FINA – Trasparenza e Conflitti di Interesse – parte terza

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 0

October 17th, 2017 Italia

Benvenuti nella puntata finale della nostra “serie” dopo un’intervista molto approfondita con il Vice Presidente della FINA Dale Neuburger . Per il riepilogo della Parte 1 o di un aggiornamento della Parte 2, consultate i seguenti link:

Questa è la parte più lunga e più interessante poiché porterà alle domande più complesse che abbiamo avuto per Neuburger: conflitti di interesse, trasparenza e etica.

Neuburger è stato accusato di conflitti di interessi da parte dell’Italiano Paolo Barelli,  il quale a Giugno, ha depositato formale ricorso dinanzi alla Corte di Arbitrato dello Sport (CAS)  Anche se le accuse sono state rigettate , e Barelli ha dovuto rimborsare parzialmente le spese legali alla FINA, l’olimpionico italiano non si affrettò a parlare contro Neuburger e altri colleghi della FINA.

Paolo Barelli, che è anche il presidente della LEN e della Federazione Italiana Nuoto, ha affermato che nel 2016 Neuburger, attraverso la TSE, ha incoraggiato i membri della LEN a votare l’avversario di Barelli,  Erik van Heijningen  dei Paesi Bassi, nelle elezioni presidenziali LEN 2016. Anche se Barelli ha mantenuto con successo la sua posizione di presidente di LEN, non ha mai abbandonato le accuse contro Neuburger.

(Courtesy of  Dale Neuburger )

Le affermazioni di Barelli contro Neuburger sono state basate sul fatto che la “Dutch Swimming Federation (KNZB)” la Federazione Nazionale Olandese, avrebbe assunto la TSE per orchestrare la campagna di Van Heijningen e perché il profilo di LinkedIn di Neuburger è stato presentato ad altri all’interno della sua rete, grazie alla funzionalità di LinkedIn “Mentioned in the News”.

Insidethegames.biz ha successivamente  pubblicato una ratifica affermando che  l’estratto apparso su LinkedIn non è corretto, e precisando che “il vice presidente della FINA,  Dale Neuburger, è tra i direttori della TSE, sebbene sia stato detto che non ha alcun ruolo nella campagna “.

Prima di citare FINA in tribunale, Barelli ha tentato di fare appello al “Panel Etico” di FINA alla fine del 2016; tuttavia, il panel ha scelto di non perseguire le accuse, basandosi sulla valutazione del direttore esecutivo della FINA Cornel Marculescu .

Ma perché la CAS ha rigettato le accuse di Barelli? In sostanza, la Corte non ha trovato alcuna prova a sostegno delle accuse di Barelli:

  • Se le circostanze riportate dall’Appellente ( Paolo Barelli ) siano state o meno trasmesse al Pannello Etico per esaminare se costituiscono violazioni commesse dal sig. Dale Neuberger e, in caso affermativo, quale sanzione dovesse essere emessa contro il signor Dale Neuberger sono elementi che non hanno alcun impatto su alcun interesse personale e reale del ricorrente. 
  • ” Se le circostanze riportate dalla ricorrente siano state presentate al gruppo di esperti etici per esaminare se costituiscono violazioni commesse dal sig. Dale Neuberger e, in caso affermativo, quale sanzione dovesse essere inflitta contro il sig. Dale Neuberger, sono elementi che non hanno alcun impatto su alcun interesse personale e reale dell’Appellente. 
  • ” Il fatto che le circostanze riportate dalla ricorrente includano un riferimento ai presunti collegamenti del signor Dale Neuberger con TSE SA e al fatto che questa società sia stata nominata per sostenere un avversario del ricorrente in un processo elettorale già concluso (e con successo quindi dalla ricorrente) non consente al ricorrente di sostenere che avrebbe un interesse di questo tipo. 
  • ” Indipendentemente dal fatto che l’affermazione che le attività del TSE SA nel processo elettorale avrebbe rappresentato una violazione del Codice Etico da parte del sig. Neuberger personalmente è senza merito e frivolo, una decisione in materia non avrebbe comunque qualsiasi impatto su ogni eventuale interesse personale e reale del ricorrente. 
  • ” L’esito di questi procedimenti non poteva quindi né direttamente (in quanto l’apertura e la conduzione del procedimento contro il sig. Neuberger non avrebbe alcuna conseguenza affatto per il ricorrente) né indirettamente (quando il collegio etico avrebbe emesso la sua decisione) avrebbe alcun impatto sugli interessi effettivi e personali del ricorrente. 
  • ” In conclusione, l’appellante non ha interesse a tutelare la decisione dell’Esecutivo FINA di non trasferire la questione che ha segnalato in relazione al sig. Dale Neuberger al gruppo di etica e di ottenere una decisione che ordinasse tale trasferimento. 
  • ” Data questa ovvia mancanza di posizione (nel senso di cui sopra), il ricorso deve essere respinto. 

Questo è solo un piccolo estratto dalla sentenza CAS ; un argomento così esteso potrebbe garantire una “serie” propria.

Per quanto riguarda la sua occupazione con la commercializzazione sportiva TSE Consulting SA, Neuburger ha fornito a SwimSwam una lettera di Lars Haue-Pedersen, amministratore delegato della TSE Lausanne (Svizzera), dove ha sede la società. Haue-Pedersen dichiara Neuburger non è infatti un diretto dipendente di TSE Consulting SA, ma piuttosto ” Presidente di Sports Strategy, Inc., società americana fondata nel 2006 e situata a Indianapolis, che ha un accordo di agenzia con la TSE Consulting SA. 

OK … ma questi contratti FINA devono essere abbastanza lucrativi, vero? Neuburger deve ricevere qualche forma di compenso per il suo ruolo …?

Secondo Neuburger, no. Neuburger ha dichiarato in molteplici lettere alla FINA che non avrà contratti con le città che desiderano ospitare eventi FINA. Per quanto riguarda la relazione aziendale della FINA e della TSE, ci è stato detto come i “contratti con la FINA siano” lucrativi “per la TSE. Dalla lettera Haue-Pedersen:

” Le commissioni annuali per il nostro rapporto con la FINA non hanno generalmente superato i CHF 30’000 ” , ovvero circa $ 30.000 USD.

Il titolo professionale di Neuburger, ” Direttore di TSE Consulting – Nord America “, è un’abbreviazione di “Direttore di TSE Consulting – North America / Sports Strategy, Inc. “, che discende dal suddetto accordo di agenzia che esiste tra la strategia sportiva , Inc. e la più grande società svizzera con sede a TSE Consulting SA. Attraverso Sport Strategy Inc. Neuburger lavora con le città e le leghe sportive in tutto il Nord America, e invece di essere pagato da TSE Consulting SA, Sport Strategy, Inc.  paga a TSE una commissione di agenzia. Tale è la spiegazione di Neuburger.

Ma al centro della questione è la trasparenza . Neuburger sostiene di essere sempre stato trasparente al 100% circa il suo ruolo presso TSE – North America / Sport Strategy, Inc. e ha fornito a SwimSwam la  documentazione  (pagine 1-4) come prova. Secondo Neuburger, il conflitto di interessi comporta un’assenza di divulgazione – vedere le sezioni 11-16 del Codice etico FINA . Per quanto riguarda il denaro, la TSE – North America / Sport Strategy, Inc. genera entrate guadagnando contratti tramite Richiesta di Proposte o “RFP” da enti pubblici o da raccomandazioni dei clienti passati. Il successo di questi contratti costituisce la fonte del salario di Neuburger e Sport Strategy, Inc. ed è classificata come “S” Corporation dall’IRS.

Neuburger ha anche affermato che non lavorerà con le città che vinceranno le assegnazioni degli eventi FINA. In una lettera del 24 luglio 2016 Neuburger rivela la sua lista dei clienti del 2016 agli altri membri del Comitato Esecutivo di FINA. L’elenco, che comprende il Comitato Olimpico degli Stati Uniti, USA Wrestling, e di Pittsburgh, è composto da organizzazioni specializzate nel turismo, costruzione evento, e le prestazioni di business, e in particolare non includono la FINA, il nuoto USA, o la Federazione Nuoto Danese (KNZB). L’elenco dei 2016 contiene i nomi di diverse realtà che Neuburger non sta più curando tra cui la Federazione Nuoto Turca, il Comitato Olimpico Messico e l’INDE – Istituto Nazionale di Sport e Cultura Fisica – Nuevo Leon (Città di Guadalajara). L’elenco è cambiato dal 2016 e ora include altre entità tra cui Los Angeles 2024/2028, l’agenzia Arizona Sports and Tourism e l’NCAA, tra gli altri.

Per Neuburger, l’unica relazione di clientela che coinvolge il lavoro diretto con gli sport acquatici è la città di Santa Clara, che sta lavorando per costruire un nuovo centro acquatico , il museo della Hall of Fame internazionale, il centro ricreativo, il teatro e il garage. Un elenco di clienti con contratti attivi con TSE Consulting – America del Nord può essere trovato qui .

Ma questo è per ricapitolare e riflettere.

Ciò che segue è il resto della nostra conversazione con Dale Neuburger , intervallato da estratti dai documenti che ha fornito contrastando il conflitto di interesse e la mancanza di trasparenza rivendicati contro di lui.

“Abbiamo molto da celebrare, abbiamo molto successo ed è così scoraggiante leggere le cose che alcune persone trovano essere [così importanti].”

SwimSwam : “ Il tuo nome è stato sollevato molte volte da altri in FINA, in particolare Paolo Barelli , per quanto riguarda potenziali conflitti di interesse. Vorrei chiederle: esistono firewall tra FINA e TSE che potrebbero impedire o evitare che avvengano? 

Dale Neuburger : “Beh, credo che al centro del conflitto di interessi sia la conoscenza e la trasparenza. E, come sapete, sette anni prima che FINA istituisse un gruppo di etica, sette anni prima che FINA stabilisse un codice etico, comunicai con il Presidente della FINA per assicurarmi di conoscere la posizione della mia associazione con una società che aveva avuto precedenti attività con FINA . Questo ha preceduto la mia partecipazione alla struttura nordamericana di cinque anni. Penso che la chiarezza della mia comunicazione in tutto il mio ruolo … e le mie responsabilità siano state molto chiare. Non c’è niente che sia nascosto; non c’è niente che sia stato discusso; non c’è niente di più che … che sia stato trasparente “.

La corrispondenza Neuburger cita è legata qui e contiene le seguenti citazioni chiave:

” Nell’aprile 2006 ho iniziato a lavorare come Direttore, TSE Consulting -Indianapolis …. Nel mio ruolo con la TSE Consulting, forniamo servizi alle città degli Stati Uniti che cercano di mettere in scena importanti eventi internazionali e nazionali in una vasta gamma di sport olimpici “.

“La TSE Consulting, attraverso la sua sede di Losanna diretta da Lars Haue-Pedersen … ha svolto vari servizi di consulenza per la FINA, incluso l’assistenza alla conferenza sul marketing e la trasmissione a Barcellona nel 2001, al piano strategico FINA e alla conferenza mondiale FINA a Madrid questo mese.”

“Ognuno degli uffici di TSE Consulting opera in territori geografici separati e non ho partecipato a nessuno dei progetti FINA che sono stati impegnati nell’ufficio di Losanna, né lo farò in futuro. Inoltre, non fornirò servizi professionali alle città americane in cerca di eventi FINA. Va chiaramente notato che tutte le decisioni prese dalla FINA per quanto riguarda l’impegno di servizi con TSE Consulting -Lausanne non sono fatti con alcuna richiesta o rappresentazione da parte mia. 

Inoltre, nel giugno del 2016 Lars Haue-Pederson, direttore dell’ufficio TSE Lausanne, ha scritto quanto segue per quanto riguarda l’impiego di Neuburger con la società di consulenza svizzera:

” Tu sei il presidente della Sports Strategy, Inc., società americana fondata nel 2006 e situata a Indianapolis, che ha un accordo di agenzia con TSE Consulting SA. Pertanto, non sei un impiegato di TSE Consulting SA e agisci in modo indipendente e non sotto la mia autorità diretta “e” TSE Consulting SA ha avuto contratti diversi con FINA a partire dal 2001, che hanno preceduto il proprio ruolo con Sports Strategy, Inc. di cinque anni. L’amministratore delegato di FINA, che agisce per conto di FINA e io, agendo in nome di OFE, abbiamo negoziato esclusivamente tutti questi contratti. Tu e la tua azienda non hanno avuto alcun ruolo nella formazione di proposte di progetto, nella negoziazione delle commissioni o nella prestazione di servizi connessi a questi contratti. Le commissioni annuali per il nostro rapporto con la FINA non hanno generalmente superato 30’000 CHF“.

Paolo Barelli, courtesy of LEN

“È importante dire che un individuo, motivato dalle aspirazioni politiche, ha fatto aspersioni sulla mia reputazione e sui miei standard etici, che non sono stati sostenuti altrove da nessuna entità all’interno della struttura sportiva. Ed è quindi deludente che un individuo che spera di vincere l’ufficio politico, ma ampiamente ripudiato nella sua aspirazione per l’ufficio politico, ha fatto accuse su di me che non erano vere, non sono state sostenute da fatti e non sono stati accolti da alcun corpo, qualsiasi entità, che ha esaminato le circostanze. Questo include i dirigenti della FINA, il gruppo di etica FINA, ed è inclusa la Corte Arbitrale di Sport (CAS) “.

“Così avete, purtroppo, un individuo, che ha fatto commenti sul mio comportamento che si oppone non solo alle mie prove scritte – e alla trasparenza che ho portato al mio impegno con il mio impiego professionale e il mio servizio volontario con FINA – ma è stata data diffusa una consapevolezza dei media, nonostante il fatto che le sue accuse e le sue aspirazioni politiche siano state ripetutamente ripudiate con un margine molto ampio “.

“Non c’è nessuno all’interno della FINA che è stato più impegnato nello sforzo di essere trasparente sulle mie attività professionali di lavoro. E nessuna delle mie attività lavorative professionali in alcun modo o forma sono incompatibili con i miei compiti all’interno della FINA. A lei ho fornito la mia lista client. È un pò più grande di quando ho scritto quel documento, ma te l’ho fornita. Vorrei anche dirti che ho le stesse responsabilità per la divulgazione con il Consiglio di Amministrazione di Nuoto degli Stati Uniti, che faccio su base annuale ”

“Così, purtroppo, come ho detto, c’è stata notevole attenzione da parte di un individuo, un singolo individuo, che è stato motivato nelle sue accuse dalle aspirazioni politiche. E le cui contestazioni, le cui dichiarazioni, sono state respinte da ogni singola entità che li ha esaminati per la loro veridicità. Ogni. Singola. Entità. Non c’è stata una sola situazione: il nuoto USA, i dirigenti della FINA, il gruppo di etica FINA, la Corte d’arbitrato per lo sport – dove una di queste entità ha dato un unico elemento di credenza alle accuse fatte.

SwimSwam : “ Hai reso la tua posizione personale molto chiara ed è trasparente quanto accaduto almeno con il nuoto USA. Ma cosa succede al Pannello Etico di FINA – per continuare a partecipare alla FINA, dovete anche fornire loro ogni genere di informazione ogni anno, o è qualcosa di volontario? 

Dale Neuburger : “Nel 2013 avevo denunciato al Pannello Etico di FINA prima di essere eletto quattro anni fa tutte le circostanze del mio impiego. E ancora, c’è un record scritto dove è indicato  che il Pannello Etico FINA non ha trovato niente – e sottolineo la parola nulla- che sarebbe considerato in conflitto con il mio servizio alla FINA.

“Allo stesso tempo nel 2013, c’era un candidato per l’Ufficio FINA che è stato respinto dal FINA Ethics Panel. Quindi non sono situazioni prestampate, ma sono attentamente esaminate. E hanno un alto livello di credibilità. Lo stesso processo si è svolto nel 2017. Pertanto, il gruppo etico FINA riesamina le mie circostanze e non trova un solo pezzo di prova che dimostrerebbe una situazione conflittuale tra il servizio alla FINA e la mia carriera professionale “.

“Quindi la breve risposta alla tua domanda è: USA valuta il conflitto di interessi [dichiarazioni] su base annuale; FINA lo fa sulla base di quando uno viene eletto in carica. Ma … ciò non impedisce la revisione delle circostanze successive. Le circostanze successive che devono essere certificate riguardano sia l’eleggibilità di un candidato sia altre circostanze, quali i precedenti penali: non sono un assassino di massa o alcune di quelle cose. Quindi è addizionale. ”

SwimSwam : “ La conferma di quei pannelli etici e tale screening, è qualcosa che, se sei impegnato per le elezioni della FINA o prima di poter essere confermato, ogni candidato deve passare? 

Dale Neuburger : “È esatto. Tutti dell’Ufficio FINA, e tutti … ci sono 250, [o] 275 persone, non so il numero esatto, che sono confermati per i comitati e le commissioni della FINA. Quindi c’è un processo di revisione estremamente ampio che viene eseguito dal gruppo Etico per certificare la capacità di un individuo di servire FINA senza violare alcuna delle sue regole. E questo include, di nuovo, carattere e reati penali e così via. Non solo conflitti di interesse. Così [una] recensione più ampia della propria candidatura rispetto alle situazioni contrastanti del lavoro. È una revisione, è un controllo di fondo – per vedere se c’è qualcosa che potrebbe essere incoerente con il comportamento di qualcuno o con l’attività passata e il servizio allo sport “.

“Lo sport è in un momento incredibile, ma se scegliessimo determinate pubblicazioni questo risulterebbe meno evidente”.

SwimSwam : “E quando stai partecipando a una riunione di FINA, al Congresso di FINA o ad ogni tipo di riunione ufficiale del Comitato Esecutivo, non parlate di affari? Come, nessuna attività TSE o qualcosa di simile? O c’è qualche tipo di flusso? O chiedere perché FINA e TSE hanno lavorato insieme, giusto? ”

Dale Neuburger : “Beh, la TSE Svizzera ha effettuato servizi per convegni e conferenze per la FINA dal 2001. Per essere molto chiari su quello che la società svizzera ha fatto: hanno reclutato relatori; hanno scritto i discorsi di vari funzionari; hanno condotto indagini su ciò che i partecipanti hanno gradito o non hanno gradito delle conferenze e delle convenzioni. Quella è la somma, la misura, del coinvolgimento della Svizzera TSE con la FINA “.

“E mentre leggete in uno dei documenti, quel coinvolgimento è stato … negli anni in cui qualcosa di simile ha avuto luogo, una quantità relativamente nominale, è stata, forse, 25 o 30 mila dollari … non lo so, questi non sono contratti enormi. Si tratta di servizi molto specifici relativi alle conferenze FINA. In FINA c’è una Convenzione sulle Discipline Acquatiche Mondiali [e] lo scorso anno la TSE Svizzera ha aiutato a reclutare relatori, mettere insieme il programma, e assicurarsi che i relatori arrivassero puntuali nel posto giusto. C’è poca attività politica. Questi sono compiti molto strutturati che si riferiscono alle riunioni della FINA dove avere un cosiddetto “coordinatore della conferenza” è una procedura operativa molto standard. Quindi la nozione che TSE Svizzera ha avuto un ampio coinvolgimento con la FINA è del tutto scorretta.

“Quindi, ancora una volta, l’affermazione che in qualche modo la TSE Svizzera abbia un impatto ampio all’interno della FINA è assolutamente sbagliata, e non è supportata da nessun fatto presentato da nessuno in qualsiasi momento. È semplice e semplicemente falsa “.

“Nel momento dei più grandi successi della FINA e della prominenza più significativa del nostro sport, abbiamo avuto una divisione che ha in qualche modo tolto lustro a quelle realizzazioni. E … sono molto deluso per questo, perché … il successo che il nostro sport ha avuto, e come sai, Michael Phelps ha avuto molto a che fare con esso, ma anche tu devi essere capace di capitalizzare su questo una volta in una, forse, forse in due generazioni. E penso che lo abbiamo fatto in tutto il mondo. C’è così grande entusiasmo “.

“Abbiamo molto da celebrare, abbiamo molto successo ed è così scoraggiante leggere le cose che alcune persone trovano come elementi importanti di delusione e scoraggiamento, quando tutto intorno vi è davvero un successo incredibile”.

“Lo sport è in un momento incredibile, ma se scegliessimo determinate pubblicazioni questo risulterebbe meno evidente”.

Così il gioco è fatto. Dale Neuburger , con le sue parole.

Nella prima parte abbiamo trattato il ruolo di Neuburger presso la FINA e quello che FINA ed i nuotatori in tutto il mondo vogliono raggiungere in vista dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020. Nella seconda parte abbiamo trattato il punto di vista di Neuburger sulla partecipazione dell’atleta all’interno della FINA e al ruolo degli USA nei vari comitati della FINA. Qui nella parte 3, abbiamo esplorato la storia di Neuburger come un professionista ed i suoi rapporti con FINA e USA nuoto

Cambiare le proprie opinioni può essere difficile, e comunque con abbiamo impostato questi articoli per cambiare l’opinione dei lettori. Tuttavia, ci è stata data una ricchezza di materiale da parte di Neuburger che dovrebbero essere letti dai membri della comunità acquatica che hanno avuto preoccupazioni per la FINA e la sua leadership. Ancora una volta, il tuo parere potrebbe non cambiare, ma almeno saprai come l’altro vede le cose.

Per leggere l’articolo  in lingua originale di Reid Carlson clicca qui

Leave a Reply

Be the First to Comment!

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

Avvocato civilista con un'innata passione verso la scrittura. Dalla fobia dell'acqua all'amore incondizionato verso di essa. Dal 2015 scrittrice di nuoto, prediligendo le emozioni che l'acqua trasmette. Atleta Master stileliberista, Ufficiale di Gara nuoto della Federazione Italiana Nuoto,  ma soprattutto "Swim Mum".

Read More »