Mindfulness E Tecnica: Due Ingredienti Per Una Stagione Da Protagonista

Articolo a cura di Jonathan Dray

Il nuoto richiede una miscela unica di prodezza fisica e acutezza mentale senza pari. Sebbene sia innegabile la necessità di un allenamento e di un condizionamento rigorosi, l’arma spesso trascurata dell’arsenale di un nuotatore di successo risiede nelle sue prestazioni mentali e nel modo in cui dirige la sua attenzione.

Questa settimana approfondiamo i benefici della consapevolezza nella nostra tecnica fin dall’inizio per garantire prestazioni elevate durante tutta la stagione.

ATTENZIONE E TECNICA

Al centro di ogni bracciata, virata e tuffo c’è la delicata interazione tra il corpo e la mente.

La mente orchestra movimenti complessi e regola le nostre risposte allo stress fisico e mentale che subiamo.

L’insidia è che a volte i nuotatori fanno queste cose con il pilota automatico, lasciando al caso le loro prestazioni mentali e tecniche.

Nel mondo altamente competitivo del nostro sport, sia per i nuotatori delle categorie giovanili che per le speranze olimpiche, la consapevolezza di sé è un superpotere.

La consapevolezza è come un’assicurazione di successo per un allenatore di nuoto.

Coltivando la consapevolezza nella nostra squadra, possiamo assicurarci che i nostri atleti siano più allenabili nella loro tecnica.

QUANDO CONCENTRARSI SULLA TECNICA

La risposta è sempre.

Tuttavia, utilizzare l’inizio della stagione per dedicare un po’ di tempo in più allo sviluppo dello stile è un approccio comune ed efficace che molti allenatori utilizzano oggi. Puoi pensare al lavoro sullo stile di inizio stagione come a un riscaldamento per la stagione.

Rallentando e immergendo i tuoi atleti nelle basi delle linee di flusso, nelle sfumature di ogni bracciata e nelle complessità delle loro virate, dei tuffi, tu, il loro allenatore, puoi aiutarli a raggiungere un livello che la forza grezza o la forza da sola non può dare.

Il modo migliore per farlo è con le esercitazioni.

Con le esercitazioni, i nuotatori diventano più attenti alla posizione del corpo in acqua, alla precisione e agli angoli delle bracciate, al ritmo della respirazione e altro ancora. Con il tempo, grazie a una pratica attenta, impareranno a sincronizzare tutte queste cose contemporaneamente.

Il nuoto veloce può essere ricondotto a due semplici principi.

#1. Diminuire la resistenza in acqua

La prima legge del nuotatore. Il corpo in movimento rimane in movimento finché non tocca l’acqua. Il tuffo è la parte più veloce della gara di un nuotatore: non c’è resistenza se non quella dell’aria. Una volta che il nuotatore tocca l’acqua, il coefficiente di resistenza aerodinamica sale alle stelle. A questo punto, si tratta di minimizzare la resistenza (tecnica).

#2. Massimizza la propulsione

Se metti in piscina un adulto che fa sollevamento pesi e non ha esperienza di nuoto e lo fai gareggiare con un nuotatore di 13 anni, le statistiche saranno a favore del nuotatore di 13 anni. La forza da sola non compensa la mancanza di tecnica. Aumentando le forze propulsive, possiamo aumentare la nostra velocità. Idealmente, questo, unito a un’ottima tecnica, significa ottenere dei PB.

Se i nuotatori si allenano secondo questi semplici principi fin dall’inizio della stagione e sono attenti alla tecnica, riusciranno a raggiungere ogni obiettivo.

COME ALLENARSI CON ATTENZIONE

  1. Identifica la parte della tecnica su cui tu e il tuo allenatore volete concentrarvi per la giornata (o per la serie).
  2. Presta attenzione a come ti senti nell’eseguire quel movimento.
  3. Osserva come quel movimento influisce sulla tua efficienza, sulla tua energia e sulla tua velocità.
  4. Osserva cosa succede quando apporti piccole modifiche a quel movimento.

Con la ripetizione, stai costruendo una libreria di memoria nel tuo corpo su come muoverti in acqua in modo efficiente e veloce.

È naturale che la mente vaghi altrove.

Quando ti accorgi che la tua mente sta divagando, torna a concentrarti su ciò che stavi facendo.

Per l’allenatore, l’introduzione della consapevolezza nella sessione di allenamento può assumere diverse forme.

Potrebbe essere semplicemente una discussione di gruppo prima dell’ora d’acqua in cui si parla di cosa significhi essere consapevoli del proprio corpo in acqua o di come la consapevolezza di sé influenzi l’allenamento e le gare.

Per altri, invece, potrebbe essere una sessione di meditazione o di lavoro sul respiro prima dell’allenamento.

Ci sono squadre che fanno sessioni di yoga in cui gli atleti hanno l’opportunità di sentire come reagisce il loro corpo.

Sempre più squadre e atleti d’élite incorporano nell’allenamento la visualizzazione, lo yoga, la meditazione, il lavoro sul respiro e un’attenzione generale alla mindfulness.

Dedicare più tempo all’inizio della stagione per discutere ed educare gli atleti al nuoto consapevole può dare risultati straordinari, anche immediati.

L’IMPORTANZA DELLA MINDFULNESS DI INIZIO STAGIONE

Ogni stagione porta con sé nuove pressioni e stress.

Il peso delle aspettative, il desiderio di esibirsi e la paura di fallire possono creare un paesaggio mentale ingombro di distrazioni.

Rallentando la mente e concentrandosi sulle abilità tecniche, i nuotatori possono dirigere la loro attenzione su ciò che possono controllare e immergersi nel ritmo meditativo delle loro bracciate.

Il cambiamento mentale che consiste nel reindirizzare l’attenzione verso la tecnica fin dall’inizio attenua l’impatto negativo dello stress di inizio stagione sul corpo e consente ai nuotatori di sfruttare l’energia prodotta dallo stress e di incanalarla nell’allenamento.

Uno dei maggiori punti di forza di un nuotatore, che può davvero distinguerlo, è la capacità di apportare modifiche in tempo reale alla nuotata e all’energia in base al feedback che il corpo gli fornisce.

Questo significa una forma migliore e una migliore distribuzione dell’energia nel corso di una serie o di una gara.

Se vogliono davvero distinguersi, i nuotatori dovranno sviluppare la consapevolezza dei propri stati emotivi e di come regolarli.

Man mano che i nuotatori si esercitano nelle abilità tecniche, diventano anche più attenti ai loro stati mentali.

LONGEVITÀ DELL’ATLETA

Un’altra ragione per prendere in considerazione lo sviluppo della tecnica all’inizio della stagione è la longevità dell’atleta.

Un’insidia comune tra i nuotatori agonisti è il burnout, causato dalla ricerca incessante della velocità senza un’adeguata attenzione al recupero e al perfezionamento della tecnica.

Abbracciando un approccio equilibrato che valorizza la precisione tecnica attraverso il nuoto consapevole, le squadre possono creare le basi per un miglioramento costante e per la longevità dei loro atleti.

La costanza nell’esercizio delle abilità tecniche garantisce una traiettoria costante verso l’alto, in contrasto con i picchi e le depressioni spesso associati a un’unica attenzione alla velocità.

I piccoli traguardi raggiunti nello sviluppo dello stoke infondono un senso di scopo e di appagamento che previene il rischio di burnout emotivo.

CONCLUSIONI

La mente è un serbatoio di potenziale non sfruttato.

Investendo del tempo nell’educazione alla mindfulness e al suo rapporto con la tecnica (e quindi con il nuoto veloce) all’inizio della stagione, gli allenatori possono rendere la stagione dei loro atleti e delle loro squadre a prova di bomba.

Questo approccio non solo ottimizza l’utilizzo dell’energia e riduce l’ansia e lo stress, ma coltiva anche una maggiore consapevolezza che si traduce in una migliore tecnica decisionale durante le gare.

Coltiva inoltre la costanza e il successo a lungo termine, prevenendo il burnout e garantendo una carriera natatoria soddisfacente e duratura.

Quando le onde della competizione si alzano, sono i nuotatori che navigano nelle acque con una mente serena e una tecnica precisa ad avere successo.

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of

0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale graduated high school at the Italian Liceo Classico "T.L. Caro" where she was engaged in editing the school magazine. In 2002, she was among the youngest law graduates of the  Federico II University of Naples (ITA). She began her career as a Civil Lawyer, becoming licensed to practice law …

Read More »