Mireia Belmonte: “A Tokyo Farò Più Gare Possibili”

Mireia Belmonte è tornata ad allenarsi presso il centro High Performance Center di Sant Cugat (Barcellona), il 18 maggio. Il governo spagnolo aveva infatti decretato che da quella data potevano riprendere gli allenamenti.

La campionessa olimpica spagnolo ha partecipato ad un’intervista online per il programma “Objetivo Tokio” sul canale televisivo spagnolo Teledeporte. L’intervista, condotta da Amat Carceller e Julia Luna, si concentra sui programmi di preparazione per le Olimpiadi e per ritrovare la forma e la forza perdute durante la quarantena. Inoltre, ha parlato della possibilità di essere la portabandiera della squadra olimpica spagnola alla cerimonia di apertura.

Dopo 66 giorni senza piscina, è stato più difficile attivare la mente o il corpo? Si è preparata mentalmente a quel primo contatto con l’acqua?

“Entrambi sono stati difficili. Il corpo è più difficile perché non lo abbiamo allenato in acqua per molto tempo. Durante la quarantena abbiamo fatto molti addominali e molti esercizi cardio. Abbiamo anche fatto esercizi di visualizzazione. Ad esempio abbiamo immaginato la nostra gara migliore in acqua.

Facendo 2 sessioni di allenamento al giorno, ritroverete la forma più in fretta?

“Non nuotiamo da molto tempo. Stiamo facendo una sessione in acqua al mattino ed una al pomeriggio per tornare in forma. Il processo richiederà molto tempo. Ora abbiamo in mente Tokyo e vogliamo andare avanti a poco a poco e giorno per giorno”.

Gli allenatori dicono che ci vorranno 7-9 mesi per recuperare la forma e la forza che avevi prima della pausa…

“Ogni settimana senza nuoto è molto difficile da recuperare. Sono passate 9 settimane quindi sarà un lungo viaggio. Dobbiamo avere pazienza e sapere che non è questione di un giorno. Bisogna recuperare il contatto con l’acqua, la resistenza e la velocità. Per questo abbiamo bisogno di molto allenamento”.

Quest’anno è molto diverso dagli altri perché tutte le gare sono state sospese. Si affronterà la preparazione olimpica senza sensazioni agonistiche.

“È strano allenarsi senza sapere per quale competizione. Ci alleniamo per Tokyo, ma fino a quel momento manca ancora più di un anno. Non ci sono competizioni importanti in vista dove si può misurare il proprio stato di allenamento. Dobbiamo vedere come pianifichiamo l’anno, e vedere quali competizioni ci verranno presentate l’anno prossimo”.

Come vedi i tuoi classici rivali, Kapas, Hosszu, Hentke …?

“Quello che so è che molti dei miei rivali si sono allenati durante la pandemia perché i loro paesi lo hanno permesso. Ma ora tutti i nuotatori del mondo sono nella stessa posizione. Non abbiamo gare in vista. Ora possiamo solo allenarci duramente e quando inizia la stagione, dare un’occhiata alla classifica mondiale e vedere quali sono i rivali più pericolosi”.

Ritiene che, affinché i Giochi si svolgano senza problemi di salute, sia necessario un vaccino?

“Il vaccino darebbe sicurezza agli atleti e a tutta la popolazione. In questo modo potremmo andare più sicuri in un villaggio olimpico con molti atleti e un pubblico numeroso, dove non conosciamo le possibilità di essere infettati”.

Il tuo allenatore Fred Vergnoux dice che se andrai a Tokyo farai qualcosa di grande…

“Questo è l’obiettivo principale, andare a Tokyo ed essere in cima al podio. Ma c’è ancora molta strada da fare e tutto non è chiaro. Dobbiamo vedere la pianificazione della stagione, come si evolve la situazione e come possiamo allenarci. Vediamo se possiamo competere al di fuori della Spagna e seguire un calendario il più normale possibile”.

A Tokyo si inizierà con i 400 mx e poi con il 400 stile. C’è una giornata con due finali. I 200 misti e i 1500 stile. Hai intenzione di dare la priorità a una gara?

“E’ stata aggiunta un’altra giornata di gare e anche un altro evento. Il programma della competizione è più o meno lo stesso. Andrò gara per gara e nuoterò il maggior numero possibile di eventi perché in questo modo ho molte più possibilità. Il mio programma di allenamento mi permette di farlo”.

Il nuoto inizierà il giorno dopo la cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici. Questo programma le permette di pensare di essere il protagonista di quella cerimonia di apertura?

“Siamo fortunati che le finali si svolgeranno al mattino, quindi il nuoto inizierebbe il primo giorno ma nel pomeriggio”.

Il CIO permette sia ad un uomo che ad una donna di essere i portabandiera. Per gli onori storici, Saúl Craviotto e Mireia devono essere i portabandiera…

“Sono contento, sarebbe un grande onore portare la bandiera del mio paese, è il più alto onore che un atleta olimpico può ottenere, e non ho potuto partecipare a nessuna cerimonia di apertura nei miei tre precedenti Giochi Olimpici. Ma è il Comitato Olimpico che deve prendere una decisione e ha l’ultima parola”.

 

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »