Fratus Sostiene Rinvio Olimpiadi: Le Medaglie Arrugginiscono

Bruno Fratus, velocista brasiliano, affida ad un giornale brasiliano, UOL, le sue impressioni su quello che sta accadendo nel mondo a causa della pandemia da coronavirus COVID-19.

Fratus, medaglia d’argento ai Mondiali di Gwangju dell’estate scorsa, lancia un accorato appello al CIO.

Anche oggi, i vertici del CIO confermano le Olimpiadi secondo il programma stabilito.

Fratus, dunque, fa sentire la sua voce:

“Ogni giorno che il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) rinvia la decisione di posticipare i Giochi Olimpici di Tokyo e mantiene la richiesta di continuare ad allenarsi nel bel mezzo della pandemia di coronavirus è un giorno in più che gli atleti di tutto il mondo si trovano sotto pressione per lasciare le loro case per allenarsi, mettendo a rischio la propria salute, quella delle loro famiglie e quella della società nel suo complesso.

Bruno Fratus non si sta allenando in questo periodo.

“Non vi mentirò. Se avessi un posto dove nuotare, starei nuotando.

Mi alleno in una piscina pubblica a Coral Springs, USA. Oggi è chiusa per evitare la folla nei luoghi pubblici. Decisione corretta, indiscutibile.

Il velocista ammette di avere la possibilità di allenarsi in una piscina di 10 metri, ma non lo farà.

BRUNO FRATUS Non si allena per rispettare le principali linee guida dell’OMS

Dichiara Fratus:

“Metterei inutilmente a rischio la mia salute, la mia famiglia, il mio amico e la sua famiglia”

IL VALORE DELLE OLIMPIADI

Il passaggio più emozionante dell’accorato appello di Bruno Fratus riguarda l’eredità che i grandi campioni lasciano al mondo.

Vincere una medaglia olimpica è iniziato come il sogno di un bambino quando avevo 11 anni. Quel sogno è diventato un obiettivo solido e tangibile che è stato nella mia mente per anni, quasi due decenni, ogni giorno, quando mi sveglio e quando vado a dormire. Sono i Giochi Olimpici che muovono tutti gli atleti del mondo. Ma in questo momento ci sono molte altre preoccupazioni nella mia testa, altre priorità.

Non sono nel gruppo a rischio, ma i miei genitori, che hanno più di 60 anni, e soprattutto mio padre, diabetico, lo sono. Vediamo le notizie, la gente muore in tutto il mondo, e tutto quello che possiamo fare è stare in isolamento, limitandoci agli esercizi che si adattano al soggiorno.

Ma tutto questo è molto più grande di me, dei miei obiettivi personali.

Nel nuoto, è normale che i cicli di periodizzazione richiedano in media 16, 18 settimane, se non si è stati fermi per settimane.

Come si fa a farlo senza andare in acqua? Solo all’interno della piscina è possibile allenare movimenti che non sono naturali per l’essere umano, come galleggiare, trattenere il respiro.

L’obiettivo di questo ciclo quadriennale è sempre quello di raggiungere l’apice della forma nell’anno olimpico e di competere anche contro gli avversari al culmine.

Ma la crisi globale del coronavirus significa che, come poche volte nella storia, non tutti hanno le stesse opportunità di prepararsi.

I Giochi Olimpici sul versante dello sport agonistico perdono il loro significato, la loro ragion d’essere.

Fratus infine, spiega perché si batte per il rinvio delle Olimpiadi.

Quando mi sono battuto per il rinvio delle Olimpiadi, non l’ho fatto per mettermi come leader degli atleti. La mia intenzione era quella di spingere questo primo piccolo pezzo di domino e rompere l’inerzia della comunità sportiva.

Si rivolge direttamente agli atleti:

Tu, atleta, sei molto più di un semplice atleta, quindi fai un uso attivo e responsabile di questa immagine, di questa voce. Ci sforzeremo di fare la differenza nello stesso modo in cui lavoriamo per raggiungere i nostri obiettivi. La medaglia è qualcosa che sembra bella appesa al muro o all’appendiabiti. Ma alla fine sono solo strumenti che espongono la tua voce.

Le medaglie arrugginiscono, invecchiano, i titoli vengono dimenticati. L’Eredità, no.

L’eredità è l’unica cosa che conta davvero.

 I Giochi Olimpici sono nostri

Si rivolge direttamente al CIO, il comitato Olimpico Internazionale.

Fratus dice che la sua intenzione è lavorare insieme poiché gli atleti sono il centro di questo universo rappresentato dal CIO.

 Mentre la decisione non viene presa, noi continuiamo qui, “allenandoci” e affrontando le aspettative a casa.

Facciamo la nostra parte seguendo le raccomandazioni delle autorità.

Rimani a casa anche tu”

 

In This Story

0
Leave a Reply

Subscribe
Notify of
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Giusy Cisale ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto …

Read More »