WADA Pubblica I 14 Diritti Degli Atleti: Introdotto Il Risarcimento Dei Premi

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha pubblicato un documento dove si elencano i diritti antidoping degli atleti. Questi includono la ridistribuzione del montepremi dopo un test antidoping fallito e il diritto degli atleti di certificare l’identificazione degli ufficiali di controllo.

La legge sui diritti antidoping degli atleti comprende 14 categorie specifiche di diritti garantiti dal Codice antidoping della WADA e dai relativi standard internazionali. L’elenco comprende anche altre tre categorie di diritti che non sono universalmente obbligatori ai sensi del codice WADA.  Gli atleti però incoraggiano le singole organizzazioni antidoping ad adottarle.

La carta si basa sul codice antidoping  della WADA, che entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2021.

La WADA afferma che l’elenco dei diritti è stato “sviluppato dagli atleti, per gli atleti” e approvato dal Comitato esecutivo della WADA nel novembre del 2019.

Ecco due tra i più importanti diritti degli atleti espressi nei 14 punti:

DIRITTI DURANTE UNA SESSIONE DI RACCOLTA DEL CAMPIONE

Gli atleti hanno il diritto di certificare l’identificazione da parte degli ufficiali di controllo antidoping. Gli atleti hanno il diritto di conoscere l’autorità dietro la raccolta del campione – ad esempio, se il test è stato ordinato tramite FINA, WADA o un’agenzia nazionale antidoping come NADO.

L’identificazione degli agenti di controllo antidoping è stata un punto critico nel caso di Sun Yang, in cui il nuotatore cinese Sun ha contestato l’identificazione e le credenziali degli agenti di controllo antidoping. Sun ha ricevuto una pena di 8 anni di squalifica a seguito di quella violazione.

Secondo la legge WADA gli atleti hanno diritto:

  •  di chiedere ulteriori informazioni sul processo di raccolta dei campioni
  •  di essere informato del tipo di raccolta del campione (urina, sangue, ecc.) E delle condizioni che devono essere rispettate prima della raccolta del campione
  • all’idratazione (a meno che non abbiano già fornito un campione troppo diluito)
  • di essere accompagnato da un rappresentante
  • a  “ritardare la segnalazione alla stazione di controllo antidoping per validi motivi
  •  di essere informato dei propri diritti e responsabilità
  • a documentare eventuali dubbi sulla procedura
  • di ricevere una copia dei documenti della sessione di raccolta dei campioni.

DIRITTO AL RISARCIMENTO

Una novità molto interessante è data dall’introduzione del diritto degli atleti “lesi” da comportamenti sleali.

Gli atleti hanno il diritto di “perseguire un altro atleta o altra persona le cui azioni hanno danneggiato quell’atleta con la violazione di una regola antidoping“. In teoria, ciò significa che un atleta potrebbe presentare una denuncia legale contro un altro atleta che non ha superato un test antidoping, sebbene tale processo dipenda dalle leggi di un determinato paese.

Il “diritto al risarcimento” impone inoltre che quando un’organizzazione antidoping spoglia un atleta di premi in denaro a seguito di un test antidoping fallito, l’organizzazione dovrebbe lavorare per ridistribuire quei soldi agli atleti che “avrebbero avuto diritto ad essa se l’atleta squalificato non avesse gareggiato “.

 

L’ELENCO COMPLETO DEI DIRITTI DI ATLETA

LEGGI IL DOCUMENTO WADA QUI

  1. Uguaglianza di opportunità
  2. Programmi di test equi ed giusti
  3. Cure mediche e protezione dei diritti di salute                                                                                      (Ciò include il diritto di richiedere esenzioni per uso terapeutico (TUE) che consentono sostanze proibite per gli atleti con una condizione medica documentata.)
  4. Diritto alla giustizia
  5. Diritto alla responsabilità
  6. Diritti degli informatori
  7. Diritto all’istruzione
  8. Il Diritto alla protezione dei dati
  9. Diritto al risarcimento
  10. Diritti delle persone protette
  11. Diritti durante una sessione di raccolta dei campioni
  12. Diritto all’analisi del campione B.
  13. “Altri diritti e libertà”
  14. Applicazione e posizione

Diritti degli atleti “consigliati”:

Diritto a un sistema antidoping privo di corruzione;
Il Diritto di partecipare alla governance e al processo decisionale;
Diritto all’assistenza giudiziaria.

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »