Il Comitato Organizzatore Deciderà Sul Pubblico Tokyo 2020 Non Il CIO

Sarà il comitato organizzatore di Tokyo 2020 a decidere in merito agli spettatori alle prossime Olimpiadi.

Ad affermarlo è il presidente del Comitato Olimpico Internazionale (CIO) Thomas Bach.

Dopo una riunione di 6 ore, i leader del CIO hanno discusso e poi approvato l’Agenda Olimpica 2020+5.

Il presidente del CIO Thomas Bach ha risposto a più domande sul tema degli spettatori alle prossime Olimpiadi.

Ha dichiarato Bach:

“Questa sarà la decisione dei nostri partner e amici giapponesi e noi rispetteremo e accetteremo questa decisione. Questo riguarda anche i tempi della decisione perché solo loro possono sapere cosa significa per le norme sanitarie nel loro paese, cosa significa per il comitato organizzatore e cosa significa per la situazione generale in Giappone. Quindi, questo è il motivo per cui ho già detto nel mio discorso di apertura, che siamo al fianco del Giappone senza alcuna riserva”.

Le dichiarazioni arrivano dopo che il capo di Tokyo 2020 Seiko Hashimoto ha affermato che il comitato organizzatore non sta considerando un piano che vieterebbe gli spettatori alle Olimpiadi.

I Giochi Olimpici attirano tradizionalmente milioni di spettatori da paesi di tutto il mondo.

Secondo i dati pubblicati dal CIO, circa 6,2 milioni di biglietti sono stati acquistati per i giochi olimpici 2016. Per i Giochi di Tokyo sono più di 4,5 milioni di biglietti già acquistati prima dell’inizio della pandemia di coronavirus.

Non è ancora chiaro se gli spettatori internazionali saranno ammessi. La domanda è stata posta as Hashimoto, la quale non ha dato una risposta diretta. Secondo The Guardian  una decisione in tal senso sarebbe già stata presa ed ai prossimi Giochi saranno esclusi spettatori non giapponesi.

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »