Tokyo 2020 Vietate Immagini Sui Social Degli Atleti Che Si Inginocchiano

Secondo un rapporto da The Guardian, il Comitato olimpico internazionale (CIO) e gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo 2020 hanno vietato ai loro social media manager di pubblicare immagini di atleti che si inginocchiano per protesta.

La decisione arriva dopo che cinque squadre di calcio si sono inginocchiate sul campo prima dell’inizio delle partite di apertura.

Il Guardian cita un “insider”. Viene affermato che il divieto è stato “ordinato dall’alto martedì sera ora di Tokyo”.

I media di tutto il mondo hanno scritto sulle proteste e pubblicato le foto degli atleti inginocchiati. Tuttavia nessuna di quelle foto è apparsa su qualsiasi sito ufficiale o canali social media delle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Scrive  The Guardian:

“Un insider ha detto al Guardian che hanno trovato la posizione del CIO strana. L’organizzazione celebra immagini iconiche di protesta. Tra questi Tommie Smith e John Carlos alzarono i pugni per protestare contro l’ingiusto trattamento delle persone di colore negli Stati Uniti alle Olimpiadi del 1968″.

L’oscuramento delle foto di protesta è in antitesi con il passo verso la libertà di espressione fatto dal CIO.

In precedenza, la regola 50 dello statuto del CIO aveva permesso agli atleti di esprimersi in interviste con i media, ma non sul campo di gioco.

Poiché l’opinione pubblica ha spinto contro questa regola, il CIO ha aggiornato le sue politiche. Ora sono consentite le libere espressioni delle proprie opinioni prima che la competizione inizi.

Le regole vietano ancora espressioni, proteste e dichiarazioni politiche sul podio.

Sarà importante per capire la posizione del CIO, osservare la trasmissione degli eventi sulle reti olimpiche.

LA REGOLAMENTAZIONE DEL COMITATO OLIMPICO US

Il Comitato Olimpico e Paralimpico degli Stati Uniti (USOPC) ha recentemente pubblicato le sue “regole per le proteste” per i Giochi di Tokyo.

Le regole delineano ciò che deve essere considerato appropriato sulla base di uno “sforzo collaborativo tra il Team USA Council on Racial and Social Justice e USOPC“.

L’USOPC riconosce, l’applicazione generale a tutti i partecipanti delle regole del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e Comitato Paralimpico Internazionale (IPC).

Le azioni permesse nell’area “Racial & Social Justice Demonstrations,” (dimostrazioni di giustizia razziale e sociale) sono definite come:

“Una manifestazione, che non include alcun elemento inammissibile, che è esplicitamente finalizzata a

  1. promuovere la giustizia razziale e sociale;
  2. promuovere la dignità umana di individui o gruppi che sono stati storicamente sottorappresentati. 

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »