiamo sostenere i nostri figli con amore incondizionato e rispettare le loro scelte. Se scelgono di lasciare il nuoto, possono tornare a questo sport in seguito e ricordarsi perché lo hanno amato così tanto.

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per caso, …

Read More »

Don't want to miss anything?

Subscribe to our newsletter and receive our latest updates!