Seconda Notte Dell’Acqua Che Dorme: Cosa Sognano I Nuotatori?

Che cosa sogna l’acqua che dorme?

Rubando questo poetico dilemma a Sylvain Tesson ci siamo chiesti quali sono i sogni, ricorrenti o meno di chi vive d’acqua, nell’acqua. I racconti e le storie di nuotatrici e nuotatori ci faranno entrare, in punta di piedi e rigoroso silenzio, in un posto tanto intimo e vulnerabile come l’angolo di un cuscino.

Abracadabra

Tutto è buio, tutto è muto.

Prima dell’arrivo di un attacco di claustrofobia mi accorgo dell’acqua che mi sta scivolando sul dorso delle mani, vicendevolmente avvolte lassù sopra la testa, in quella posizione che ormai il mio corpo assume come riflesso naturale…

Ora tutto è calmo, ora tutto è mio.

Abracadabra

Pensi che “ripeterlo fino a sognarlo la notte” sia un proverbio fino a quando non ti succede davvero. Ma eccomi qua, a provare subacquee immaginarie ad occhi chiusi e maledire il mio allenatore e quella sua perversione per il perfetto che mi ha inculcato dopo anni di discorsi filosofeggianti ripetendomi di come in realtà tutto, compresa l’azione più banale, potesse essere arte se fatta perfettamente.

Abracadabra

Quando sei sott’acqua ti rimangono solo due sensi: la vista e il tatto.

La teoria a cui eravamo arrivati era che allenandomi a togliere anche la vista io li sotto non dipendessi altro che dalla sensazione dell’acqua sulla mia pelle. Sostanzialmente era un’operazione di sottrazione dell’accessorio a favore del necessario, un atto di emancipazione dal futile per rendere il gesto più puro.

Abracadabra

Il fiato inizia a mancare, le gambe bruciano, devo ripetere solo il quinto abracadabra (il modo che ho trovato per ricordarmi di uscire ai 15 metri, anche se spesso è fallimentare). I sintomi sono piuttosto simili a quelli della sindrome di Stendhal e proprio come se mi trovassi davanti ad un dipinto o stessi ascoltando una melodia, lascio che l’acqua mi culli e mi sazi.

Adesso capisco dov’è l’arte.

Ora tutto è puro, ora tutto è perfetto.

Sono pronto a uscire.

Abracadabra

Lorenzo Mora

Appuntamento alla prossima settimana con la seconda notte nei sogni dell’acqua che dorme, per scoprire chi ha deciso di raccontarsi.

Leggi qui il sogno della settimana scorsa.

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Aglaia Pezzato

Aglaia Pezzato

Cresce a Padova e dintorni dove inizialmente porta avanti le sue due passioni, la danza classica e il nuoto, preferendo poi quest’ultimo. Azzurrina dal 2007 al 2010 rappresenta l’Italia con la nazionale giovanile in diverse manifestazioni internazionali fino allo stop forzato per due delicati interventi chirurgici. 2014 Nel 2014 fa il suo esordio …

Read More »