Perché il Record Del Mondo Di Milak Nei 200 Farfalla Non Era Scontato

È un concetto abbastanza costante nel mondo dello sport. Una volta che un atleta raggiunge un certo livello di grandezza, di dominio, diventa quasi scontato che continueremo a vederlo ancora e ancora.

È stato a lungo il caso dell’ormai ritirato Michael Phelps, della sempre dominante Katie Ledecky e, recentemente, l’ungherese Kristof Milak ha iniziato a raggiungere quel livello, almeno in una gara.

Milak ha frantumato il decennale record mondiale di Phelps nei 200 farfalla maschili ai Campionati del Mondo 2019. Con il tempo di 1:50.73 cancellò il decennale record di 1:51.51 stabilito da Phelps nel 2009.

Dopo questa prestazione, il dominio di Milak nell’evento è davvero decollato. L’anno scorso ha conquistato la decisiva medaglia d’oro olimpica con il tempo di 1:51.25.

In vista dei Campionati del Mondo del 2022, Milak deteneva sei delle 10 nuotate più veloci di tutti i tempi nei 200 farfalla, con Phelps che deteneva le altre quattro.

Dato che Milak ha vinto il titolo olimpico con due secondi e mezzo di vantaggio, è arrivato ai Mondiali come una garanzia per l’oro e per molti era scontato che avrebbe abbassato il suo record del mondo.

Ma forse non era così scontato come pensavamo.

CAMBIO DI ALLENATORE

Kristof Milak (photo: Jack Spitser)

Dopo i 200 farfalla di Tokyo, Milak era arrabbiato per non aver battuto il record del mondo. Lo ha capito chiunque abbia visto la sua reazione post-gara in piscina.

“Ero così sicuro di aver sprecato così tante energie per il costume che non avrei ottenuto questo record del mondo, quindi ho semplicemente nuotato”, ha detto Milak dopo l’evento. “Queste piccole cose, piccole sfumature, possono influire sulla nuotata perché si perde la concentrazione”. Poco prima della gara Milak dovette cambiare il costume.

Dopo i Giochi, Milak si è separato dal suo storico allenatore, Attila Selmeci. Ha iniziato la preparazione con Balazs Virth.

Allenatore molto conosciuto negli ambienti del nuoto ungherese, Virth ha aiutato Daniel Gyurta a conquistare il titolo olimpico nei 200 rana maschili alle Olimpiadi di Londra del 2012. Ha anche allenato Boglarka Kapas nel periodo del titolo mondiale 2019 nei 200 farfalla femminili.

“Ho sentito che sarebbe stato meglio per me cambiare. Avrei potuto prepararmi in modo più efficace, in un modo più favorevole per me”, ha detto Milak a RemoNews lo scorso anno.

“Ho pensato a lungo con chi proseguire la mia carriera. Ho ascoltato le opinioni di diverse persone. Esaminato le possibili soluzioni sotto tutti gli aspetti e le prospettive, e ho scelto Balazs”.

Cambiare allenatore è sempre un azzardo per qualsiasi atleta, soprattutto per chi ha già raggiunto i vertici del proprio sport. Milak avrebbe potuto rimanere con Selmeci e continuare a dominare i 200 farfalla e a costruire sulla base dei 100 nuotati a Tokyo (49.68). Ma voleva di più.

I MALANNI PRIMA DELL’INCONTRO

COVID A NOVEMBRE

Avendo avuto problemi polmonari per anni, Milak ha deciso di sottoporsi a un intervento chirurgico al setto nasale e alle tonsille nel dicembre 2021 per alleviare i problemi. È risultato positivo al COVID poco dopo i Campionati europei in vasca corta 2021, il che gli ha impedito di partecipare ai Mondiali di Abu Dhabi. Con l’apertura del suo programma, ha deciso di occuparsi del problema che, a suo dire, lo ha ostacolato per tutta la sua carriera di nuotatore d’élite.

“Ho cercato di trovare un periodo adatto per tre o quattro anni. Ora sono arrivato al punto in cui ne sento già il bisogno, non è piacevole vivere con questo problema”, ha detto Milak all’outlet ungherese M4 Sport lo scorso anno.

“Ha un’influenza notevole sulla mia vita quotidiana e sulle mie prestazioni. Sarò in grado di tornare ad allenarmi a pieno regime a gennaio, il che mi darà abbastanza tempo per prepararmi ai campionati mondiali”.

Dopo aver subito l’intervento, il 22enne ha dovuto affrontare altri problemi in vista dei Mondiali. Prima dei Campionati nazionali ungheresi di aprile, si è ammalato di nuovo.

febbre alta ad aprile

“La mia preparazione (per i campionati nazionali) è andata abbastanza bene, fino a quando non ho avuto una brutta malattia”, ha detto Milak alla FINA in aprile.

Ho avuto la febbre alta per tutta l’ultima settimana di allenamento a Tenerife, e questo mi ha smontato completamente”.

“Avevo bisogno di una settimana per recuperare le forze. Venendo qui non avevo in mente obiettivi temporali. Piuttosto volevo imparare di più su me stesso, su cosa sono in grado di fare in questa forma”.

Ai campionati nazionali di Debrecen, Milak ha ottenuto un tempo di 1:53.88 nei 200 farfalla. Nello stesso incontro dell’anno precedente (un mese prima, a marzo), era stato molto più veloce, con 1:52.50. Prima di battere il record mondiale nel 2019, Milak aveva nuotato1:53.19 a marzo.

“La malattia lo ha seriamente ostacolato, non dimentichiamolo”, ha detto l’allenatore Virth a Index.hu a proposito delle sue prestazioni ai nazionali. “Se fosse stato in salute, avrebbe già nuotato in 1:52. Ma la sfortuna ci ha colpito. Si è ammalato di nuovo per una settimana dopo il campionato ungherese”.

PERFORMANCE A BUDAPEST

Sebbene abbia recuperato la sua forma in tempi relativamente brevi, considerando la pausa che è stato costretto a prendersi a causa dell’intervento chirurgico e della malattia che ha dovuto affrontare, le stelle dovevano ancora allinearsi perfettamente perché Milak raggiungesse la sua forma da record del mondo a Budapest.

E ci è riuscito in pieno. Davanti al suo pubblico di casa.

Milak ha avuto una partenza fulminante nella finale dei 200 farfalla, prima di resistere e battere il suo record del mondo con il tempo di 1:50,34.

Dopo aver realizzato il tempo più veloce della storia con numerose interruzioni degli allenamenti, Virth ha dichiarato che Milak avrebbe potuto essere ancora più veloce se tutto fosse andato bene nei mesi precedenti, ma ha aggiunto: “Non siamo insaziabili”.

Milak ha assaporato il momento  a Budapest.

Kristof Milak courtesy of Fabio Cetti

“Non ricordo bene la mia nuotata. Credo di aver spinto un po’ di più nei primi 100 metri. Per questo è stato così doloroso alla fine, ma volevo davvero questo record mondiale. Lo volevo più di ogni altra cosa”, ha detto dopo la gara.

“Il pubblico mi ha dato una spinta enorme. Voglio dire, questa è la mia casa, la mia piscina. Mi alleno qui. Gareggio qui.  La corsia quattro mi appartiene. Volevo davvero dimostrare qualcosa di grande per queste persone fantastiche.

“L’oro olimpico significa molto, ma vincere qui, con un nuovo record del mondo, davanti a 4000 persone, eclissa tutto”.

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of

0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale graduated high school at the Italian Liceo Classico "T.L. Caro" where she was engaged in editing the school magazine. In 2002, she was among the youngest law graduates of the  Federico II University of Naples (ITA). She began her career as a Civil Lawyer, becoming licensed to practice law …

Read More »