Jacob Pebley E Groves A Supporto Di Lia Thomas E Inclusione Trans

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 0

January 06th, 2022 Italia

Nel mondo del nuoto professionistico arrivano le prime dichiarazioni pubbliche a sostegno di Lia Thomas e dell’inclusione dei trans.

Jacob Pebley e la medaglia olimpica australiana Madeline Groves hanno pubblicato sui social la loro opinione al riguardo.

Pebley, 28 anni, ha iniziato la sua dichiarazione criticando coloro i quali hanno normalizzato la discriminazione nel dibattito. Si è soffermato inoltre sull’alto tasso di suicidio tra la comunità trans, chiedendo empatia verso le lotte psicologiche che giovani  come come Thomas devono sopportare.

Jacob Pebley aveva già parlato apertamente di salute mentale quando ha rinunciato a gareggiare ai Trials Olimpici USA.

DICHIARAZIONE DI JACOB PEBLEY

tradotta dall’inglese

“Prima di tutto, non penso che sia coraggioso normalizzare la discriminazione.

Velare la discriminazione di una minoranza con l’empatia e la ‘comprensione’ non sarà mai tollerata nel mio libro”.

“Se capissimo davvero quello che Lia e molte altre persone trans stanno provando non faremmo dei post che essenzialmente si leggono come

‘Ti sento ma non puoi giocare con noi’.

“Come minimo dovreste fornire un feedback per cambiare la regola con cui siete in disaccordo. Indirizzare agli organi di governo che possono cambiare quelle regole.

“La seconda e più importante parte è la salute mentale.

Come qualcuno che ha lottato con la salute mentale, io, come molti altri, ho detto le cose più crudeli su me stesso e sono arrivato vicino a togliermi la vita.

La comunità trans ha un tasso di suicidio estremamente alto a causa della discriminazione come quella che avviene nella comunità del nuoto.

“Rabbrividisco al pensiero di ciò che Lia sta pensando non solo di se stessa ma anche di tutti i giovani nuotatori trans che vedono i loro modelli di ruolo sostenere l’esclusione dalla competizione in linea con la loro identità.

Se pensate che il vantaggio psicologico sia così grande, vi invito a considerare lo svantaggio psicologico che lei e molti altri stanno affrontando attualmente.

“Per farla breve, nell’atletica, il campo di gioco non è mai equo.

Lia non sta infrangendo nessuna regola. Per favore trattate lei e l’intera comunità trans con più rispetto la prossima volta che volete essere pubblici sulla vostra opinione, perché ha conseguenze molto più grandi dei punti su un tabellone.”

MADDIE GROVES

Madeline Groves, ha pubblicato una serie di Instagram Stories rispondendo ai commenti su un post da Schuyler Bailar.

Bailar è stato il primo maschio trans a competere a livello NCAA Division I come nuotatore di Harvard nel 2015.

I commenti sono stati rimossi dal post, intitolato “Gli atleti trans appartengono allo sport”. Groves ha tuttavia pubblicato i seguenti commenti sulle sue storie:

“È così triste per me vedere persone apparentemente istruite usare la loro piattaforma per postare dribbling transfobici. Cosa f*** ti dà il diritto di decidere chi può fare sport? Gli atleti sono tradizionalmente egocentrici. Ma usare il bigottismo per giustificare l’esclusione di un intero gruppo di persone dallo sport è semplicemente disgustoso.

“Se ti senti troppo minacciato per competere accanto alle donne trans, sei un codardo egoista che non era così bravo nello sport in primo luogo”.

GABBY DELOOF

Dall’altra parte della discussione, la nuotatrice professionista Gabby DeLoof ha postato una dichiarazione su Instagram che riprende il sentimento espresso da Erika Brown la scorsa settimana.

Il post ha ricevuto commenti positivi da Brown, insieme alle sorelle di Gabby, Ali e Catie. Tutte sono attualmente nuotatrici professioniste ed ex membri dell’Università del Michigan Wolverines nella NCAA.

DICHIARAZIONE DI GABBY DELOOF

“Voglio condividere qualcosa che è stato nella mia mente per quanto riguarda le donne nello sport. Ho messo a tacere la mia voce per paura di ciò che gli altri avrebbero fatto e detto su di me e come avrebbe avuto un impatto sulla mia posizione come nuotatore professionista. Ma non mi permetto più di sedermi e di non lottare per ciò in cui credo.

“Per prima cosa, voglio dire che sostengo la comunità LGBTQ+ e che siamo tutti figli di Dio, chiamati ad amare il prossimo. Non sto creando alcun odio. Solo parlando per ciò che è giusto.

“Non possiamo permettere alle femmine transgender di competere contro le donne biologiche. Un maschio biologico passa attraverso la pubertà maschile, sviluppando così la fisiologia di un maschio. Secondo Forbes, “la forza, la massa magra e i muscoli delle donne trans erano ancora superiori ai livelli riscontrati nelle donne cisgender, anche dopo 36 mesi di blocchi di testosterone” (Elsesser, 2021).

“Credo che lo sport sia una grande parte della vita di qualcuno. Credo fermamente che tutte le femmine transgender possano competere nello sport, solo non contro le donne biologiche.

“È ora di iniziare a difendere lo sport femminile prima di perdere ciò per cui tanti prima di noi hanno lottato. Spero che questo messaggio possa aiutare a ispirare gli altri a parlare per ciò che è giusto”.

PUOI LEGGERE IL POST IN LINGUA ORIGINALE QUI.

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »