La Profondità Di David Popovici E La Sua Mentalità In Vista Dei Mondiali

Se stavi cercando una finestra sulla mente del 18enne detentore del record mondiale David Popovici, un recente articolo di El Pais ha approfondito la sua mentalità in vista dei Campionati Mondiali del 2023 che si terranno la prossima settimana a Fukuoka, in Giappone.

David, conosciuto anche con il suo nome d’arte su Instagram, “Chlorine Daddy”, ha sempre dato l’impressione di essere più saggio dei suoi anni nelle interviste. Tuttavia, questa in particolare ha prodotto una serie di citazioni memorabili da parte del doppio campione del mondo in carica nei 100 e 200 stile libero.

Popovici ha ricordato come il suo sponsor gli abbia chiesto di scegliere un animale che lo rappresentasse nella sua linea di costumi da bagno e cappellini.

Il neodiplomato “voleva qualcosa di alfa, il predatore più importante della catena alimentare” e ha fatto avanti e indietro tra uno squalo, un’aquila, un’orca e un coccodrillo.

“Poi la mia ragazza ha avuto un’idea – odio ammetterlo, ma è stata lei”, ha detto Popovici.

“Ha suggerito una libellula. Sì, un insetto.

Le libellule sono creature bellissime e delicate che scivolano senza sforzo sulla superficie dell’acqua, non nuotano né si muovono completamente in aria.

La mia ragazza ha detto che quando nuoto sembro una libellula.

Sono predatori veloci, creature intelligenti e non si affidano alla forza bruta.

Mi piace l’idea di essere una libellula, di planare senza sforzo.

La cosa migliore del nuoto è che mi fa sentire leggero e mi aiuta a dimenticare tutte le negatività della vita.  Il passato, il futuro e lo stress che prima o poi ci raggiunge tutti”.

SULLA FILOSOFIA GRECA E LO STOICISMO:

Popovici è appassionato di filosofia greca e stoicismo grazie al suo allenatore, Adrian Radulescu.

Le sue letture più recenti sono state:

  •  Oblomov;
  • Il conte di Montecristo;
  • The Mamba Mentality di Kobe Bryant;
  • Michael Jordan di Roland Lazenby;
  • Le lettere di Epicuro;
  • Lettere di uno stoico di Seneca;
  • Meditazioni di Marco Aurelio
  • I Dialoghi di Platone.

Popovici ha condiviso il modo in cui applica questa linea di pensiero alla sua carriera di nuotatore.

Ha detto Popovici.

Epicuro, Seneca e soprattutto Marco Aurelio mi hanno aiutato a trovare la felicità.

Non è la felicità convenzionale di cui si parla: risate, lacrime di gioia e grandi sorrisi.

È la felicità che deriva dalla realizzazione.

La mia definizione di felicità è trovare un equilibrio e l’unica cosa che conta è ciò che ho nella mente e nel cuore.

È quando mi sento bene durante gli allenamenti e le gare, indipendentemente dai risultati”.

“Ogni gara è unica e rappresenta un’opportunità per mostrare ciò su cui si è lavorato”, ha continuato.

“Non è una dimostrazione di potenza. Nel grande schema delle cose, il mondo non cambierà di una virgola anche se vincerò 300 medaglie olimpiche.

Ciò che farà davvero la differenza è come e cosa scelgo di condividere attraverso il mio lavoro, come faccio sentire le persone e i messaggi che posso inviare.

Questo lascerà un segno: usare la mia immagine e la mia voce per una causa più grande.

“Il nuoto è solo il mio lavoro e vincere o perdere fa parte di esso”, ha aggiunto.

“Voglio essere qualcosa di più.

Può sembrare pretenzioso, ma questa nuova vita mi è arrivata all’improvviso.

La gente mi riconosce per strada. E questo mi fa fermare e pensare, sai? Cosa conta davvero per me? È solo il nuoto? Beh, nuotare è fantastico, ma ciò che è ancora più importante è usare il nuoto per fare del bene.

Come insegnare alle persone a trovare la felicità attraverso lo sport. Fai qualcosa! Esci e muoviti perché siamo tutti bloccati in questi corpi per il resto della nostra vita!”.

SUL SUO STILE NON CONVENZIONALE:

Popovici ha attribuito il suo stile anticonvenzionale in piscina a sua madre, che ha celebrato le sue differenze invece di incoraggiarlo ad adattarsi ai suoi coetanei.

“Ho sempre voluto distinguermi”, ha detto.

“Mia madre mi ha sempre messo in guardia dal cercare di fondermi con la folla e questo ha influenzato il mio stile. Il mio allenatore se n’è accorto subito. Il mio stile non è convenzionalmente corretto, soprattutto per le gare che nuoto di solito, i 100 e i 200 metri stile libero. Ma non ha cercato di cambiarlo. Nuoto ancora esattamente come quando ero bambino”.

SULLA SUA DECISIONE DI FREQUENTARE L’UNIVERSITÀ IN ROMANIA:

“Se ci fossero opzioni migliori, potrei prendere in considerazione l’idea di andare in un altro paese”, ha detto Popovici.

“Ma voglio mantenere l’intesa che ho con il mio allenatore.

Mi piacciono le persone che mi circondano e l’atmosfera che si respira.

Mi piace questa città, Bucarest.

È strana e mi piace girarla in bicicletta, ma è così grande che continuo a perdermi.

Si incontrano bellissimi edifici giganteschi, vecchi palazzi in rovina, edifici classici e latini e alcuni risalenti all’era comunista da cui non ci siamo ancora ripresi del tutto.

C’è un sacco di opulenza e poi vedi tutti quei senzatetto che non hanno un posto dove passare la notte. Tutte quelle persone ricche che cercano di ostentare la propria fortuna come se avesse un significato.

Si vedono più supercar a Bucarest che a Milano! Ci sono molte cose da sistemare qui. Alla fine mi piacerebbe essere una voce che raggiunge le persone che hanno bisogno di aiuto.

Credo davvero di poter usare la mia immagine per avere un impatto positivo nel mio Paese”.

SULL’ESSERE VISTO COME UN’ARTISTA:

“Mi piacerebbe essere considerata un’artista, ma questo dipende dal significato che la gente attribuisce al mio nuoto”, ha detto Popovici.

“L’arte può essere qualsiasi cosa che tocchi davvero qualcuno”.

“C’è un’arte nella semplicità”, ha aggiunto.

“In realtà è molto difficile. Per far sembrare semplice qualcosa, devi padroneggiare le cose complicate. Mi colpiscono di più gli chef che riescono a prendere piatti base e a renderli assolutamente deliziosi, piuttosto che quei piatti complessi con ingredienti esotici che hanno un sapore strano.

Essere bravi nella semplicità richiede una grande abilità, perché la verità è che nulla è mai semplice“.

LA STORIA DELLE ORIGINI

Popovici è entrato a far parte del miglior club di Bucarest (Aquateam) all’età di 10 anni, ma è stato presto retrocesso di livello perché faceva troppe domande e saltava gli esercizi.

Fu allora che venne assegnato a Radulescu, all’epoca appena venticinquenne con una recente laurea in educazione fisica.

“Ho visto un’intervista a Orson Welles in cui gli veniva chiesto: “Cosa ti ha fatto pensare di poter girare Citizen Kane con uno stile così poco ortodosso?””. Radulescu ha ricordato. E lui rispose: “Pura ignoranza: era il primo film che facevo e non ne sapevo di più. Inoltre avevo un direttore della fotografia che non diceva mai di no’. David è il mio direttore della fotografia”.

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of

0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale graduated high school at the Italian Liceo Classico "T.L. Caro" where she was engaged in editing the school magazine. In 2002, she was among the youngest law graduates of the  Federico II University of Naples (ITA). She began her career as a Civil Lawyer, becoming licensed to practice law …

Read More »