Comitato Olimpico Brasiliano Invia Atleti In Europa A Causa Del Covid-19

Il Comitato Olimpico brasiliano (COB) invierà “circa 200” atleti in Europa per allenarsi tra luglio e dicembre a causa della gravità dell’impatto del coronavirus sul paese.

Inside the Games rivela che questa decisone fa parte del programma di emergenza del COB a sostegno del sistema olimpico. Tra i primi paesi che ospiteranno gli atleti brasiliani vi è il Portogallo. Il presidente del Comitato Olimpico brasiliano, Paulo Wanderley Teixeira, ha affermato che il programma è volto a sostenere il sistema Olimpico ed offrire le migliori condizioni di salute e di allenamento per i propri atleti.

Il COB pagherà i voli, i pasti e l’alloggio degli atleti per sei mesi. Per fare ciò sono stati stanziati 15 milioni di R$ (circa 3 milioni di euro).

Attualmente il Brasile è il secondo Paese più colpito dal COVID-19 al mondo. Conta oltre 719.000 casi confermati e più di 37.000 decessi.

Il Portogallo, invece, ha poco più di 35.000 casi confermati e 1.400 morti.

“Abbiamo uno stretto rapporto con il Comitato Olimpico portoghese e abbiamo già avviato le trattative in vista di Parigi 2024”. Queste le parole del Direttore Generale del COB e campione olimpico di judo Rogério Sampaio. “Con la pandemia, crediamo che l’utilizzo degli impianti sportivi portoghesi ci permetterà di offrire agli atleti siti sicuri e di alto livello per riprendere le loro attività”.

Il COB sta inoltre finalizzando i protocolli per la ripresa degli allenamenti. E’ già pronto un documento di 200 pagine che dovrebbe delineare le regole per l’utilizzo e la graduale riapertura del centro di allenamento della squadra brasiliana a Rio de Janeiro.

“Cerchiamo riferimenti da diversi Comitati Olimpici nel mondo, che sono in fase più avanzata rispetto al Brasile. Il nostro obiettivo è quello di avere una guida di riferimento completa per gli atleti e le istituzioni”.

 

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »

}