Anteprime Mondiali Nuoto 2023: La Caccia Al WR Nei 400 Misti Maschili

CAMPIONATI DEL MONDO 2023

Anteprime Mondiali 2023.  Prepariamoci a vivere sette giorni di nuoto di altissimo livello ai Campionati del Mondo di nuoto 2023 conoscendo i protagonisti e dando uno sguardo alle sfide più emozionanti.

400 MISTI MASCHILI

RANKING MONDIALE STAGIONE 2022/2023

2022-2023 LCM Men 400 IM

LeonFRA
Marchand
07/23
4:02.50 WR
2Daiya
Seto
JPN4:07.9204/04
3Carson
Foster
USA4:06.5607/23
4Chase
Kalisz
USA4:08.2206/29
5Ilya
Borodin
RUS4:09.1204/20
View Top 26»

Ripensiamo allo scorso giugno e alla serata di apertura dei Campionati del Mondo 2022.

Dopo un primo anno sensazionale nella formazione NCAA di Arizona State, Leon Marchand è entrato nella corsia 4 per la finale dei 400 Misti maschili. Nelle qualifiche, aveva superato il suo record francese e si era messo in posizione per conquistare la sua prima medaglia internazionale da senior.

LEON MARCHAND

Con una performance assolutamente sconvolgente, Marchand si è tuffato in acqua e ha messo a dura prova uno dei più vecchi record mondiali in circolazione. Ha realizzato un 4:04.28, la seconda nuotata più veloce di tutti i tempi per l’oro, stabilendo i nuovi record del campionato ed Europeo.

A Budapest vinse altre due medaglie individuali (una d’oro e una d’argento) ed è stato nominato nuotatore maschile dell’incontro. Tornato all’università, è rimasto imbattuto nella stagione 2022-23. Negli Stati Uniti ha battuto i record NCAA nei 200 rana, 200 misti e 400 misti, portando quest’ultimo a un incredibile 3:28.82.

Ora torna sul palcoscenico dei Campionati Mondiali dopo aver fatto il pieno di successi e con gli occhi puntati sul record mondiale di Michael Phelps.

Ai Campionati Francesi Elite, ha fatto registrare il primo tempo al mondo di 4:07.80, nonostante fosse “preparato al 50% circa”, secondo il suo allenatore Bob Bowman.

Con la finale dei 400 Misti nella prima serata dei campionati, Marchand ha la possibilità di battere il record. Nel 2022 era davanti a quello di Phelps dopo la frazione a rana, ma è calato durante lo stile libero. Ha fatto grandi miglioramenti nel dorso durante la stagione e questo dovrebbe aiutarlo a colmare il divario con l’1:01.57 di Phelps.

GLI AMERICANI

CARSON FOSTER

Marchand era in un mondo tutto suo nella finale di Budapest. Ha vinto la gara con oltre due secondi di vantaggio. Sebbene sia stato oscurato dalla nuotata di Marchand, Carson Foster, medaglia d’argento, ha nuotato in modo impressionante nella sua prima finale mondiale.

Con un tempo di 4:06.56 è sceso di quasi due secondi dal suo record personale ed è salito al n.8 di tutti i tempi.

Se Marchand è il chiaro favorito per l’oro, mentre insegue la storia, anche Foster sembra avere buone probabilità di salire sul podio.

Da quando è entrato a far parte della squadra dei Mondiali del 2022, è finalmente emerso come l’arma versatile che molti si aspettavano.

Inoltre, secondo le sue stesse parole, nuota le sue gare migliori quando è accanto a Marchand.

Ai Trials statunitensi del 2023, Foster era secondo a Chase Kalisz dopo la frazione a rana. Ma non si è fatto prendere dal panico e ha ridotto il vantaggio di Kalisz negli ultimi 100 metri per vincere in 4:08.14, il tempo migliore della stagione.

Si tratta del terzo tempo più veloce al mondo di quest’anno, che pone Foster in una posizione di forza.

Chase Kalisz

L’anno scorso si diceva che Kalisz, il campione olimpico in carica, avesse chiuso con i 400 Misti. Tuttavia, le ha messe a tacere ai Mondiali, dove ha ottenuto il bronzo in 4:07.47: il suo tempo più veloce dal 2017 e il terzo più veloce di sempre.

Dopo quella gara, Kalisz si è trasferito all’ASU, riunendosi con Bowman e diventando uno dei compagni di allenamento di Marchand.

Da allora sta nuotando bene, soprattutto nelle distanze dei 200 metri.

Il 29enne veterano si è piazzato subito dopo Foster ai Trials statunitensi, raggiungendo il tempo di 4:08.22. Si tratta di un tempo più veloce di oltre due secondi rispetto a quello ottenuto per entrare nella squadra dei Mondiali lo scorso aprile. Dopo quasi un anno di allenamento in un ambiente nuovo e familiare, Kalisz sembra destinato ad avvicinarsi ancora di più al suo record personale di 4:05.90 del 2017.

Nel 2022, i medagliati erano molto più avanti del resto del campo. Kalisz si guadagnò il bronzo con oltre tre secondi di vantaggio. Ma non sembra che sarà così quest’anno, dato che i concorrenti stanno recuperando rapidamente.

LE POSSIBILI SORPRESE

DAIYA SETO

Daiya Seto courtesy World Aquatics

Oltre a Marchand, c’è solo un nuotatore che è sceso sotto i 4:08 in questa stagione: Daiya Seto.

Al Japan Swim 2023, Seto ha ottenuto un 4:07.92, una delle migliori prestazioni nei 400 Misti della sua carriera. Dopo le deludenti Olimpiadi di casa, Seto si è ripreso bene in vasca corta. Ha vinto i 400 Misti ai Mondiali in corta 2021 e 2022, portando a sei la sua striscia di titoli mondiali.

A Budapest, nella finale dei 400 Misti è stato più lento rispetto alle qualifiche ed è arrivato sesto (4:11.93).

In seguito è salito sul podio dei 200 misti, conquistando il bronzo davanti a Kalisz.

Tuttavia, la sua prestazione al Japan Swim suggerisce che è tornato in forma nei 400 Misti. Per la prima volta dopo anni, sembra che il campione del mondo 2019 sia pronto a competere per le medaglie in una gara di livello mondiale/olimpico.

TOMORU HONDA

Nello stesso incontro, anche il suo compagno di squadra Tomoru Honda ha nuotato alla grande, stabilendo un record personale di 4:10.37. L’anno scorso Honda si è classificato sesto in questa gara. È uno specialista dei 200 farfalla e, in quanto medaglia d’argento in carica e detentore del record mondiale in corta, è uno dei favoriti per l’oro in assenza di Kristof Milak. Probabilmente non sarà una minaccia per la medaglia, ma potrebbe fare un’altra apparizione in finale.

Una potenziale minaccia per il podio è il neozelandese Lewis Clareburt.

Il ventiquattrenne neozelandese ha fatto faville ai Giochi del Commonwealth del 2022, vincendo l’oro nei 200 farfalla e nei 400 misti. Ha nuotato in 4:08.70 durante la vittoria nei Misti, battendo i record oceanici, del Commonwealth e del campionato.

Una delle chiavi di questa nuotata è stato il miglioramento della frazione a rana, che è stato uno degli obiettivi principali del suo allenamento. Ha fatto un tempo di 1:11.60 nella frazione a rana, che dovrà continuare a migliorare a Fukuoka se vorrà lottare per una medaglia.

Clareburt non ha avuto molti motivi per mostrare la sua velocità in questa stagione. Si trova più indietro rispetto ai principali concorrenti con un record stagionale di 4:14.78.

ATTENZIONE A…

Brendon Smith 

L’intera finale dei Mondiali 2022 si svolgerà tra poche settimane a Fukuoka. Tra questi ci sono Brendon Smith e Balasz Hollo, i due finalisti di cui non abbiamo ancora parlato.

Smith, il bronzo olimpico di Tokyo, si è classificato quinto a Budapest (4:11.36). Questo risultato è ben lontano dal suo record personale di 4:09.27. Tuttavia, quest’anno si è avvicinato a questo standard, raggiungendo 4:10.64 ai Trials australiani del 2023.

Anche se 4:10 dovrebbe essere sufficiente per arrivare in finale, vista la velocità che giovani stelle come Marchand e Foster hanno introdotto in questa gara, avrà bisogno di un grande PB per tornare sul podio.

Da parte sua, Hollo ha nuotato un record personale di 4:10.87 durante le batterie dei Mondiali dello scorso anno per qualificarsi alla finale. Poi ha aggiunto più di quattro secondi e si è classificato ottavo. Dovrà tornare alla sua forma migliore , perché ci sono molti nuotatori che non vedono l’ora di avere una corsia nella finale dei Mondiali.

ALBERTO RAZZETTI

Alberto Razzetti

Alberto Razzetti
2022 FINA World Swimming Championships Budapest Budapest, Duna Arena 06/20/22 Photo Fabio Cetti

Tra questi c’è Alberto Razzetti. L’anno scorso ha mancato la finale e si è classificato 9°.

L’italiano si è vendicato nel corso dell’estate, vincendo il titolo dei Campionati Europei 2022 in 4:10.60. Ha un record di sempre sotto i 4:10, visto che ha nuotato in 4:09.91 alle Olimpiadi di Tokyo.

Dopo aver perso l’anno scorso, sarà ansioso di non commettere lo stesso errore.

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of

0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale graduated high school at the Italian Liceo Classico "T.L. Caro" where she was engaged in editing the school magazine. In 2002, she was among the youngest law graduates of the  Federico II University of Naples (ITA). She began her career as a Civil Lawyer, becoming licensed to practice law …

Read More »