Shayna Jack Positiva A Ligandrol. Le Reazioni Di Mack Horton E Della ISL

Shayna Jack ha dichiarato che nei suoi campioni sono state trovate tracce di Ligandrol.

Conosciuto anche come “selective androgen receptor modulator (SARM) LGD-4033”, è stato originariamente sviluppato per il trattamento di condizioni di deperimento muscolare come l’invecchiamento, osteoporosi, distrofia muscolare e cancro. E’ promosso come agente anabolizzante selettivo non steroideo. (Australian Sports Anti-Doping Authority).

I FATTI

Il 26 giugno l’australiana Shayna Jack è stata sottoposta ad un test antidoping.

Attraverso il suo account personale Instagram, il 14 Luglio Jack annuncia il suo ritiro shock dai Campionati del Mondo.

Il 27 Luglio, ancora una volta attraverso il suo account personale Instagram, rivela il motivo del ritiro. Non spiega la sostanza alla quale era risultata positiva.

Sempre il 27 Luglio, Swimming Australia rilascia un commento ufficiale, ma non rivela la sostanza coinvolta.

Il CEO Leigh Russell ha dichiarato, “in base alla specifica legislazione che disciplina il regime australiano di test antidroga, Swimming Australia viene informata di qualsiasi risultato negativo dei test, così come WADA e FINA. Nell’ambito del processo, tutti i dettagli devono rimanere riservati fino a quando ASADA non ha completato le sue indagini, l’atleta ha diritto a un giusto processo e ad un risultato determinato”.

POSITIVITA’ DI ENTRAMBI I CAMPIONI (A E B)

Il 28 Luglio, Shayna Jack rivela attraverso il suo profilo Instagram, di essere risultata positiva al Ligandrol.

View this post on Instagram

Follow the link in my Bio for my truth – Shayna Jack

A post shared by Shayna Jack (@shayna_jack) on

Nel documento scritto dalla Jack, l’atleta afferma di non aver mai intenzionalmente preso alcuna sostanza proibita.

LE REAZIONI DI HORTON E BOXALL

Il Sidney Morning Herald ha pubblicato il commento del capo allenatore della squadra di Shayn Dean Boxall:

“Sono stato chiamato nella stanza quando lei è stata informata. Non ho mai visto nessuno così sconvolto”

Jack non voleva che il risultato del test fosse reso pubblico per paura che potesse turbare i compagni di squadra ai mondiali. Ciò significa che Boxall e pochi dipendenti selezionati, sapevano di doverlo tenere segreto.

Dice Boxall:

“Naturalmente è stato difficile perché stai cercando di preparare i tuoi atleti per un campionato del mondo. E i miei atleti hanno nuotato abbastanza bene qui. Di certo non l’ho detto a nessuno, nemmeno a mia moglie”.

“Sono sempre stato in contatto con lei. La ragazza è devastata. Sostengo Shayna, sostengo Swimming Australia e certamente sostengo la nostra posizione sulla tolleranza zero per l’uso di doping”.

“Lo stesso vale per Shayna. Ecco perché se n’è andata immediatamente. Abbiamo seguito il processo. E ‘stato messo in atto ed è stato eseguito.

“Lei combatterà e noi combatteremo con lei e Swimming Australia combatterà con lei. Credo in Shayna. Credo fortemente nella sua storia. Conosco la mia atleta. Questa è una storia molto, molto triste. Dobbiamo passare attraverso il processo, rispettarlo e fidarci di esso.

Il Commento di Horton

Mack Horton, compagno di squadra di Shayna Jack, agli ultimi Mondiali ha pubblicamente espresso le sue idee sul doping. Durante la cerimonia di premiazione dei 400 metri stile libero, si rifiutava di salire sul podio insieme a Sun Yang.

Mack Horton ha rilasciato la seguente dichiarazione a Seven News:

“Sono rimasto deluso nell’apprendere che un collega membro del team Dolphins aveva recentemente restituito un campione A positivo”.

“Plaudo alla decisione di ritirare immediatamente l’atleta in questione da ulteriori competizioni fino a quando la questione non sarà risolta”.

“La mia posizione rimane ferma – lo sport pulito deve essere una priorità per tutti gli atleti, tutti gli sport e tutte le nazioni”.

SOSPENSIONE DA ISL

L’International Swimming League (ISL) ha annunciato il 29 Luglio in un comunicato stampa che l’australiana Shayna Jack è stata sospesa dalla lega, in attesa del completamento dei procedimenti antidoping da parte degli “organi di governo appropriati”.

Andrea Di Ninoamministratore delegato della ISL, ha dichiarato:

“Come ho detto il mese scorso, nessuna violazione delle regole antidoping sarà trascurata. Questo è un altro caso che serve a ribadire la nostra posizione sulle sostanze vietate e sulla violazione delle regole di controllo del doping. Nessun comportamento di questo tipo sarà mai perdonato. Fin dall’inizio, l’ISL è stata un sostenitrice della trasparenza e dello sport pulito. Tutti gli atleti che hanno precedenti di doping o di violazione etica saranno considerati inammissibili senza alcun ricorso”.

Il direttore generale della squadra ISL Cali Condors, Jason Lezak ha aggiunto:

“Siamo impegnati in un futuro senza doping all’ISL e sosteniamo completamente l’applicazione delle sue politiche da parte della Lega”.

 

In This Story

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »

Want to take your swimfandom to the next level?

Subscribe to SwimSwam Magazine!