Lezak E Bousquet Raccontano La 4×100 Stile Di Pechino 2008

La staffetta 4 × 100 stile libero maschile ai Giochi Olimpici del 2008 a Pechino è una delle gare più iconiche nella storia del nuoto.

È stato uno scontro epico tra i francesi ampiamente favoriti e guidati dal detentore del WR Alain Bernard, e gli Stati Uniti, che cercavano il loro primo oro in questa gara dal 1996 per permettere a Michael Phelps di puntare  alle otto medaglie d’oro.

Jason Lezak e Frederick Bousquet, che sono stati i due nuotatori più veloci dell’intera finale, sono stati gli ospiti dell’ultima puntata del podcast Inside con Brett Hawke.

Circa un mese fa Hawke ha registrato la puntata con Gregorio Paltrinieri, leggi qui il racconto dell’episodio.

IL RACCONTO DI FREDERICK BOUSQUET

I due fuori classe, entrambi ritirati dalle competizioni, hanno raccontato molti dettagli interessanti su ciò che è accaduto 12 anni fa. Inclusa la verità dietro il “trash talk” pre-gara da parte dei francesi.

“Si è parlato molto di questa staffetta il giorno prima, e molti giornalisti hanno preso questa storia e ne hanno creato una loro versione”, ha detto Bousquet a Hawke.

“Quello che voglio dire è che, Alain Bernard per esempio, è un ragazzo umile, non è timido, ma è tranquillo. Non avrebbe mai parlato in quel modo, specialmente a proposito degli americani sapendo che Phelps e Lezak erano nella formazione.”

“È stata costruita dai media la voce che i francesi stavano arrivando per schiacciare gli americani. Assolutamente no, non l’abbiamo detto. Pensavamo di poterli battere, ma non ne eravamo sicuri. “

L’ormai 39enne francese, ha anche condiviso la storia di come lo staff tecnico ha cambiato l’ordine della staffetta il giorno della gara.

Amaury Leveaux doveva partire, principalmente perché aveva grandi subacquee ed era inaffidabile nei cambi, ha detto Bousquet. Il piano era di mettere Bernard secondo, in parte dovuto al fatto che questa sarebbe stata la sua prima gara olimpica, e che come detentore del record mondiale individuale, avrebbe potuto distrarsi se avesse visto il suo record cadere prima della sua frazione.

Bousquet dice di aver visto Alexander Popov reagire negativamente quando Michael Klim ha battuto il suo record di 100 stile durante la staffetta olimpica del 2000.

(L’australiano Eamon Sullivan ha effettivamente battuto il record del mondo di Bernard in prima frazione, nuotando 47. 24)

Fabien Gilot avrebbe dovuto nuotare per terzo, perché l’aveva fatto negli ultimi anni, e Bousquet sarebbe arrivato a chiudere perché aveva più esperienza.

La mattina della finale l’allenatore di Bernard gli ha fatto sapere che l’ordine era stato capovolto.

 “Ci ha fatto arrabbiare e sconvolgere allo stesso tempo, verso la nostra federazione, lo staff. Abbiamo iniziato a perdere la gara in quel momento. Ovviamente poi ci siamo calmati e abbiamo deciso che, qualunque cosa succedesse, avremmo dato il massimo “.

Bernard aveva ricevuto l’onere della chiusura, con Gilot secondo e Bousquet terzo.

“La spiegazione per il cambiamento della staffetta era che volevano avere Alain sotto i riflettori”, ha detto Bousquet. “Il che andava bene,. alla fine non ci importava di chi sarebbe stato sotto i riflettori, volevamo solo vincere.”

IL RACCONTO DI JASON LEZAK

Lezak ha parlato del motivo per cui  gli americani non avevano avuto successo nella staffetta negli anni precedenti.

“Non importa se ti piace qualcuno a livello personale o se non puoi sopportarlo”, ha detto. “Se fai una staffetta, devi voler vincere per qualcosa più grande di te stesso. Ci sono quattro persone. Quindi devi andare oltre, devi vincere anche per quelle altre persone, devi mettere da parte i sentimenti.

“E non credo che l’abbiamo fatto nelle staffetta 4 × 100 stile libero dal 1999 al 2004 con il Team USA. Io ero parte di ognuna di quelle staffette. Non sto dicendo che è stata colpa mia, ma non siamo riusciti tutti e quattro a unirci per fare quello che serve. ”

Prima della gara, con tutti i discorsi che circondavano la gara su Phelps e sulla sua caccia alle otto medaglie d’oro, Lezak voleva togliere un po ‘di pressione e ispirare la squadra a nuotare per qualcosa di più grande di loro.

“Ho detto, guardate ragazzi, questa non è una staffetta 4 × 100 stile libero, questo è un 400. Andiamo a nuotare come una sola persona. Ho potuto vedere nei loro occhi la consapevolezza che si trattava di più di una persona che stava nuotando una gara. Avremmo fatto tutti affidamento uno sull’altro per farlo bene.”

Bousquet racconta di come abbiano reagito al passaggio azzardato di Bernard ai 50 metri:

“Non posso essere arrabbiato con Alain per averlo fatto, perché dimentichiamo il fatto che erano i suoi primi giochi olimpici”, ha detto Bousquet su Bernard che passato in 21.27. “Non metti un ragazzo in quella posizione per le sue prime Olimpiadi. Questo è tutto. No. Era devastato, per lui era tutta colpa sua “.

LA GARA

Dopo che Phelps (47. 51) e Garrett Weber-Gale (47. 02) hanno aperto in vantaggio per gli americani, Bousquet ha battuto Cullen Jones (47. 65) di oltre un secondo portando la Francia in avanti di 0. 59 secondi.

Dopo che Bernard ha guadagnato altri 0. 23 extra su Lezak sulla prima vasca, Lezak ha chiuso in 24. 56, segnando quello che rimane il più veloce split della staffetta nella storia a 46. 06. Bernard ha nuotato 46. 73.

Lezak ha superato Bernard di 0. 08, stabilendo un nuovo record mondiale di staffetta di quasi quattro secondi in 3: 08. 24.

GUARDA L’INTERVISTA COMPLETA IN INGLESE

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »