WADA Annuncia Un Nuovo Metodo Di Analisi Del Sangue (DBS)

L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha annunciato tramite un comunicato stampa venerdì 21 maggio 2021 l’approvazione di un nuovo metodo di test che utilizza il sangue secco.

  • leggi il comunicato stampa qui.
  • leggi l’intera documentazione qui.

L’approvazione significa che la WADA sarà ora in grado di utilizzare il test delle macchie di sangue secco (DBS) come procedura di controllo antidoping, “in particolare per facilitare l’analisi di composti instabili e per espandere il numero di atleti che possono essere testati in zone più remote”, aree del mondo da cui i campioni di sangue tradizionali sono difficili da trasportare”.

La DBS richiede solo un piccolo campione di sangue e può essere procurata usando una puntura del dito o del braccio. Il processo descritto è molto meno invasivo degli attuali metodi di raccolta del sangue e delle urine utilizzati dalla WADA.

Secondo la fonte canadese per le informazioni sull’HIV e l’epatite C (CATIE), il test DBS è un metodo di raccolta del sangue che può essere utilizzato per i test diagnostici dell’epatite C e dell’HIV. È stato originariamente sviluppato come metodo per raccogliere il sangue per testare i disturbi metabolici nei neonati. Attraverso questo metodo, i campioni di sangue vengono raccolti da una puntura del dito (o del tallone nei neonati), lasciati cadere su una carta da filtro e quindi essiccati per il trasporto in un laboratorio.

Nel comunicato stampa, la WADA ha fornito un elenco dei vantaggi della DBS:

  • Una facile raccolta del campione (es. puntura del dito o del braccio);
  • Metodi meno invasivi rispetto agli attuali esami di urine e raccolta di sangue e quindi, una migliore esperienza dell’atleta;
  • Il test richiede un volume molto piccolo di sangue;
  • Raccolta e trasporto dei campioni meno costosi;
  • Meno spazio necessario per conservare i campioni;
  • Possibili benefici per quanto riguarda la stabilità del campione.

Il comunicato arriva dopo oltre un anno di ricerca e sviluppo sulla tecnologia che era stata originariamente annunciata nell’ottobre 2019. La WADA ha lavorato in collaborazione con il Comitato Olimpico Internazionale, l’Agenzia Internazionale per i Test e le Organizzazioni Nazionali Antidoping di Australia, Cina e Giappone , Svizzera e Stati Uniti.

LE DICHIARAZIONI

Il presidente della WADA Witold Banka ha offerto le seguenti osservazioni:

“La WADA crede nella possibilità che l’analisi delle macchie di sangue secco diventi un’aggiunta molto preziosa al programma di analisi. Può essere utilizzato come complemento all’attuale pratica antidoping, in particolare per facilitare l’analisi di composti instabili e per ampliare il numero di atleti che possono essere testati nelle aree più remote del mondo da dove i tradizionali campioni di sangue sono difficili da trasportare. Dati i vantaggi logistici e di costo, la DBS consentirà alle autorità preposte ai test di prendere coinvolgere più atleti e raccogliere più campioni”

Il direttore esecutivo senior della WADA per la scienza e le partnership internazionali, il dott. Olivier Rabin, ha proseguito affermando:

“La WADA ha guidato una collaborazione tra le organizzazioni antidoping per affrontare tutte le sfide tecniche e adattare le regole antidoping per consentire lo sviluppo del DBS. Questa partnership si basa sulla ricerca condotta da diverse organizzazioni e laboratori antidoping in tutto il mondo, che vorrei ringraziare. L’approvazione di questo documento è un passo importante verso l’armonizzazione della pratica DBS nell’ambito dell’antidoping. Miriamo a testare alcuni elementi dei test DBS ai Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo quest’anno prima di farli diventare di routine ai Giochi di Pechino all’inizio del prossimo anno”.

*riportato in lingua inglese da Ben Dornan

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »