Klete Keller Si Consegna Alla Polizia E Si Scusa Con Il Suo Ex Allenatore

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 0

January 19th, 2021 Italia

Klete Keller non aveva ancora parlato con i media da quando SwimSwam ha dato la notizia la scorsa settimana che era all’interno del Campidoglio degli Stati Uniti il 6 gennaio. Ma secondo il New York Times, ha parlato con gli ex allenatori e ha espresso il suo rimorso. Mark Schubert, che era l’allenatore di Keller alla USC, ha detto al Times che ha chiamato il suo ex nuotatore dopo essere stato accusato dalla Corte distrettuale degli Stati Uniti di tre capi d’accusa relativi alla rivolta della capitale. Keller è scoppiato in lacrime e si è scusato con Schubert, dicendo:

“Hai fatto tanto per me, e io ti ho deluso”.

Il coinvolgimento di Keller nella rivolta a Capitol Hill ha sconvolto la comunità natatoria americana. Si sono tutti chiesti come può un rappresentante del Paese ai massimi livelli (3 Olimpiadi) partecipare al tentativo di sovvertire il processo democratico di certificazione delle elezioni?

Keller non ha rilasciato ancora nessuna intervista, ma dalla conversazione con Schubert possiamo avere l’idea del suo pensiero:

“Non volevo che accadesse nulla di tutto questo”

Questa frase è stata ripetuta più volteKeller ha avuto difficoltà ad adattarsi alla vita fuori dalla piscina.

In un’intervista del 2018 a USA Swimming ha detto:

“Nel giro di pochi anni, sono passato da medaglia d’oro olimpica a marito, proprietario di casa, ragazzo con una serie di lavori di vendita. Padre di tre figli. Ho avuto davvero difficoltà ad accettare chi ero senza nuotare nella mia vita”

 “Il nuotatore è stato la mia identità per la maggior parte della mia vita. Sono passato rapidamente ad altri ruoli e non mi sono mai dato il tempo di mettermi a mio agio con loro. Ho davvero lottato con le cose. Non mi piaceva il mio lavoro. Quell’infelicità e la mancanza di identità hanno iniziato a insinuarsi nel mio matrimonio”.

Dopo il divorzio, Klete Keller ha vissuto una profonda depressione. Per quasi un anno è stato senza dimora ed ha dormito in macchina.

“Pagavo gli alimenti per i miei figli e non potevo permettermi un posto. Così ho vissuto in macchina per quasi un anno. All’epoca avevo una Ford Fusion, quindi a un metro e ottantacinque, era difficile fare la stanza per dormire. Ma l’ho fatta funzionare”.

Keller ha detto a USA Swimming che, dopo aver toccato il fondo, si è rimesso a lavorare per risalire. Stava vendendo immobili commerciali e aveva assunto un avvocato per rivendicare il diritti di vedere i suoi figli, che non vedeva da anni dopo un’aspra battaglia per la custodia.

Ora rischia 15 anni e mezzo di carcere se viene condannato per tutti e tre i capi d’accusa a suo carico:

  • ingresso violento
  • condotta disordinata
  • ostacolo all’applicazione della legge.

Keller si è consegnato alle forze dell’ordine alla fine della scorsa settimana ed è stato rilasciato, senza cauzione, con restrizioni sui suoi movimenti.

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »