Resilienza: La Capacità Di Usare I Momenti Difficili E Trarne Forza

La resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici. Riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà. Ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza alienare la propria identità.

In questo periodo essere resilienti può davvero fare la differenza.

Come comunità, come persone, ma anche come nuotatori.

I più grandi campioni della storia del nuoto non hanno avuto un percorso facile e lineare.

Quelli che guardiamo come nostri idoli ed esempi sono nella maggior parte dei casi, persone resilienti.

Per questi motivi, oggi, durante questo periodo di lockdown, voglio riproporvi la storia dell’atleta più medagliato di tutti i tempi.

ROMA, ESTATE 2009

Immagina per un attimo di essere il più grande nuotatore nella storia del nostro sport.

Ti sei aggiudicato 8 medaglie d’oro a Pechino, la prestazione più dominante nella storia delle Olimpiadi.

Al tuo primo grande incontro dopo i Giochi, nel tuo sport si sono registrati 43 Record del Mondo. I tuoi avversari indossano costumi di gomma coperti dalla testa ai piedi.

Che  non  stai indossando.

La sera prima, il tuo rivale nei 100 farfalla,  che tu avevi battuto a Pechino, ha abbassato il tuo record mondiale in semifinale.

Ora immagina che mentre ti stai riscaldando per la finale, solo un’ora prima di andare in gara, ti scontri con un altro nuotatore. L’incidente così violento che ti si rompono gli occhialini e rimani con la vista offuscata.

Questa è stata la situazione che Michael Phelps ha affrontato in una notte di agosto a Roma nel 2009 ai Campionati del Mondo FINA.

Alcuni nuotatori si sarebbero abbattuti.

Invece, Phelps si alzò in piedi e divenne il primo uomo a rompere il muro dei 50 secondi nei 100 metri farfalla. Vinse l’oro e reclamò il suo record mondiale.

Phelps, nonostante ciò che stava accadendo intorno a lui, era in grado di uscire e nuotare ad un livello superiore.

Quella notte a Roma, Phelps ha mostrato al mondo il significato della resilienza.

Ecco come puoi procurarti parte di quella roba dolce dolce.

RESILIENZA: LA CAPACITÀ DI USARE MOMENTI DIFFICILI PER ECCELLERE

Una delle caratteristiche comuni dei campioni è che sono resilienti. Hanno sperimentato avversità e sfide significative nella loro ricerca di valorizzare i loro talenti naturali e i loro doni genetici. Grazie a questo sono diventati campioni.

Phelps sarebbe stato il campione che è stato se non ci fossero state avversità consistenti? Non ne sono così sicuro. Le avversità, e la capacità di recupero che si sviluppa di conseguenza, tira fuori il meglio.

Essenzialmente, le  avversità hanno un modo per spingere gli atleti di élite a fare  meglio , non peggio.

Ricorda queste storie:

Questi  momenti di brillantezza nascono dalle avversità .

Comunemente, i nuotatori vedranno le avversità o una dolorosa battuta d’arresto come prova che non sono meritevoli.

Sembra semplice, anche un cliché, ma è vero:

CIÒ CHE NON TI SPEZZA, TI RENDE MIGLIORE .

Non è che i nuotatori di élite non provano la stessa delusione e frustrazione quando le cose si disgregano: è il modo in cui reindirizzano la loro rabbia e concentrazione che fa la differenza.

COME SVILUPPARE UNA MENTALITÀ RESILIENTE 

La mentalità di un nuotatore fa parte del processo genetico ed ambientale

Non importa dove siano i tuoi livelli di resilienza in questi giorni, ci sono cose che puoi fare per affinare la tua capacità di recupero.

Ecco un paio di idee.

1. PRENDERE MOMENTI DI AVVERSITÀ COME OPPORTUNITÀ PER SVILUPPARE UN VANTAGGIO COMPETITIVO.

L’atteggiamento che porti con te sul ponte della piscina ha un modo di incarnare il tuo potenziale di successo.

Se ti avvicini a quel set in allenamento pensando ” Scommetto che il mio avversario non sta facendo questo set “, ti stai creando un vantaggio competitivo che si accumula ogni volta che ti presenti per quell’allenamento extra.

Una delle convinzioni formative del pilastro di Michael Phelps e del suo allenatore Bob Bowman era un semplice impegno a fare ciò che nessun altro era disposto a fare.

Ciò significava allenarsi ogni giorno per cinque anni consecutivi prima dei Giochi di Pechino. Significava allenarsi durante le vacanze, incluso Natale e il suo compleanno. La fiducia che deriva da questo tipo di approccio “all in” è impossibile da falsificare.

2. TROVA LE SITUAZIONI PER MOSTRARE RESILIENZA.

Il problema di voler essere più resilienti è che vogliamo solo essere più resilienti quando le cose stanno andando a modo nostro, quando è facile. L’allenamento sta andando bene, non ci sono brutte sorprese e i progressi che stiamo facendo sono sotto il nostro controllo.

È quando le cose vanno male che è  importante pensare: ” Ora sono resiliente! ”

Hai bisogno di esercitarti. Devi allenarti e stare in piedi. È necessario affrontare le battute d’arresto, gli allenamenti stressanti, gli infortuni, con lo stesso atteggiamento e ponendoti la stessa domanda:  ” Come posso rendere questa la cosa migliore che mi sia accaduta? 

Una cosa particolare che possedevano tutti i campioni era la volontà di affrontare e superare le sfide. Non importa cosa ci fosse di fronte a loro, l’avrebbero affrontato con tutto quello che avevano.

3. USA I MOMENTI DI IRRITAZIONE PER RAFFORZARE I MUSCOLI DELLA RESILIENZA.

La capacità di recupero non deve uscire fuori solo nei momenti negativi: un infortunio ad una spalla, una gara andata male, un brutto allenamento.

Ma la resilienza non è qualcosa che usi una volta ogni tanto. È un’abilità, qualcosa che affini ogni giorno in allenamento e nella vita.

La resilienza è necessaria per una vasta gamma di eventi e fattori di stress: dai piccoli problemi giornalieri (dover condividere una corsia di 25 metri con altri dieci nuotatori) fino ai dolori nella vita reale (perdita di una persona cara , una ferita grave).

Allena la tua capacità di recupero con le mini-frustrazioni che provi in ​​piscina. Come reagisci alle piccole seccature e alle sfide? Dimentichi parte dell’attrezzatura, ti scontri con un altro nuotatore, ti senti pesante nel riscaldamento.
Usa questi piccoli momenti come addestramento per la resilienza.

LA RESILIENZA È NEI TUOI PENSIERI.

Guardare le battute d’arresto come opportunità.

Per i nuotatori di élite, questa è una parte dell’equazione. L’altra parte  è la capacità di comprendere che la resilienza è una decisione solo tua. Non riguarda l’allenatore, i tuoi genitori o gli altri nuotatori.

Ad esempio, se devi disputare una finale e vedi il tuo avversario riscaldarsi come un matto, fare esercizi a secco e passeggiare con aria sicura, che fai?

Pensi di non poterlo mai battere?

Il nuotatore resiliente, riconoscendo che la competizione, essendo parte di qualcosa sulla quale non si ha controllo, non si concentra su di essa, ma su di sé.

“Rilassiamoci. Ti ricordi l’ultima gara in cui hai nuotato così energicamente e senza sbagli che hai schiacciato il PB? “

La resilienza viene dai  tuoi  pensieri, non dalle persone intorno a te. Viene dal concentrarsi sulle cose su cui hai il controllo:  questo  è il massimo potere.

PUOI TRARRE GRANDI BENEFICI DALLE TUE LOTTE, SE SCEGLI DI FARLO.

Siamo abituati a vedere i Campioni sui podi, quando tutto sembra bello e perfetto.

Non vediamo le lotte, le frustrazioni, le sconfitte e le ferite. Tutto ciò che vediamo è una performance epica.

Di conseguenza, possiamo erroneamente supporre che il loro percorso verso l’apice del mondo del nuoto sia stato diretto. Ma non è così.

Dietro i sorrisi, i record del mondo e le medaglie c’è una storia di superamento delle sconfitte, di dolorose battute d’arresto. Innumerevoli momenti di dubbio e di estenuanti scenografie che piegano la loro sicurezza fino al punto di spezzarsi.

Ma seppelliti in quei dolorosi contrattempi e momenti di frustrazione, ci sono i semi di ciò a cui spesso attribuiranno il merito della vittoria.

La sconfitta può abbatterti.

L’infortunio può farti sentire alla fine della carriera.

Ma tu sei  mentalmente più forte di quanto credi.

Ci rivedremo a bordo vasca, microfono e cuore in mano.

In This Story

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »