Per non Perdere la Motivazione nel Nuoto, Ricorda di Divertirti!

Sono sicura che ami il nuoto.

Hai impiegato negli anni tutte le tue energie. Tempo e dedizione per spingerti al limite ogni volta.

Rinunci al sonno, alla vita sociale pur di essere in piscina, pur di raggiungere il tuo meglio. Hai obiettivi e lavori a testa bassa per raggiungerli. Quando li raggiungi te ne poni altri, sempre più difficili.

Tuttavia, ho una domanda molto importante da farti:

il nuoto ti diverte?

Sei arrivato ad un punto in cui sei focalizzato sul tempo da raggiungere, sugli obiettivi da centrare. Questo sport è diventato per te un lavoro, o almeno vuoi che lo diventi.

Quando hai iniziato a nuotare da bambino, qual era l’unica cosa di cui ti importava? Amavi andare in piscina perchè stavi con i tuoi amici, ti godevi i pomeriggi in acqua. Il nuoto ti rendeva felice.

Ma poi, man mano che miglioravi, le cose diventavano più competitive. Uscire con i tuoi amici, fare il meglio e goderti lo sport che ami lentamente è diventato secondario rispetto alla necessità di abbattere secondi e fare risultati. Nuotare non era più solo uno sport divertente. Ha iniziato a sembrare un lavoro, un lavoro che dovevi fare piuttosto che uno sport che volevi fare.

Quando i nuotatori salgono di livello, l’amore ed il divertimento tendono ad essere sacrificati per il bene della competitività e del successo. Troppo spesso, il pendolo si sposta nella direzione opposta e si perde quel senso di divertimento e felicità infantile che si provava per questo sport.

Il nuoto smette di essere un gioco e diventa un lavoro. Non è più uno sport divertente, ma una routine quotidiana.

Non si può avere successo a lungo termine, o trovare alcuna felicità significativa nello sport, a meno che non lo si ami e soprattutto ti faccia divertire.

Se vedi il nuoto come qualcosa che fai puramente come mezzo per raggiungere un obiettivo, ti brucerai fisicamente ed emotivamente molto rapidamente.

Per evitare ciò, ecco alcuni suggerimenti che ci propone Will Jonathan. Will è Sport Mental Coach dell’Università della Florida e segue atleti della NCAA.

Vedi sfide e ostacoli come un gioco.

Il nuoto è uno sport altamente competitivo. Le sfide sono il pane quotidiano dei nuotatori. Quando le cose diventano difficili scatta qualcosa che fa uscire il meglio dell’atleta.

Sia che si tratti di un duro allenamento o di raggiungere in certo tempo, devi vedere questo tipo di sfide non come un problema da superare, ma come un gioco divertente. Sii giocoso con le sfide e gli ostacoli che devi affrontare. Dì a te stesso, “Ok ok, divertiamoci con questa sfida. Mettiamoci tutto ciò che abbiamo e vediamo cosa succede”

Fai cose diverse dal nuoto.

Per essere bravo ed avere successo nello sport, è ovvio che devi dedicarti ad esso. Tuttavia, per mantenere l’equilibrio, devi anche allontanarti. I nuotatori spesso si bruciano perché si lasciano consumare completamente dallo sport e non si prendono del tempo per staccarsi. Fai altre cose. Scegli un hobby. Coinvolgiti in altri sport o attività che puoi utilizzare come rifugio lontano dal nuoto. Evita di trincerarti nel nuoto fino al punto in cui rimani bloccato in esso fisicamente ed emotivamente.

Ricordati del perché nuoti.

Il nuoto diventa sempre più competitivo man mano che si cresce di livello. Per questo le pressioni e le aspettative ti renderanno difficile divertirti e goderti questo sport. Questo è un processo naturale. Tuttavia, puoi evitare di sentirti sopraffatto.

Non dimenticare mai perché nuoti. È perché lo ami. È perché ti porta soddisfazione interiore. Ti fa sentire qualcosa che nient’altro ti fa provare. Se perdi di vista questo, lo sport smetterà di essere uno sport e diventerà un obbligo. Quando ciò accade, la motivazione si prosciuga.

Ricorda costantemente a te stesso perché nuoti e non ti perderai.

Alla fine, ci deve essere equilibrio. Devi essere serio nel nuoto, dedicarti ad esso, ed essere assolutamente impegnato a diventare la migliore versione di te stesso. Tuttavia, goditi questo sport e divertiti.

Allenati duramente, nuota forte. Assicurati solo che, lungo la strada, le sfide e le gare siano sempre motivo di gioia e di divertimento.

Una carriera nel nuoto non dura per sempre, e non vorrai guardarti indietro rimpiangendo di non esserti divertito.

 

In This Story

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per caso, …

Read More »

Don't want to miss anything?

Subscribe to our newsletter and receive our latest updates!