Paolo Barelli Sui Nuovi Circuiti:”Bisogna Stare Attenti, Non Siamo Il Tennis”

A pochi giorni dall’inizio dei Mondiali FINA di Gwangju, il Presidente della Federazione Italiana Nuoto e della LEN, Paolo Barelliha rilasciato un’intervista al quotidiano di informazione sportiva Il Corriere dello Sport”.

Barelli seguirà i Mondiali tra Roma e Gwangju, dove afferma di non poter rimanere per tutta la durata degli stessi.

L’intervista, disponibile sull’edizione cartacea del quotidiano di Giovedì 11 Luglio, si apre con la premessa “Io non posso stare 20 giorni in Corea come i dirigenti FINA”.

Il Mondiale coreano rappresenta per l’Italia secondo Barelli, un occasione per migliorare. La Nazionale italiana va dunque a Gwangju per fare del suo meglio. Vi è la consapevolezza infatti che in qualsiasi parte del mondo ed in qualunque momento può emergere improvvisamente un campione.

La crescita del movimento italiano è confermata dai risultati ottenuti in campo internazionale, ma, sottolinea Barelli: “E’ giusto pensare che anche gli altri paesi abbiano fatto altrettanto”.

Un Italia che è in crescita e guarda allo sviluppo di tutte le discipline acquatiche.

Continua Barelli sul Corriere:

“Abbiamo sempre voluto portare avanti tutte le discipline. Nuoto, pallanuoto, acqua libere, tuffi, sincronizzato. In alcune discipline c’è un ricambio generazionale, penso ai tuffi senza Cagnotto e Dallapè dove comunque stiamo ripartendo bene. Su altre, come il fondo con Paltrinieri Acerenza, stiamo allargando le nostre rose”.

Sui nuovi Circuiti

Interessante il passaggio finale dell’intervista, dove il Presidente Barelli si sofferma sui nuovi circuiti di eventi, nati a partire da questa stagione.

La domanda che gli viene posta è la seguente:

Invece, il nuoto mondiale dove va? Sono nati nuovi circuiti come la International Swimming League e anche la FINA ha ampliato il calendario degli appuntamenti.

Barelli risponde:

“Bisogna stare molto attenti. Noi non siamo il tennis. Un nuotatore non può replicare un 400 stile libero – solo per fare un esempio – 20 volte in una stagione ad alto livello. Bene le novità ma senza esagerare. E’ importante trovare un punto di equilibrio e la FINA dovrebbe lasciare una maggiore autonomia ai movimenti continentali”.

Nota: La stagione 2019 dell’International Swimming League prevede una tappa in Italia, a Napoli, il 12 e 13 Ottobre 2019.

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »