Aspettando ISL : I New York Breakers, Un Affare Di Famiglia

I NEW YORK BREAKERS

Anche se ad oggi il primo risultato offerto da Google per la ricerca “New York Breakers” recita la storia di una celebre crew di break dance degli anni ’80 da pochi mesi lo stesso nome è legato al simbolo di un rinoceronte che frantuma il suo stesso scudo.

I Breakers sono una delle 8 squadre che daranno il via alla prima stagione della International Swimming League. Si può dire che la squadra statunitense sia un affare di famiglia per gli Andrew. Sono infatti Tina Andrew, Peter Andrew e Michael Andrew i 3 proprietari e fondatori del team. Mamma Tina, che vanta un passato da Gladiator nell’omonimo show tv in cui atleti e aspiranti tali si affrontano in sfide su velocità, forza e destrezza è stata scelta come volto e voce della franchigia nei panni di General Manager. La squadra di NY è fiera di legare il suo nome alla PAMS Foundation, ONG impegnata per uno sviluppo sostenibile della Tanzania che ne preservi le peculiarità naturalistiche.

LA STELLA

Nessun dubbio a riguardo. Micheal Andrew sarà la stella della sua squadra. Nuotatore eclettico, versatile, è il primo uomo nella storia del nuoto a partecipare nella stessa edizione alla finale mondiale di tutte le specialità dei 50 metri. Michael è allenato dal padre Peter nella piscina dietro casa con un metodo alternativo detto USRPT (Ultra Short Race Pace Training) basato su ripetizioni di serie di lavoro che simulano costantemente l’andatura di gara. Considerato un atleta professionista da quando all’età di 14 anni firmò un contratto di sponsorizzazione con un’azienda di prodotti di integrazione è uno dei pochi atleti americani ad aver bybassato il periodo dedicato al college. Il format dell’ ISL sembra rispecchiare le sue caratteristiche di velocista e amante della vasca corta. La sua poliedricità sarà fondamentale nel momento della scelta della formazione da schierare in vasca.

LA STORIA

Non tutti i componenti del roster di NY sono nomi altisonanti e famosi tra le corsie. Pedro Spajari è nato in Brasile 10 anni dopo il detentore del record del mondo dei 100 stile, César Cielo. Pedro ottiene buoni risultati a livello giovanile portando avanti la tradizione dei velocisti del suo paese fino al quinto posto ai Campionati Mondiali Juniores disputati a Singapore nel 2015. Con l’obiettivo olimpico a pochi centimetri dal naso Pedro inizia la stagione successiva carico di aspettative.

Quello però si rivelerà essere un anno difficile, caratterizzato da dubbi, preoccupazione e solo in fine dalla speranza. Pedro Spajari scopre infatti di essere affetto dalla sindrome di Klinefelter che causa una riduzione drastica del livello di testosterone nell’uomo e altre problematiche del sistema immunitario. La patologia ha reso il suo corpo totalmente inadatto a qualunque tipo di competizione sportiva inibendone la capacità di sviluppare una muscolatura adeguata e altre caratteristiche ormonali tipiche di un maschio adolescente.

A diagnosi confermata Pedro ha iniziato un trattamento medico a base ormonale approvato dalle autorità antidoping che gli ha permesso di ristabilire valori e di prendere parte già l’anno successivo alle Universiadi di Taipei dove si è classificato sesto nei 100 stile libero. La sua voglia di riscatto per preparare al meglio una stagione olimpica sarà sicuramente carburante utile alla macchina dei Breakers.

LA SORPRESA

Ali De Loof. Classe ’94 è la maggiore delle tre sorelle De Loof, tutte assoldate tra le fila dei NY Breakers . Specialista del dorso e ancor più specialista della vasca da 25 metri, nell’edizione dei Mondiali invernali canadesi di vasca corta Ali ha collezionato ben 4 medaglie (3 di staffetta e il bronzo nei 50 dorso) e un Record Americano. Considerata una seconda linea nel panorama statunitense dove brilla la nuova regina della specialità Regan Smith, Ali può trovare la sua giusta dimensione nel circuito ISL affiancando Madison Wilson nelle gare del dorso per il team newyorchese.

IL ROSTER

  • Michael Andrew (USA) : 50 stile libero-dorso-farfalla-rana

  • Haley Black (CAN) : 50/100 farfalla

  • Marcelo Chierighini (BRA) : 100 stile libero

  • Mack Darragh (CAN) : 100/200 farfalla

  • João de Lucca (BRA) : 200 stile libero

  • Ali DeLoof (USA) : 50/100 dorso

  • Catie DeLoof (USA) : 100/200/400 stile libero

  • Gabby DeLoof (USA) : 100/200 stile libero

  • Emily Escobedo (USA) : 10O/200 rana

  • Reva Foos (GER) : 100/200 rana

  • Jonathan Gomez (COL) : 200 farfalla

  • Lara Grangeon (FRA) : 200/400  misti 400 stile libero

  • Marco Koch (GER) : 100/200 rana 400 misti

  • Marius Kusch (GER) : 100 farfalla

  • Breeja Larson (USA) : 100/200 rana

  • Clyde Lewis (AUS) : 200/400 misti 200 stile libero

  • Justin Lynch (USA) : 100/200 farfalla

  • Jack McLoughlin (USA) : 400 stile libero

  • Lia Neal (USA) : 50/100/200 stile libero

  • Emily Overholt (CAN) : 400 misti 200 stile libero

  • Jacob Pebley (USA) : 100/200 dorso

  • Christoper Reid (RSA) : 100 dorso

  • Pedro Spajari (BRA) : 100 stile libero

  • Brad Tandy (RSA) : 50 stile libero

  • Alys Thomas (GBR) : 100/200 farfalla

  • Markus Thormeyer ( CAN) : 100/200 stile libero 100/200 dorso

  • Madison Wilson (AUS) : 100/200 dorso 200 stile libero

La squadra dei New York Breakers è composta per 1/3 da atleti statunitensi (9), ai quali potremmo aggiungere d’ufficio il tedesco Marius Kusch cresciuto natatoriamente all’università di Charlotte. Il resto del roster vede una fetta consistente di atleti canadesi e australiani. I nuotatori europei nel team sono in totale 5.

RANKING

  • STELLE E SUPERSTAR:  ♥ ♥  
  • ADATTABILITA’ AL FORMAT ISL:  ♥ ♥ ♥
  • CHIMICA DI GRUPPO :  ♥ ♥ ♥
  • PROFONDITA’ DELLE SECONDE LINEE : ♥ ♥
  • VALUTAZIONE COMPLESSIVA ♥ :  10 / 20

 

In This Story

Leave a Reply

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »

Want to take your swimfandom to the next level?

Subscribe to SwimSwam Magazine!