Perchè non Riesco a Respirare? Disfunzione Corde Vocali nei Nuotatori

Per gentile concessione della dott.ssa Erin Cameron

La vita di un nuotatore con disfunzione delle corde vocali

Senti di respirare ma senza fiato. I polmoni non si espandono. L’aria entra in gola come un pugno. Invece di respirare silenziosamente, sente il suono fin troppo familiare del tentativo acuto e senza fine di inalare l’aria preziosa di cui il corpo ha bisogno.

Condividiamo la storia come apparsa sul nostro sito madre. Potete leggere la versione integrale in inglese qui

I nuotatori con diagnosi con disfunzione delle corde vocali (VCD per brevità) lottano per trovare modi per gestire i loro sintomi fisici ed emotivi.

È importante per questi nuotatori sapere che ci sono strategie che possono usare per continuare ad allenarsi, gareggiare e godersi questo sport.

La storia della dott.ssa Erin Cameron

Il mio obiettivo era sempre di nuotare per l’Università del Michigan. Quando per la prima volta mi sono calata sul ponte del Canazian Natatorium, il mio primo anno, mi sembrava di vivere un sogno. Avevo allenatori e compagni di squadra fantastici e nuotavo più veloce di quanto avessi mai fatto prima.

Prima del mio secondo anno di college, non avevo mai avuto difficoltà respiratorie. I miei sintomi si sono manifestati all’improvviso, senza preavviso o giusta causa. Mi si stringeva la gola, sentivo che non riuscivo a far entrare aria nei miei polmoni e un suono acuto e terrificante si verificava ogni volta che tentavo di inspirare. All’inizio, questo si verificava solo una volta, forse due volte a settimana. Poi è diventato più frequente ed accadeva a quasi tutti i set principali.

L’anno successivo fu pieno di innumerevoli appuntamenti dal dottore spesi cercando di dedurre ciò che stava causando i miei sintomi. Vari trattamenti, incluso un inalatore di albuterolo e un’alta dose di corticosteroide, Advair. Sono stati usati per ridurre quello che sembrava essere asma indotto dall’esercizio: ma nulla ha aiutato.

I miei allenamenti ne hanno sofferto. La mia salute mentale ha sofferto. Per quanto positiva cercassi di rimanere, non potevo fare a meno di pensare, perché sta succedendo questo? Perché niente è servito? Perché, qualunque cosa sia, sta cercando di succhiare la gioia dallo sport che amo così tanto?

Non solo i miei sintomi mi spaventavano, ma le mie condizioni divennero presto motivo di preoccupazione per i miei allenatori e compagni di squadra. Nessuno era sicuro su come andare avanti.

Ero schiacciata

Avevo grandi aspirazioni ma la priorità era un’altra.

Il mio allenatore mi ha indirizzato da uno pneumologo che aveva esperienza di lavoro con nuotatori di élite.

Con l’aiuto di mia madre, un’infermiera, abbiamo finalmente determinato la parola giusta per descrivere il suono acuto che stavo facendo quando provavo a respirare: stridore. Questa era l’informazione che il pneumologo ci diede e capimmo che non ero affetto da asma indotto dall’esercizio.

Mi mise sul tapis roulant per simulare lo sforzo dell’esercizio. Avevo un tubo alle vie nasali ed improvvisamente ho potuto vedere su uno schermo la risposta al motivo per cui non ero in grado di respirare.

Le mie corde vocali si chiudevano mentre cercavo di inspirare; quei piccoli lembi testardi stavano facendo esattamente l’opposto di quello che avrebbero dovuto fare.

Ero entusiasta di avere una diagnosi, ma frustrata dal sapere che non esisteva una cura.

C’erano, tuttavia, strategie che potevo usare per diminuire l’impatto di questi sintomi sulla mia performance. Mi sono fatta dunque aiutare da un logopedista per finire il mio ultimo anno universitario.

Dal momento in cui ho avuto la diagnosi, ho studiato approfonditamente la condizione nel tentativo di comprendere meglio le cause e i trattamenti per VCD. La mia speranza è che condividendo queste informazioni, le persone che stanno vivendo il VCD avranno una migliore comprensione di come descrivere i loro sintomi e quando cercare un aiuto medico.

Cos’è la disfunzione delle corde vocali?

“Adduzione involontaria e paradossale delle corde vocali.”

Scomponiamo:

  • Non intenzionale = non fatto apposta
  • Paradossalmente = apparentemente assurdo o auto-contraddittorio
  • Adduzione =  avvicinarsi al centro del corpo
  • Corde vocali = due lembi di tessuto che attraversano la laringe (parte dell’apparato respiratorio che l’aria deve attraversare per entrare o uscire dal corpo)

Quindi chiusura dei lembi che di solito si aprono per consentire all’aria di fluire verso i polmoni. Non è fatto apposta e non ha senso.

Come puoi vedere, le corde vocali nell’immagine devono essere aperte per respirare. Tuttavia, negli individui con disfunzione delle corde vocali, le corde vocali si bloccano a intermittenza e bloccano il flusso di aria ai polmoni. Questo blocco può verificarsi durante l’inalazione o l’espirazione, ma più comunemente si verifica durante l’inalazione. Generalmente, questi spasmi compaiono improvvisamente e si risolvono rapidamente, di solito in meno di 2 minuti.

Perché succede?

Un riflesso laringeo iperattivo può essere la causa. Questo riflesso viene utilizzato per proteggere le vie aeree chiudendo le corde vocali per bloccare il passaggio alle vie aeree sull’altro lato.

Ma perché questo riflesso si verifica quando non dovrebbe accadere? La risposta è che non lo sappiamo per certo. L’unica cosa chiara è che ci sono molti fattori che possono contribuire al VCD e che questi fattori variano da persona a persona.

Potenziali fattori contributivi

Determinare i fattori che provocano VCD è un processo complesso. La guida di un professionista qualificato sarà fondamentale per aiutare a decifrare il puzzle di fattori che provocano sintomi.

Di seguito è riportato un elenco di fattori che possono contribuire al VCD.

  1. Sesso: le donne hanno maggiori probabilità di sperimentare VCD
  2. Sostanze irritanti presenti nell’aria
  3. Odori forti
  4. “Esposizione a muffe
  5. Ambiente piscina
  6. Livelli elevati di polvere
  7. Reflusso acido
  8. Infezioni respiratorie, gocciolamento nasale
  9. Alcuni alimenti
  10. Sforzo fisico
  11. Stress emotivi / condizioni psicologiche tra cui ansia, stress, depressione

Come riconoscere la disfunzione delle corde vocali?

Ognuno utilizza parole diverse.

Qualcuno descrive i sintomi come “soffocamento” o “sentirsi come l’aria si sta bloccando in gola”. In comune tutti hanno la descrizione di un rumore acuto che di solito si verifica quando inspirano; questo suono è anche descritto come “stridore”.

Un operatore sanitario può utilizzare un elenco di domande ( http://clok.uclan.ac.uk/12036/1/The%20VCDQ.pdf ) per determinare se i sintomi sono causati da VCD o qualche altra condizione. Possono anche essere effettuati test respiratori specifici. Il miglior strumento per diagnosticare la VCD è usare una piccola videocamera per vedere le corde vocali.

Come accennato in precedenza, prima della diagnosi di VCD sono stata curata con inalatori di albuterolo e corticosteroidi. Pensavo che l’aumento del dosaggio dei farmaci avrebbe curato quella che sembrava asma indotta dall’esercizio.

Ciò significa che per oltre un anno sono stata curata in modo errato. E’ dunque importantissimo essere in grado di descrivere i sintomi in modo chiaro e sistematico per aiutare i medici a determinare la diagnosi corretta.

Cosa fare

Conoscere i termini e le parole corrette per descrivere i sintomi aiuterà il medico a fare una diagnosi. La diagnosi corretta ti aiuterà a ricevere il trattamento più vantaggioso.

L’approccio terapeutico di maggior successo coinvolgerà probabilmente un team multidisciplinare che potrebbe includere un medico, un logopedista e uno psicologo dello sport.

Il trattamento varia da persona a persona. Tenere un registro dei sintomi può aiutare a determinare quali fattori stanno contribuendo di più.

Ad esempio, avverti i tuoi sintomi solo in occasione delle gare o in situazioni di alta pressione? Forse lo stress e l’ansia sono i fattori scatenanti. Senti i sintomi solo quando ti alleni? Forse sono gli agenti irritanti dell’aria a provocare il disturbo.

Il mio logopedista mi aiutava attraverso tecniche di rilassamento respiratorio.

La strategia di rilassamento delle corde vocali mi aiutava specialmente quando era combinata con una respirazione diaframmatica lenta e profonda.

Rilassare la gola, visualizzare le vie aeree aperte aiuterebbe a diminuire la difficoltà del primo respiro, che a sua volta calmava abbastanza da consentire una respirazione relativamente normale nei successivi 10-20 secondi.

Il mio consulente atletico mi ha aiutata a determinare le strategie per calmarmi prima delle gare e durante set difficili. Attraverso queste sessioni, ho imparato che potevo gestire almeno alcuni dei miei sintomi cambiando la mia mentalità.

Cominciai a trovare conforto nel non lasciare che i miei sintomi “mi sorprendessero”, accettando che si sarebbero verificati e lavorando per gestire le parti su cui avevo il controllo. Ricordo di aver pensato più e più volte: “ho già affrontato gare e prove difficili, e lo farò anche stavolta”.

Considerazioni finali

Nuotare con VCD non è facile. Spesso guardo indietro alla mia carriera e mi chiedo, “E se?E se non avessi mai avuto queste sfide? Quanto potevo essere più veloce?

Trovo comunque conforto perchè al di là dei tempi non ho abbandonato lo sport che ho amato da quando ero una bambina.

Mentre ho scoperto che continuare a allenarmi e competere era l’opzione migliore per me, questa potrebbe non essere la risposta corretta per tutti. Dopo una diagnosi di VCD, alcune persone scoprono che dedicarsi ad altre attività al di fuori del nuoto porta ad una vita più felice e più appagante. Questa è una decisione dolorosa ma a volte necessaria.

Spero che abbiate trovato utili le informazioni in questo articolo. Se avete domande o commenti potete contattarmi via e – mail all’indirizzo [email protected] .

  1. Brooks SM (2017) Disfunzione delle corde vocali dopo un’esposizione per inalazione. J Allergy Ther 8: 261. doi: 10.4172 / 2155-6121.1000261

  2. K. Kenn, R. Balkissoon. Disfunzione delle corde vocali: cosa sappiamo? European Respiratory Journal 2011 37: 194-200; DOI: 10.1183 / 09031936.00192809

  3. Roberts, Claire-Marie e Faull, Andrea (2016) Un approccio interdisciplinare alla gestione della disfunzione delle corde vocali in un nuotatore femminile d’élite: un caso di studio. In: The Association for Applied Sport Psychology 31th Annual Conference, 28 settembre – 1 ottobre 2016, Phoenix, Arizona.

  4. Varney V, Parnell H, Evans J, Cooke N, Lloyd J, Bolton J. Il trattamento efficace della disfunzione delle corde vocali con amitriptilina a basso dosaggio – compresa la revisione della letteratura. Journal of Ashma and Allergy . 2009; 2: 105-110.

  5. Weinberger M, Doshi D. Disfunzione delle corde vocali: una causa funzionale di sofferenza respiratoria. Respira . 2017; 13 (1): 15-21. doi: 10,1183 / 20.734.735,019,316 mila.

  6. https://my.clevelandclinic.org/health/diseases/17623-vocal-cord-dysfunction .

Biografia

In quarta elementare, quando le è stato chiesto cosa volesse diventare da grande, la dott.ssa Erin Cameron, ha risposto “fisioterapista”, una risposta piuttosto anticonvenzionale per una bambina di quell’età. Era una giovane nuotatrice con dolore alla spalla, alla disperata ricerca di uno sport che amava così tanto. La dedizione del suo terapista fisico le ha permesso di perseguire la sua passione e alla fine andare a competere a livello collegiale.

Mentre nuotava all’Università del Michigan, ha studiato per ottenere un Bachelor of Science in Movement Science dalla School of Kinesiology. Durante la sua carriera di nuotatrice collegiale, ha ottenuto i seguenti riconoscimenti: due volte BCA Honourable Mention Scholar All-American, tre volte Big Ten Distinguished Scholar, capitano della squadra e il premio Leader of Distinction della Michigan Leadership Academy.

Erin ha dedicato gran parte della sua vita al nuoto. Oltre a competere per 15 anni, ha allenato nuotatori d’élite sviluppando programmi di allenamento / sessioni educative per la prevenzione degli infortuni degli arti superiori.

Erin ha conseguito il dottorato in fisioterapia presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University. Durante i suoi studi di fisioterapia, ha sviluppato un particolare interesse nel trattamento di pazienti con una vasta gamma di lesioni ortopediche e nella promozione della salute e del benessere generale. Attualmente lavora presso COR Physical Therapy (hyperlink: https://www.trainingcor.com ) a Santa Clara, in California, dove si specializza nel trattamento di atleti giovani e adulti con condizioni ortopediche e contribuisce al sito Web di Swimming Science (hyperlink: www. swimmingscience.net ).

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per caso, …

Read More »

Don't want to miss anything?

Subscribe to our newsletter and receive our latest updates!