Le Origini dei Moderni Occhialini da Piscina Goggles

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 0

February 05th, 2018 Italia

Come sono nati i Goggles?

Una domanda che entusiasma gli appassionati di storia del nuoto.

Riviviamo le origini di quelli che sono un accessorio indispensabile per i nuotatori grazie al racconto di Gary Hall Sr., 10 volte detentore del record mondiale, 3 volte olimpionico, portabandiera statunitense ai Giochi olimpici del 1976 e co-fondatore del Race Club .

VISIONE OFFUSCATA

Prima della fine degli anni ’60 quasi nessun nuotatore indossava occhialini sia in allenamento che in competizione.

Quelli che li usavano indossavano grandi occhiali di gomma a forma triangolare che possiamo vedere spesso nelle vecchie foto di  nuotatori che attraversano il Canale della Manica . Quei grandi occhiali di gomma davano però una visione doppia. Spesso il nuotatore  doveva chiudere un occhio per evitare confusione. Erano anche ingombranti e spesso causavano più resistenza.

I nuotatori di quell’epoca ricordano quanto fosse doloroso per gli occhi nuotare nel cloro senza protezione alcuna.

Come si potesse anche solo pensare ad una virata con gli occhi offuscati dal cloro rimane un dubbio legittimo.

Nell’estate del 1965, Peter Frawley, un nuotatore Californiano della Sammy Lee Swim School, vide un inserto dietro una rivista. In Australia erano stati commercializzati dei piccoli occhiali di plastica.

Peter ordinò una scatola di una dozzina di occhiali per 40 centesimi a pezzo. Quando arrivarono in California qualche settimana dopo, ne vendette alcuni  ai suoi compagni di squadra per 80 centesimi.

I PRIMI MODELLI

Gli occhiali erano molto simili agli occhiali svedesi che sono ancora disponibili oggi. Erano fatti di oculari di plastica dura che avevano i bordi ruvidi che dovevano essere limati per avere il massimo comfort. Non c’era materiale gommato né silicone attorno ai bordi per aiutare con la tenuta o il comfort. Le lenti erano fatte di vetro sottile, non di plastica. I cinturini per la testa erano fatti di semplici elastici che avvolgevano due volte intorno alla testa e gli oculari erano collegati da una corda verde incanalata attraverso un piccolo pezzo di tubo di plastica. La separazione dei due oculari per le larghezze del naso variabile è stata ottenuta semplicemente indovinando la quantità di corda necessaria per legarli insieme.

Abbiamo iniziato a indossare quegli occhiali immediatamente negli allenamenti e non abbiamo mai smesso. Altri compagni di squadra della Sammy Lee Swim School hanno iniziato a unirsi a noi. L’estate seguente del 1966, ho iniziato ad allenarmi con il famoso allenatore, Don Gambril, al Rosemead Aquatic Centre. Quando mi sono presentato con gli occhiali, anche Don e altri nuotatori erano incuriositi.

Alla fine, Don acquistò un paio e li mandò al suo amico, Ron Gilchrist, in Canada. Ron lavorava per Speedo in quel periodo e aveva uno spirito imprenditoriale. Quando Ron vide gli occhiali, si rese conto del potenziale e iniziò a fabbricarli e venderli con il marchio Speedo. Credo che Speedo sia stata la prima azienda a produrre e commercializzare occhiali protettivi per i nuotatori.

L’ARRIVO DEGLI SVEDESI

Più tardi, nei primi anni ’70, una società chiamata Malmsten AB in Svezia iniziò a produrre gli occhiali con lo stesso stile, usando lenti in plastica anziché in vetro. Erano di qualità superiore e così hanno reso popolare questo tipo di occhiali a livello mondiale. Lo stile alla fine divenne noto come lo Svedese Goggle. Molti nuotatori preferiscono ancora usare questo modello.

Non sono sicuro chi è stato il primo nuotatore a usare gli occhiali da nuoto in gara, ma la prima persona che ho visto usarli è stato  David Wilkie , scozzese, ai campionati di nuoto maschile della Division I NCAA nel 1973, nei 200 rana. David li indossava spesso in competizione e li usava nelle  finali dei 200 rana  ai Giochi Olimpici di Montreal del 1976 . Era l’unico non americano a vincere un evento di nuoto maschile in quei giochi olimpici.

Se qualcuno ha indossato occhiali da gara in competizione prima di David, non sono a conoscenza di chi lo ha fatto. Forse i lettori di SwimSwam saranno in grado di aiutarmi qui.

Appartengo a un forum di nuotatori online. Una volta, David McIntyre, il nostro leader senza paura, ha fatto un sondaggio tra i membri su quello che è stato il singolo cambiamento più profondo che ha avuto un impatto positivo sul nostro sport. Molti membri hanno pensato che fosse l’uso di occhiali da nuoto. Potrebbero avere ragione.

Ad ogni modo, sono orgoglioso di essere stato uno dei primi ad adottarli. Per quanto riguarda l’uso di occhialini da nuoto competitivi, ora ne sai di più sul resto della storia.

Il tuo nuoto,

Gary Sr.

 

Il Race Club è su Facebook Instagram  e Twitter

 THE RACE CLUB

Nella vita vale la pena nuotare. La nostra missione è promuovere il nuoto attraverso lo sport, il godimento di tutta la vita e la buona salute. Il nostro obiettivo è quello di migliorare le prestazioni in acqua ma anche la salute e l’autostima di ciascun membro e ciascunys partecipante al   Race Club   attraverso i nostri programmi educativi, i nostri servizi e la nostra creatività. Ci sforziamo di aiutare ogni membro del   Club  a  superare le sfide e raggiungere gli obiettivi individuali di vita.

Il   Race Club   offre servizi, coaching, formazione, istruzioni tecniche, video, fitness e programmi di salute per i nuotatori di tutte le età e le abilità. Gli “Swim Club” de  Race Club  sono progettati e personalizzati per soddisfare le esigenze di ogni nuotatore, sia che si cerca di raggiungere i Giochi Olimpici, sia semplicemente migliorare la propria forma fisica. I nostri programmi sono adatti a nuotatori dilettanti,

Gary Hall, Sr., Direttore Tecnico e Head Coach del Race Club (cortesia del TRC)

Gary Hall, Sr., Direttore Tecnico e Head Coach del Race Club (cortesia del TRC)

nuotatori appassionati, professionisti e  chiunque voglia migliorare le proprie competenze di nuoto. Tutti i nostri    membri del  Race Club condividono il piacere di stare in acqua e usano il nuoto per stimolare  mente e corpo.

Comunicato stampa per gentile concessione di The Race Club, partner di SwimSwam

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per caso, …

Read More »

Don't want to miss anything?

Subscribe to our newsletter and receive our latest updates!