Anteprime Mondiali: Il Mondo Oltre Dressel Nei 100 Stile Maschili

CAMPIONATI MONDIALI FINA 2022 – BUDAPEST

Anteprime Mondiali: avviciniamoci ai Campionati del Mondo di Budapest dando uno sguardo a quelle che saranno le gare con le sfide più emozionanti. 

100 METRI STILE LIBERO MASCHILI

  • World Record: César Cielo (BRA) – 46.91 (2009)
  • World Junior Record: David Popovici (ROU) – 47.30 (2021)
  • 2020 Olympic Champion: Caeleb Dressel (USA) – 47.02
  • 2019 World Champion: Caeleb Dressel (USA) – 46.96

Caeleb Dressel è il chiaro favorito per il titolo mondiale. Tuttavia, la gara dietro di lui è apertissima.

Ai Campionati Mondiali del 2019 e alle Olimpiadi del 2021, Dressel aveva come sfidante  l’australiano Kyle Chalmers, e ne uscito vincitore. ai Mondiali di quest’anno, mancheranno le medaglie d’argento e di bronzo delle scorse Olimpiadi: Chalmers ed il russo Kliment Kolesnikov.

Con l’assenza dei due, la corsa per salire sul podio ha una miriade di contendenti, anche se dobbiamo riconoscere che Dressel è tutt’altro che intoccabile vista la ricchezza di giovani talenti in questa gara.

La finale olimpica dello scorso anno ha fatto registrare i tempi di qualificazione più veloci della storia, e si preannuncia un’altra gara combattuta in cui tutti i contendenti potrebbero farsi avanti.

IL RANKING MONDIALE

2021-2022 LCM Men 100 Free

DavidROU
Popovici
08/13
46.86 WR
2Kyle
Chalmers
AUS47.3607/31
3Kristof
Milak
HUN47.4708/13
4Maxime
Grousset
FRA47.5406/21
5Josh
Liendo
CAN47.5506/21
View Top 27»

IL CLUB DEI 47″

Cinque nuotatori sono scesi sotto i 48 secondi in questa stagione e quattro sono in gara ai Mondiali: Dressel, Alessandro Miressi, Lewis Burras e Rafael Miroslaw.

Non giriamoci intorno: Dressel è il favorito.

È il campione olimpico e mondiale in carica, e il suo PB di 46,96 lo rende il terzo performer più veloce di tutti i tempi, e il più veloce di sempre in un costume in tessuto. In questa stagione, il suo personale è un 47,79 ai Trials statunitensi. A Greensboro, Dressel ha dichiarato che i 100 stile libero sono sempre l’ultimo evento che gli permette di “riprendersi” durante lo scarico.

MIRESSI/BURRAS

Il finalista olimpico Alessandro Miressi è a pari merito con Burras per il terzo tempo più veloce al mondo quest’anno in 47.88.

Miressi è il detentore del record italiano con il suo 47.45, mentre Burras ha ottenuto un nuovo PB in 47.88 ai Trials britannici, diventando il secondo britannico a scendere sotto i 48″. Ha toccato il muro a un centesimo dal record nazionale di Duncan Scott. Burras si è imposto sulla scena della velocità in modo straordinario e sta sfruttando questo slancio per arrivare a Budapest.

Rafael Miroslav agli Open di Berlino ha nuotato il suo primo sub 48″, 47,92. E’ il primo tedesco a ascendere sotto quel limite affermandosi come nuovo detentore del record nazionale. Come Burras, anche lui ha avuto una stagione in ascesa,  migliorando anche nei 200 stile libero.

I FINALISTI OLIMPICI CERCANO DI FARE UN PASSO AVANTI

Con Chalmers e Kolesnikov che non gareggeranno a Budapest, gli altri finalisti olimpici saranno una grande minaccia per le medaglie.

A Tokyo, Maxime Grousset è arrivato appena fuori dal podio, al quarto posto. Il suo miglior tempo stagionale è di 48,03, a circa mezzo secondo dal suo personale di 47,52.

Il quinto posto a Tokyo è andato al sudcoreano Hwang Sunwoo, che in semifinale nuotò il PB di 47,56, nuovo record asiatico. In questa stagione, il suo 48.42 è il 12° più veloce tra gli uomini in gara a Budapest. Ha compiuto 19 anni il 21 maggio.

Il diciassettenne David Popovici è spesso citato insieme a Hwang come un fenomeno adolescenziale in ascesa ed è anche uno da tenere d’occhio a Parigi 2024. Popovici è il detentore del record mondiale juniores con 47,30, un tempo che ha fatto registrare ai Campionati europei juniores dello scorso anno. In questa stagione ha nuotato 48,11, preparandosi a migliorare il suo settimo posto a Tokyo.

Nandor Nemeth completa i finalisti olimpici in gara ai Mondiali. Il suo miglior tempo è 47,81, anche se è stato più lento di circa un secondo rispetto ai Campionati nazionali ungheresi (48,87). Attenzione alla sua velocità di chiusura: nella finale olimpica ha fatto registrare il secondo 50 più veloce del campo (24.56).

ALTRI POSSIBILI PROTAGONISTI

  •  Brooks Curry. Ai Trials USA ha fatto registrare un 48,04. Curry ha avuto un anno di svolta nel 2021, qualificandosi per la sua prima squadra olimpica, e non ha rallentato questa stagione. A Budapest dovrebbe scendere per la prima volta sotto la barriera dei 48 secondi.
  • Tom DeanAnche Tom Dean cercherà di infrangere questa barriera per la prima volta. Ai Trials britannici si è piazzato secondo dietro a Burras in 48,06, il che lo rende una minaccia in questa occasione, oltre a essere uno dei favoriti per i 200 liberi. Più di recente, ha vinto i 100 stile alla tappa di Canet del Mare Nostrum.
  • Joshua Liendo. Ha fatto il suo debutto internazionale ai Campionati Mondiali del 2019 nella staffetta canadese. Tre anni e un’Olimpiade dopo, è tornato a gareggiare in tre gare individuali. Nei 100, ha nuotato 48,35 in questa stagione, a circa due decimi dal suo PB di 48,13.
  • Gabriel Santos ha vinto una gara emozionante al Brazil Trophy per qualificarsi con 48.64. Il suo PB è di  47.98 nel 2018. Se riuscirà a scendere a quel tempo, potrebbe fare da guastafeste ad alcuni degli altri atleti in cerca di una corsia in finale.

analisi a cura di Sophie Kaufman

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of

0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale graduated high school at the Italian Liceo Classico "T.L. Caro" where she was engaged in editing the school magazine. In 2002, she was among the youngest law graduates of the  Federico II University of Naples (ITA). She began her career as a Civil Lawyer, becoming licensed to practice law …

Read More »