Cate Campbell Parla Di Depressione:”Ho Iniziato La Cura A4 Settimane Da Tokyo”

In un lungo testo pubblicato sul sito australiano mammaria.com.au  la pluricampionessa olimpica Cate Campbell ha raccontato con sincerità e coraggio il suo ultimo anno, periodo nel quale ha sofferto di depressione.

Il testo, ripreso anche dai profili social della velocista Aussie, parla del periodo buio che ha attraversato a partire dal luglio 2020 e che solo a poche settimane dalle Olimpiadi di Tokyo ha affrontato con una cura medica adeguata.

Di seguito la traduzione di alcuni estratti del testo:

LA CRISI

“Nel luglio del 2020, ero seduta nell’ufficio di un altro operatore sanitario quando mi è stata diagnosticata la depressione. Il catalizzatore per cercare aiuto è arrivato quando ho avuto una crisi di nervi a causa di un forno a microonde. Erano le 21 di sera e tutto quello che volevo era una tazza di cioccolata calda. Ho premuto il tasto “START” del microonde per scaldare un po’ di latte e mezzo secondo dopo, invece del rassicurante ronzio del microonde, c’era un silenzio assordante. La corrente era saltata. E proprio così, quando l’interruttore si è spento – proteggendo i circuiti elettrici della casa da potenziali danni – un altro interruttore è scattato nel mio cervello – tranne che questo interruttore ha allagato i miei circuiti e ha aperto i cancelli.”

“Non ho mai visto la malattia mentale come una debolezza, finché non è successo a me. Non ho mai giudicato nessuno per averne sofferto, finché non ho giudicato me stessa. Non ho mai pensato che cambiasse la mia opinione su qualcuno, fino a quando non ha cambiato la mia opinione su me stessa. Non ho mai pensato di pensare meno a qualcuno che soffre di depressione, finché non ho pensato meno a me stessa.”

I TRIALS

“La gara è sempre stata la parte migliore del nuoto; è per questo che nuoto. Snervante, sì. Un po’ terrificante, sì. Ma di gran lunga la cosa più eccitante, corroborante e positiva che abbia mai fatto. Eppure, andando ai Trials olimpici, l’unica possibilità di qualificarmi per la squadra olimpica, ero paralizzata da un senso opprimente di destino imminente. L’aria era carica di terrore, come l’umidità in una calda giornata estiva. Si è attaccata alla mia pelle e ha filtrato oltre i miei pori. Ho fantasticato che mi venisse diagnosticata una malattia pericolosa per la mia vita in modo da poter saltare le Olimpiadi e salvare ancora la faccia. Mentre stavo guidando, ho avuto visioni di schiantare la mia macchina contro un palo così sarei stata troppo ferita per gareggiare.”

LA CURA FARMACOLOGICA

Nonostante i miei migliori sforzi, una sola lacrima mi sfugge dall’occhio e mi scorre lungo la guancia, “Non voglio sentirmi mai più così”, borbotto, guardando il mio medico di famiglia. “Penso di aver bisogno di un aiuto medico”. Il suo sorriso è così gentile che quasi mi spezza il cuore. “Penso che possiamo aiutarti”, dice. Le sue parole mi inondano come una brezza fresca in una soffocante giornata estiva. Per la prima volta dopo tanto tempo, sono fiduciosa.

Quattro settimane prima dei Giochi Olimpici del 2021 ho iniziato a prendere farmaci per aiutare a curare la mia ansia e depressione. Il motivo per cui sto condividendo la mia storia non è per suscitare pietà né scusarmi per le mie esibizioni a Tokyo. Condivido la mia storia perché voglio dissipare lo stigma che circonda la salute mentale, in particolare quando si cerca un intervento medico o farmaceutico. Prima di sperimentare la malattia mentale, e anche mentre la combattevo, credevo che fosse qualcosa che avrei potuto superare attraverso la pura forza di volontà e determinazione. Optare per i farmaci era la “via d’uscita facile” e, se eri forte, potevi aggiustarti con la terapia, la meditazione, lo yoga, la respirazione e l’esercizio. Mi sono rifiutato di ammettere che non potevo correggere uno squilibrio chimico nel mio cervello attraverso qualcosa di semplice come respirare: dovevo solo sforzarmi di più. Quanto ingenuo, quanto ignorante, quanto arrogante.

LE OLIMPIADI DI TOKYO

“Dopo circa tre settimane, ho iniziato a notare alcuni cambiamenti. Come il sole cancella lentamente la nebbia da una valle, potevo sentire il farmaco iniziare a cancellare la nebbia dalla mia mente. E nell’aria frizzante e ferma del mattino, mi ritrovai di nuovo. Ho trovato la persona che cammina verso le sfide, che si tira indietro quando le chips sono finite, che ride a lungo e ad alta voce, che è sicura di chi è e di dove sta andando.

Quando ripenso alle mie prestazioni a Tokyo e a tutte le cose che ho dovuto superare per arrivarci, cerco di essere orgogliosa dei risultati e non di vergognarmi delle difficoltà. Faccio ancora fatica a non provare vergogna quando parlo della mia salute mentale. Sto cercando di dare a me stessa la stessa gentilezza che offro agli altri. Sono profondamente grata di aver cercato aiuto quando l’ho fatto e di aver avuto una squadra meravigliosa per supportarmi e consigliarmi. L’esito della mia storia avrebbe potuto essere molto diverso, ma a quanto pare il risultato è stato d’oro.”

(link alla versione integrale in lingua originale)

 

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »