Kristof Milak: Posso Limare Il Mio Record Del Mondo Migliorando Le Virate

L’ungherese Kristof Milak ha sbalordito tutto il mondo quando, nella vasca di Gwangjiu, ha battuto il record mondiale dei 200 farfalla che apparteneva a Michael Phelps. Il precedente 1:51.51 è stato portato a 1: 50.73 consacrando Milak come nuovo campione del mondo e riferimento per la distanza.

Già nel 2018 aveva dato segnali di forza nuotando 1:52.71 e stabilendo il Record del Mondo Junior. Ma non c’è dubbio che aver cancellato dall’albo d’oro il nome dello squalo di Baltimora ha acceso su Kristof Milak i riflettori verso Tokyo 2020.

Il prossimo obiettivo nel mirino del campione magiaro è senza dubbio l’oro olimpico e lo stesso Milak non ne fa mistero.

Durante un ritiro in Thailandia, Milak ha rilasciato un’intervista in cui racconta la sua preparazione ai Giochi di quest’estate. Spiegando che si allena principalmente da solo ma che a volte condivide gli allenamenti con Bence Biczo e Richard Marton.

“[Allenarmi da solo] ha i suoi vantaggi”, ha detto Milak. “Mi permette di concentrarmi solo su me stesso. Ma anche nuotare con una squadra ha i suoi vantaggi e sono felice di poter nuotare con loro. Mi piace così; non mi lasciano il tempo di rilassarmi, siamo tutti competitivi “.

Durante l’intervista è stato chiesto a Kristof Milak chi tra gli avversari tiene maggiormente d’occhio in vista della finale del 200 farfalla. “Diversi”, incluso Daiya Seto che ha iniziato la stagione in grandissima forma “Seto ha nuotato 1: 52.53 a gennaio; nessuno ha mai nuotato così veloce ad quel punto della stagione”

Milak parla anche del giovane americano Luca Urlando, così come dei connazionali Laszlo Cseh e Tamas Kenderesi.

“Gianluca è ancora più giovane di me e farà un altro salto di qualità quest’anno.”

BATTERE I PROPRI RECORD

“I primati mondiali sono così preziosi perché sono così difficili da riconfermare. Se fossimo a casa, mi allenerei vicino a Katinka [Hosszu] e vedrei quanto è difficile lavorare sodo per rimanere in cima.”

“Il mio altro eroe, Michael Phelps, ha avuto bisogno di 3 anni per migliorare nuovamente il suo personale. Dopo il 2003, lo ha inseguito fino al 2006. ”

Il delfinista spiega dove pensa di poter limare qualche decimo dal suo crono da record “Posso risparmiare tempo nelle virate e nella partenza. Ho ancora margini di miglioramento.

Non ho problemi a raggiungere il muro e tornare subito alla mia velocità di nuotata. Ma nessuno mi ha insegnato a girare correttamente. Strano a dirlo dopo un record mondiale, ma ho ancora la sensazione che a volte io mi blocchi durante la virata.”

Mila sta allenando anche altre gare, quali per ora rimane un segreto ma, quando sarà il momento, “tutti lo sapranno”.

Nel frattempo, oltre a gestire la pressione in piscina, Milak sta facendo i conti con un tipo di fama che non ha mai sperimentato. “Mi sento come se la mia vita fosse cambiata. Sono stato invitato a eventi a cui non sarei mai stato invitato prima. Mi vedo sui poster e questa è davvero una sensazione insolita.

“Questo è il motivo per cui ho davvero bisogno di essere intelligente ora.”

Puoi leggere l’intervista integrale, in ungherese, qui.

Con la collaborazione di Retta Race.

 

In This Story

Leave a Reply

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »

Want to take your swimfandom to the next level?

Subscribe to SwimSwam Magazine!