Migliorare Lo Stile Libero Correggendo Tre Errori Comuni

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 0

January 26th, 2020 Italia

Migliorare lo stile libero?

Secondo l’allenatore australiano Brenton Ford la chiave è la semplicità.

Ogni anno Ford aiuta circa 1400 atleti a diventare nuotatori più efficaci ed efficienti.

Nei suoi Effortless Swimming Camps and Clinics lavora su una specifica gerarchia di competenze fondamentali nello stile libero:

  1. Respirazione
  2. Equilibrio e posizione del corpo
  3. Allineamento
  4. Presa dell’acqua
  5. Ritmo

Utilizzando questa gerarchia, ha notato che gli errori più comuni sono:

  1. Posizione della respirazione
  2. Sbilanciamento
  3. Presa inefficace

RESPIRAZIONE

“Gli errori più comuni che vedo derivano dalla respirazione”, dice Ford.

“Questa è probabilmente la causa numero uno della maggior parte dei difetti che vedo”.

In particolare, osserva che l’errore più comune è girare troppo la testa ruotando troppo la parte del corpo verso il lato in cui si respira.

Per aiutare a correggere un rollio eccessivo, suggerisce ai nuotatori di pensare alla rotazione nello stile libero come una roccia non un rotolo.

Per capire la semplicità del movimento necessario per respirare, si fa immaginare la spina dorsale come un’asta rigida. “Faccio immaginare che hanno un’asta che scorre attraverso la testa, il collo e la spina dorsale. Quando girano la testa non dovrebbero alzarla per respirare. Non dovrebbe spostarsi dalla linea dell’asta”.

ESERCIZI DI RESPIRAZIONE

Un’esercitazione che usa per lavorare su quello che lui chiama un respiro split vision (un occhialino in entrata e uno in uscita) è l’esercizio respiratorio front kick.

Con le pinne si avanza con un braccio in avanti ed uno lungo il corpo. Si deve respirare a lato senza far abbassare il braccio teso in avanti.

BRACCIATA

“Il secondo errore più comune è il cross over“, spiega Ford.

Il cross over è l’errore di incrociare il braccio che entra in acqua. Quando la mano ed il braccio entrano in acqua oltre la linea centrale del corpo, influiscono la presa e la spinta.

Capire il percorso che le braccia devono percorrere quando entrano in acqua è fondamentale:

“Mi piace usare un’immagine dei binari dei treni”, dice Ford. “Le linee corrono parallele alle spalle e alle orecchie delle persone. Ogni volta che la loro mano entra in acqua vogliamo che vadano dritti su quei binari”.

PRESA EFFICACE

Una volta affrontati i problemi di allineamento, una delle cose su cui Ford si concentra maggiormente è far sì che i nuotatori possano catturare l’acqua in modo più efficace.

Essere in grado di creare la più grande quantità di superficie con la mano e l’avambraccio è una delle chiavi per una grande presa.

Un aspetto su cui si concentra è la posizione del polso.

Alzare leggermente il polso crea l’angolo migliore per catturare più acqua possibile.

La mano deve scivolare in avanti e l’alternanza tra il braccio destro e sinistro, deve essere simile a quella che i pattinatori hanno delle gambe.

Dice Ford:  “L’analogia che mi piace è guardare qualcuno che pattina sul ghiaccio”.

“C’è armonia tra il piede destro e sinistro in modo che tutto il corpo rimanga in equilibrio. 

Questa è la stessa cosa che devi fare con le braccia. Pensate a pattinare in avanti dal braccio sinistro al braccio destro. Ti dà un senso di equilibrio da sinistra a destra e ti dà il tempo di andare in avanti quando un braccio si estende e l’altro spinge oltre l’anca”.

Ispirato da correcting three common errors in freestyle technique

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »

Want to take your swimfandom to the next level?

Subscribe to SwimSwam Magazine!