Gare Epiche: La 4×100 Sudafricana Che Sconvolse Atene 2004

Gare epiche è una serie di racconti e di video offerta dal collega Jared Anderson

Alle Olimpiadi del 2004, la staffetta 4×100 maschile era una delle gare più attese.

Gli Stati Uniti avevano vinto questa specialità per sette anni di fila, prima di essere battuti dall’Australia nel 2000.

L’Australia non solo vinse l’oro olimpico, ma siglò il Record del Mondo strappandolo proprio agli Americani.

Nel 2001 l’Australia riuscì a ripetersi, salendo sul gradino più alto del podio ai Mondiali. Nell’edizione successiva dei Campionati del Mondo, nel 2003, fu la Russia a primeggiare, con un 47.7 di Alexander Popov.

Ad Atene, nel 2004, la staffetta 4×100 metri stile libero maschile aveva protagonisti e favoriti.

L’Australia schierava Ian Thorpe. La squadra americana cercava di riconquistare il suo trono olimpico con una stella nascente di nome Michael Phelps.

I russi speravano di confermare il titolo mondiale del 2003 grazie al campione del mondo dei 100 stile Popov.

Anche gli olandesi erano nella mischia, ma come outsider, con il detentore del record mondiale Pieter van den Hoogenband.

La squadra che nessuno guardava era il Sudafrica.

Vi era l’ottavo classificato della finale dei 100 stile al Mondiale del 2003, il 26enne Ryk Neethling.

Nessuna medaglia internazionale di rilievo, soltanto a qualche campionato Pan Pacifico.

Nella squadra, inoltre, vi era il 24enne Roland Schoeman, forte sui 50 metri, meno nei 100.

Chiudevano il quartetto Lyndon Ferns (20 anni) e Darian Townsend (19 anni).

Il Sudafrica arrivò ottavo nella 4×100 stile libero maschile ai Mondiali 2003.

Nelle batterie di qualifica delle Olimpiadi di Atene però, il Sudafrica fece letteralmente girare la testa. Due decimi soltanto dal Record del Mondo, ma avendo già posto sui blocchi i loro migliori uomini.

LA FINALE

Roland Schoeman si tuffa e realizza una prima frazione a 48.1 (il Record Mondiale era di 47.8, fermo da 4 anni).

Ferns scende di due secondi sotto la sua frazione nuotata ai Mondiali un anno prima, 48.1 anche per lui.

Townsend mantiene il vantaggio grazie ali suoi 100 nuotati in 48.9.

Deve chiudere Neethling. entra in acqua per primo e mantiene l’avanzata van den Hoogenband e Jason Lezak, 47.9 ed il Sudafrica vince il primo oro olimpico nel nuoto della sua storia.

Godetevi il video dell’impresa:

link Youtube qui

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »