Anthony Ervin E Il CAA: La Neutralità Mette A Tacere Le Minoranze

Mercoledì scorso la Commissione Atleti del Comitato Olimpico Internazionale ha rilasciato le proprie raccomandazioni sulle modifiche alla Rule 50, che regola la libertà di espressione degli atleti ai Giochi Olimpici. Dopo aver consultato oltre 3. 500 atleti, più di due terzi degli intervistati ritiene che non debbano svolgersi proteste durante:

  • la cerimonia di apertura
  • le competizioni
  •  la cerimonia di chiusura
  •  la consegna delle medaglie.

I risultati del sondaggio e le raccomandazioni hanno scatenato però la reazione di un certo numero di atleti e organizzazioni, che hanno mostrato sostegno per gli atleti che scelgono di protestare.

L’USOPC Athlete Advisory Council ha rilasciato una dichiarazione via Twitter indicando il loro dispiacere per la posizione del CIO dicendo: “Fino a quando il CIO non cambierà il suo approccio di alimentare il mito della neutralità dello sport o di proteggere lo status quo, le voci degli atleti emarginati continueranno a essere messe a tacere. ”

 

Tra i membri del gruppo dirigente della CAA c’è il nuotatore Anthony Ervin, tre volte medaglia d’oro olimpica.

Ervin ha pubblicato un video in cui esprimeva il suo disappunto per le raccomandazioni della commissione atleti del CIO in cui diceva “Vuoi essere in cima a quel podio, e quei momenti, per quei pochi momenti, guiderai il tuo paese. Vuoi metterti in ginocchio? Guidaci (lead us) mettendoti in ginocchio. Vuoi alzare un pugno? Guidaci alzando un pugno. Vuoi piangere lacrime di gioia? Guidaci con le tue lacrime. ”

IL VIDEO DI ANTHONY ERVIN

 

GLOBAL ATHLETE CONTRO IL CIO

Il presidente della CAA è il bobbista e atleta dello skeleton Bree Schaaf, che lavora anche come manager del programma per Global Athlete.

GA è un “movimento internazionale guidato da atleti che ispirerà e guiderà un cambiamento positivo nello sport mondiale”.

Global Athlete ha rilasciato una dichiarazione contro le raccomandazioni del CIO e ha chiesto agli esperti di ricerca in scienze sociali di esaminare il sondaggio del CIO. Ha concluso che la metodologia era sia guidata che imperfetta. GA ritiene che le raccomandazioni del CIO “dettino ulteriormente quando, dove e cosa possono dire gli atleti. Questo è l’opposto della libertà di espressione “.

A marzo l’USOPC ha pubblicato le linee guida per le proteste degli atleti agli eventi delle prove olimpiche e paralimpiche. L’USOPC ha specificato che sta consentendo manifestazioni di giustizia razziale e sociale che promuovono gruppi storicamente sottorappresentati ed emarginati. Stanno anche proibendo simboli e slogan di odio come la bandiera confederata. Le raccomandazioni del CIO AC sono molto più generali in quanto guardano a come e dove gli atleti possono protestare piuttosto che a quali slogan e simboli specifici saranno consentiti o vietati.

L’Athleten Deutschland, gruppo indipendente che rappresenta gli atleti tedeschi, ha dato il proprio sostegno agli atleti che scelgono di protestare.  Johannes Herber, direttore esecutivo di AD, ha dichiarato

“Se gli atleti tedeschi decidessero di difendere pacificamente valori fondamentali come la lotta al razzismo durante i Giochi Olimpici, possono fare affidamento sul supporto legale di Athleten Deutschland”.

 

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »