Phelps: Volevo Farla Finita, Il Comitato Olimpico US Deve Fare Di Più

In una recente intervista con David Axelrod, conduttore del podcast della CNN The Ax Files , Michael Phelps ha dichiarato che il Comitato Olimpico degli Stati Uniti (USOC) deve fare di più per aiutare gli atleti che lottano contro la depressione.

“L’USOC secondo me non ha fatto nulla per aiutarci dopo le Olimpiadi, e penso che sia triste. Penso che sia un peccato ed è qualcosa a cui stiamo lavorando ora “, ha detto Phelps.

Nell’estate del 2016, Phelps, l’olimpionico più decorato di tutti i tempi, ha condiviso la sua battaglia contro la depressione.

Nonostante i suoi numerosi successi, Phelps, per un certo periodo, pensava che la sua vita non fosse significativa o appagante.

LA STORIA DI PHELPS

La storia di Michael Phelps ha avuto delle cadute davvero difficili da immaginare:

  • Autunno 2004: Phelps viene condannato per DUI. DUI è l’abbreviazione di “driving under the influence” (guida in stato di ebbrezza o sotto l’uso di sostanze stupefacenti)
  • Autunno 2008 Phelps venne fotografato mentre fumava da un bong
  • Ottobre 2014 Phelps viene arrestato per DUI;
  • Novembre 2014 Phelps entra in riabilitazione;
  • Agosto 2015 Phelps domina i trials USA
  • 2016 –  Olimpiadi di Rio De Janeiro

I giorni successivi al suo secondo arresto, nel 2014 sono stati i più oscuri.

Phelps ha dichiarato che che nei giorni tra l’arresto e l’udienza di convalida in tribunale, ha pensato più volte di suicidarsi.

“Ho attraversato dopo i Giochi almeno tre o quattro periodi depressivi. Si, ho messo la mia vita in pericolo”, ha detto Phelps.

Phelps, con l’aiuto di amici e familiari, ha superato la sua depressione. Sebbene la storia di Phelps sia ben nota, non è l’unico olimpionico ad aver sofferto di depressione ripetutamente e per lunghi periodi di tempo.

Allison Schmitt e Missy Franklin hanno entrambe parlato delle loro difficoltà con la depressione, e la Schmitt, in particolare, è stata molto attiva nel promuovere la consapevolezza della salute mentale negli Stati Uniti.

L’INIZIO DURANTE L’ADOLESCENZA

Phelps, come molti atleti superstar, ha fatto irruzione sulla scena internazionale in giovane età, quindici anni, per la precisione.

Phelps era un liceale adolescente con tutti i travagli che ciò comporta. A questo però si aggiungeva la pressione che su di lui si faceva sempre maggiore come atleta professionista.

Dei suoi anni da adolescente e da adolescente/nuotatore, Phelps ha dichiarato:

Ci sono stati momenti della mia crescita in cui nuotavo e mi allenavo con aggressività. Ho nuotato con molta rabbia “, ha detto Phelps,” e, sì, parte di quella rabbia probabilmente proveniva da casa. Proveniva da ciò che stavo attraversando nella nostra vita domestica. . . . Ho fatto uscire parolacce sott’acqua. C’erano delle volte in cui spingevo contro il muro, e sia per il dolore che per la rabbia, mi uscivano le peggiori imprecazioni “.

Phelps è uno degli atleti più longevi della Nazionale Americana. Questo gli ha anche dato una comprensione approfondita di come l’USOC sposi giovani atleti emergenti che ritiene abbiano il potenziale per vincere medaglie alle Olimpiadi.

Alludendo ad una sorta di porta girevole che attraversano i vincitori di medaglie, Phelps ha detto:

“Quando torniamo a casa suona come ‘Okay, controlla. Chi è il prossimo bambino in arrivo? Dov’è il prossimo? ‘ E penso sia triste. ”

IL RUOLO DEL COMITATO OLIMPICO DEGLI STATI UNITI

I commenti di Phelps esprimono sentimenti espressi sia dagli atleti olimpici sia dai semplici spettatori.

SwimSwam ha recentemente parlato con Sally Jenkins del Washington Post, che ritiene che l’intero Consiglio esecutivo dell’USOC debba essere licenziato e sostituito . La raccomandazione di Jenkins arriva sulla scia del caso di abusi sessuali di Larry Nassar che ha devastato centinaia di atleti, molti dei quali ginnasti ma anche alcuni nuotatori. USA Ginnastica, come USA Swimming, è un ente governativo nazionale sotto l’USOC.

Attualmente, più di 250 vittime di Nassar hanno citato in giudizio la Michigan State University e la USA Gymnastics dinanzi al tribunale federale, sostenendo di non essere stati protetti dalla USA Gymnastics.

Una ex nuotatrice, Marie Anderson, ha anche testimoniato di essere stata maltrattata da Nassar durante una “manovra pelvica” per curare un infortunio alla schiena quando aveva 15 anni.

Alcune squadre, come l’ex Club Wolverine di Phelps, hanno già integrato la salute mentale nei loro programmi di allenamento .

Tuttavia, non tutte le squadre e gli allenatori sono preparati per farlo.

Gli allenatori di nuoto dovrebbero capire come funzionano le menti dei nuotatori, ma in generale.

Nessuno si aspetta o pretende che un allenatore sia in grado o sappia come aiutare un nuotatore a superare la depressione, l’ansia o un’altra malattia mentale.

Nell’estate del 2017, Phelps è stato nominato nel consiglio di amministrazione della società di tecnologia medica australiana Medibio , che ha sviluppato una tecnologia che aiuta nella diagnosi dei disturbi mentali inclusa la depressione e lo stress cronico.

In This Story

Leave a Reply

Be the First to Comment!

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per caso, …

Read More »

Don't want to miss anything?

Subscribe to our newsletter and receive our latest updates!