Comitato Olimpico Internazionale Conferma Olimpiadi Tokyo 2020

Comitato Olimpico Internazionale si è riunito oggi, coinvolgendo le federazioni sportive attraverso una video conferenza.

Al termine della riunione ha emesso il seguente comunicato:

Si tratta di una situazione senza precedenti per il mondo intero, e il nostro pensiero va a tutti coloro che sono colpiti da questa crisi.

Siamo solidali con tutta la società per fare tutto il possibile per contenere il virus.

La situazione cui si fa riferimento è il contenimento dell’epidemia di coronavirus  COVID-19, che, come vi abbiamo più volte riportato, sta influenzando anche i preparativi per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Sulle Olimpiadi di Tokyo, il CIO dichiara la propria posizione:

Il CIO rimane pienamente impegnato per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

A quattro mesi non c’è bisogno di decisioni drastiche in questa fase. Qualsiasi speculazione in questo momento sarebbe controproducente.

OLIMPIADI CONFERMATE

Il CIO nel comunicato stampa, incoraggia tutti gli atleti a continuare a prepararsi al meglio per i Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

Si dichiara inoltre “fiducioso che le numerose misure adottate da molte autorità in tutto il mondo contribuiranno a contenere la situazione del virus COVID-19”

Vengono poi elencati i principi fondamentali sull’organizzazione delle Olimpiadi di Tokyo:

  1. Proteggere la salute di tutte le persone coinvolte e sostenere il contenimento del virus.
  2. Salvaguardare gli interessi degli atleti e dello sport olimpico.

Il CIO ha dichiarato inoltre che continuerà a monitorare la situazione 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

In questo senso, ricorda che è stata istituita una task force composta dal CIO, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dal Comitato Organizzatore di Tokyo 2020, dalle autorità giapponesi e dal Governo Metropolitano di Tokyo.

Lo scopo della task force è quello di:

  • assicurare azioni coordinate da parte di tutti i soggetti interessati.
  • mantenere una costante valutazione della situazione
  • costituire la base per la pianificazione operativa in corso e per i necessari adattamenti
  • controllare l’attuazione delle varie azioni decise.

PROCEDURE DI QUALIFICAZIONE OLIMPICA

Per quanto riguarda le procedure di qualificazione olimpica, il CIO ha rassicurato solidarietà e flessibilità.

Per gli atleti che ancora non hanno raggiunto gli standard di qualificazione, il CIO si dichiara pronto ad accogliere i necessari adattamenti.

Questi devono essere in linea con i seguenti principi:

  1. Le qualificazioni già ottenute finora rimangono ai Comitati Olimpici Nazionali e agli atleti che le hanno raggiunte
  2. Rimane la possibilità di utilizzare gli eventi di qualificazione esistenti e programmati, ovunque questi abbiano ancora un accesso equo per tutti gli atleti e le squadre.
  3. Tutti gli adattamenti necessari ai sistemi di qualificazione e tutte le assegnazioni di posti rimanenti saranno effettuati:
    •  sulla base dei risultati ottenuti sul campo
    • devono riflettere, ove possibile, i principi esistenti dei rispettivi sistemi di qualificazione (ad es. uso di classifiche o risultati di eventi specifici continentali/regionali).

Infine, il presidente del CIO Thomas Bach ha dichiarato

“La salute e il benessere di tutti coloro che sono coinvolti nei preparativi è la nostra preoccupazione numero uno. Tutte le misure sono state adottate per salvaguardare la sicurezza e gli interessi degli atleti, degli allenatori e delle squadre di supporto. Siamo una comunità olimpica. Ci sosteniamo l’un l’altro nei momenti buoni e in quelli difficili. Questa solidarietà olimpica ci definisce come una comunità”.

 

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »