Il Coaching é Gestione Di Risorse Umane-Come Valorizzare L’atleta

Ci sono due aspetti del coaching.

Il primo aspetto del coaching è essere in grado di insegnare lo sport e sviluppare i vostri atleti a livello fisico.  Il secondo e più importante aspetto è capire come ottenere il meglio dalle persone.

Allenare è l’arte della gestione delle risorse umane.

I grandi allenatori capiscono l’importanza di questo aspetto e non lo trascurano o sottovalutano.

Si può essere un allenatore straordinario a livello tecnico. Si possono avere metodi di formazione di livello mondiale e corsie piene di nuotatori. Tutto questo è inutile se non si è in grado di sviluppare mentalmente i ragazzi. Capire cosa rende ciascuno dei vostri nuotatori unico e come è necessario interagire con loro al fine di ottenere il meglio.

Detto questo, qui ci sono 5 ottimi modi in cui voi allenatori potete far emergere il massimo potenziale dei vostri atleti, sia in gara che in allenamento.

1) Essere consapevoli di quello che si dice e come lo si dice.

Tutti gli allenatori hanno buone intenzioni.

Nessun allenatore, sano di mente, dice mai intenzionalmente qualcosa che sa di poter danneggiare i loro nuotatori. Tuttavia, avere buone intenzioni non significa che produrrà sempre buoni risultati.

Per esempio, ho sentito nuotatori dire: “Mi sentivo bene e pronto a fare la mia gara, ma poi il mio allenatore ha detto una cosa che mi ha fatto sentire un sacco di pressione, così mi sono innervosito ed ho nuotato malissimo “.

Allenatori, siate consapevoli di quello che dite. Si può avere le migliori intenzioni nel dire: “Andiamo, ora o mai più se vuoi davvero essere qualcuno” . Tuttavia, in questo modo, è possibile inserire una tonnellata di pressione sui ragazzi, farli diventare estremamente nervosi, e finire per incidere negativamente sulla gara.

Lo stesso vale anche quando la gara è finita. Si può essere spiritoso e scherzare quando si dice, “Beh, sei stato terribile non è vero?” . In questo modo, però, si rischia di farli chiudere emotivamente anche per le prossime gare.

Cambia il tuo approccio e cerca parole che influenzino i nuotatori in modo positivo.

2) Focalizzare sulle prestazioni, non sui risultati.

Eddie Reese, il leggendario allenatore dell’Università del Texas, dopo aver aiutato la squadra a vincere il titolo NCAA nel Campionato Nazionale ha dichiarato: “Non chiediamo mai di vincere un campionato nazionale. Ci limitiamo a chiedere fare del loro meglio ogni giorno.”

Come allenatori, alleviare la pressione dai vostri nuotatori è uno degli aspetti più importanti del vostro ruolo. Con meno pressione si concentrano di più su ciò che devono fare in acqua.

Meglio mantenere l’attenzione sul loro processo di miglioramento e su ciò che loro danno ogni giorno in acqua. Chiedete di spingere se stessi il più possibile, di essere al 100% impegnati in ogni esercizio che fanno. Parlate con loro di divertirsi, godersi lo sport, e amare quello che fanno, al di là delle medaglie e delle vittorie.

Nathan Adrian ha detto:

“Cerco sempre di fare un passo indietro e non avere alcuna aspettativa. Mi concentro su di me e la mia strategia di gara, perché ho imparato che questa è l’unica cosa che posso controllare. Ho scoperto che io sono più a mio agio quando mi sto concentrando sulla realizzazione e che quando sarò conseguire tali aspettative che le altre persone possono avere.”

3) Non avere paura di essere vulnerabili.

Troppo spesso, gli allenatori pensano di dover apparire infallibili agli occhi dei propri nuotatori.

Questo comportamento è spesso radicato nell’idea che, se i nuotatori sentissero che si è imperfetti, e che anche l’allenatore commette errori, diminuirebbe il senso di autorità.

Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

Più vulnerabile e aperto ti mostri, più i tuoi nuotatori possono riferirsi a te e prenderti come esempio.

Alla gente non piace chi emana un’aria di invincibilità o che pensa di essere impeccabile.

Non solo. I tuoi nuotatori sono imperfetti, proprio come te. Quanto più si mostra il proprio lato umano, più si sentiranno legati. Se si sentono legati daranno sempre il massimo, sia in allenamento che in gara.

4) trovare un equilibrio tra la critica e la lode.

Hai bisogno di criticare i tuoi nuotatori. È necessario parlare, analizzare e valutare il loro modo di nuotare. Analizzare le carenze ed i punti deboli. Il miglioramento, lo sviluppo e la crescita possono venire solo da quel processo. Tuttavia, la critica ha anche bisogno di essere bilanciata con la lode: le cose che fanno bene, i punti di forza che hanno, vanno lodati.

Se si mettono alla luce solo i difetti, tre cose accadranno:

  • perdita di fiducia in sé stessi, 
  • penseranno che l’allenatore non crede in loro
  • sviluppo eccessivo di auto critica.

È necessario trovare un equilibrio tra la critica e la lode.

Questo li aiuterà a migliorare, sviluppare, e crescere. La critica li aiuterà a capire dove migliorarsi, la lode infonderà loro fiducia e motivazione.

5) Conoscere i propri nuotatori.

Quando si allena una squadra di nuoto, si sta allenando un gruppo di individui, i quali hanno loro peculiarità, qualità e personalità.

Jack Bauerle è un altro leggendario allenatore e il capo allenatore del programma di nuoto presso l’Università della Georgia. Melanie Margalis una volta detto questo su Jack: “Ognuno è così diverso, ma sa come trattare ogni persona nel modo giusto. Non so come fa. Siamo un gruppo con nuotatori totalmente diversi tra loro, ma in qualche modo sa come trattare ogni singolo nel modo giusto. È fantastico”

Se si desidera ottenere il meglio da un nuotatore individuale, lo si deve conoscere.

Bisogna avere la capacità e l’umiltà per trattare ciascuno dei vostri nuotatori come gli individui.

Articolo in lingua inglese di Will Jonathan- 5 ways swim coaches can get best out their swimmers

In This Story

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per caso, …

Read More »

Don't want to miss anything?

Subscribe to our newsletter and receive our latest updates!