La FINA Annuncia Il Lancio Della “Champions Swim Series” Per Il 2019

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 0

December 13th, 2018 Italia

Articolo in inglese a cura di Braden Keith.

Clicca qui per leggere l’approfondimento in inglese

ll Bureau FINA ha approvato oggi ad Hangzhou, in Cina, una nuova serie di incontri chiamata FINA Champions Series Swim.

Questo “nuovo format” sarà composto da tre tappe tra marzo e maggio, su base ad inviti, ed avrà un formato di punteggio a squadre.

Questa Champions Series avrà premi in denaro per 3,9 milioni di dollari, diventando così il più ricco evento di nuoto FINA nella storia.

Inoltre FINA coprirà anche le spese di viaggio degli atleti.

Gli atleti saranno suddivisi in squadre – su base continentale o in base allo sponsor – con ogni squadra composta da 24 atleti (12 uomini, 12 donne).

Verranno invitati solo atleti campioni del mondo, campioni olimpici, detentori di record mondiali, o migliori al mondo in ogni gara.

Questa manifestazione sembra essere formulata sulla base della International Swimming League ( ISL ), che stava progettando un formato simile per il 2019, anche se FINA ha continuato a bloccare questi sforzi.

FINA ha detto all’inizio di questa settimana che la loro attenzione è concentrata sui Campionati in vasca corta piuttosto che sulla causa intentata da 3 campioni contro di lei.

L’Annuncio

“Nel suo costante impegno per l’innovazione e nel fornire nuove opportunità per le stelle del nostro sport, FINA è molto lieta di lanciare questa nuova competizione. Completerà nel miglior modo possibile il nostro calendario del nuoto durante tutto l’anno. In primo luogo, questa Champions Series Swim. Poi i nostri Campionati del Mondo. Infine, il nostro circuito di Coppa del Mondo”.

Dichiara il presidente FINA Dr Julio C. Maglione: “Con la creazione di questa competizione d’elite ulteriore, FINA genererà un vero e proprio spettacolo del Nuoto. I concetti chiave saranno la presentazione e la promozione delle star dello sport’.

Le date esatte delle tappe ed i luoghi che le ospiteranno non sono state rivelate.

Montepremi

  • Montepremi Individuali: US $ 2’436’000
  • Staffette: US $ 648’000
  • Montepremi per le squadre: US $ 840’000

Formato

  • Le gare incluse saranno: 50, 100 e 200m stile libero, dorso, rana e farfalla; 400 stile libero, 200 misti
  • Finali con solo 4 nuotatori
  • 4 staffette per incontro
  • Tre giorni di gare nell’arco di un week end.

Analisi

La FINA sembra voler rispondere alle esigenze che hanno portato i migliori atleti del mondo a sostenere la  ISL.

Dopo l’annuncio della ISL dell’organizzazione di nuovo formato di competizioni, la FINA rispose con l’aumento dei premio in denaro per i Campionati del Mondo vasca corta .

Ora, dopo aver bloccato l’evento Energy For Swim 2018 e dopo che tre campioni hanno depositato una class action contro di essa, la FINA annuncia questa nuova “Series”.

Questa nuova mossa della FINA sembra essere progettata per convincere gli atleti. Agli atleti piace questo formato, soprattutto a stelle come Adam Peaty , che nelle ultime settimane non ha nascosto la critica nei confronti della FINA e il sostegno della ISL.

Le mosse della FINA sono a favore degli atleti.

La prossima settimana la ISL avrà la sua riunione di vertice.

Non dimentichiamo che la FINA ha una causa in corso per concorrenza sleale e l’introduzione di questa nuova competizione non cancella ciò che ha fatto per bloccare ISL.

Ricordate che FINA ha continuato a dire che non ha riconosciuto ISL poiché andrebbe ad interferire con il calendario FINA?

Ora FINA cosa fa? Monopolizza un’altra porzione di calendario. 

I campioni olimpici e del mondo (molti dei quali ci saranno nella riunione della ISL a Londra) potrebbero essere tentati nel partecipare sia agli eventi FINA che a quelli ISL.

Cosa succederà in quel caso?

Conclusioni

Non sappiamo ancora se le federazioni nazionali sosterranno o meno questi nuovi incontri FINA.

Sicuramente saranno in conflitto con altri eventi, quali la  Pro Series Swim USA e i Trials Olimpici e Mondiali.

FINA potrebbe aver giocato troppo vicino al bordo della scogliera e qualsiasi azione non riporterà gli atleti verso di lei.

Ci sono 3 atleti del calibro di Michael Andrew, Katinka Hosszu, e Tom Shields, che si sono alzati contro la FINA ed a costo di giocarsi la carriera, vogliono smontarne il monopolio.

Gli atleti, gli appassionati, voglio un cambiamento a lungo termine.

Sono tempi questi dove c’è scetticismo nei confronti degli organi di governo.

A questo punto non si torna indietro. Gli atleti hanno sentito le promesse della ISL, hanno visto con i loro occhi l’invito ed hanno iniziato a rendersi conto di cosa può davvero diventare questo sport.

Ed un montepremi di 4 milioni di dollari potrebbe non bastare. L’immagine del futuro dipinta dalla ISL è qualcosa che non si esaurisce in pochi mesi.

I venti del cambiamento hanno dato slancio ad una forza che non può essere fermata ora.

In This Story

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per caso, …

Read More »

Don't want to miss anything?

Subscribe to our newsletter and receive our latest updates!