Junya Koga: Durante La Sospensione Per Doping Ho Pensato Al Suicidio

L’olimpionico giapponese Junya Koga ha scontato una sospensione di 2 anni dopo essere risultato positivo per il Ligandrol nel marzo del 2018. La pena è stata pienamente scontata e, a partire dal 14 maggio di quest’anno, il dorsista 32enne è idoneo a cercare un posto nella squadra per i Giochi del 2020 che si terranno a Tokyo.

Il divieto, inzialmente di 4 anni, è stato ridotto a 2 anni dal CAS. Il panel ha sostenuto che la probabile causa del suo test positivo era la contaminazione di alcuni integratori  ingeriti inconsapevolmente.

Koga, argento nei 50 dorso ai mondiali di Budapest 2017, ha recentemente parlato con i media giapponesi in merito all’ impatto emotivo che questo evento ha avuto su di lui.

Il velocista afferma che:

“All’epoca, sentivo che non c’era futuro per me e tutto mi si stava chiudendo addosso … poi l’idea del suicidio iniziò a strisciarmi in testa.

“Mi capitava spesso di restare tutto il giorno seduto sul divano, guardare la TV e rendermi conto che era arrivata la notte. Poi pensavo: il balcone è proprio lì, se salto tutto il dolore sparirà.

“Non potevo nemmeno uscire perché sapevo che tutti conoscevano la mia situazione. Avevo paura di uscire. Ho perso 8 kg in una settimana perché non riuscivo a mangiare affatto. “

Koga ha anche parlato di come manchi una struttura di supporto in Giappone per aiutare nelle situazioni in cui gli atleti ingeriscono involontariamente sostanze illegali.

“Non avevo nessuno con cui parlare. È fondamentalmente”

“Vorrei che ci fosse un’organizzazione o un gruppo in grado di consigliare e supportare gli atleti che si ritrovano in una situazione come la mia”

Per quanto riguarda l’integrazione e il rischio di ingerire sistanze dopanti, Koga riconosce che:

“Non esiste un supplemento sicuro al 100%. È possibile che si verifichino contaminazioni durante il processo di fabbricazione. Ho sentito che la tecnologia di laboratorio è avanzata e sono in grado di rilevare una quantità molto piccola di sostanza. Nel mio caso, credo che sia stata rilevata una piccola quantità. Probabilmente a causa delle condizioni del mio corpo, di ciò che ho mangiato, dei tempi di assunzione dei miei integratori ”

Con il rinvio dei Giochi, tuttavia, per Koga si riaccende la speranza di tornare alle competizioni.

“Inizialmente, avevo fissato il mio obiettivo per i Mondiali di Fukuoka nel 2021.  Ma questa gara è ora rinviata al 2022. Nel 2018, non ho  potuto partecipare ai Giochi asiatici a causa della mia sanzione. Vorrei vincere un’altra medaglia d’oro dopo otto anni nel mio continente.”

Koga è il sesto nuotatore più veloce di sempre nei 50 metri dorso. Con il tempo, che è anche record nazionale giapponese di 24. 24 siglato ai Mondiali  del 2009.

Più recentemente, ha conquistato l’argento ai Mondiali del 2017 con un ottimo 24. 51.

“So che è molto difficile tornare al livello che ho lasciato due anni fa. So che ci sono dubbi e polemiche su cosa mi è successo, ma voglio raccontare la mia storia una volta tornato ad alto livello.

“Ho perso tutti gli sponsor e i premi. Ho speso i miei risparmi per le spese legali.  Nel frattempo vivo alla giornata e disegno gioielli.

C’è solo una storia che posso raccontare: se cadi, puoi rialzarti.

Puoi leggere l’articolo integrale di HuffPost giapponese  qui.

Articolo tradotto dalla versione di Retta Race

 

 

Leave a Reply

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »

}