Federica Pellegrini-Qualsiasi Cosa Accada Il Meglio Deve Ancora Venire

Giusy Cisale
by Giusy Cisale 0

December 11th, 2018 Italia

CAMPIONATO MONDIALE IN VASCA CORTA FINA 2018

L’ultima volta che abbiamo visto Federica Pellegrini nuotare la gara dei 200 metri stile libero è stato a Budapest.

La finale dei Mondiali in vasca lunga 2017 dei 200 metri stile libero è un pezzo della storia italiana. Non solo di questo sport, ma di tutti gli sport.

Federica Pellegrini, dopo il quarto posto delle Olimpiadi di Rio De Janeiro si tuffa in una stagione completamente dedicata a quella gara. Non la vince, la sara-vince. La dipinge con la sua personalità, le da i connotati che soltanto lei poteva disegnarle.

Ai posteri Federica Pellegrini lascerà l’espressione “recupero alla Pellegrini”, ad indicare quel momento in cui si “mettono le gambe”, si inizia a risalire e non ce ne è più per nessuno.

Nell’ultimo anno più volte aveva dichiarato di non voler nuotare più quella gara, per poi tornare sui suoi passi.

Perchè al di là di tutto, Federica Pellegrini è il 200 stile libero. 

Sarebbe riduttivo parlare dunque solo del tempo, di decimi e centesimi che si susseguono ed accavallano.

L’italiana ai blocchi di partenza dà un connotato alla gara.

Le avversarie la vogliono lì, la cercano, desiderano il confronto con colei che è considerata comunque la regina di questa distanza. E Federica nei 200 stile libero si diverte, ci si rispecchia.

Non poteva allora essere altrove se non nella finale che più le è cucita addosso anche in questi Mondiali in vasca corta.

200 STILE LIBERO FEMMINILI – FINALE

  • World Record- 1:50.43 SJOSTROM Sarah SWE Eindhoven (NED) 12 AUG 2017
  • CR 1:50.78 SJOSTROM Sarah SWE Doha (QAT) 7 DEC 2014
  1. ORO Ariarne Titmus (Australia) – 1:51.38
  2. ARGENTO Mallory Comerford (USA) – 1:51.81
  3. BRONZO Femke Heemskerk (Netherlands) – 1:52.36

Federica Pellegrini non riesce a salire sul podio, ma la prestazione di questo pomeriggio è sicuramente un bel punto dal quale partire per tornare ai massimi livelli in questa gara. Federica tocca la piastra in 1:53.18, chiudendo al quarto posto, a 18 centesimi dal podio.

Questo è ciò che ci ha lasciato il cronometro.

Ma il nuoto è uno sport che non lascia soltanto qui numeri sul tabellone.

View this post on Instagram

È passato un anno e mezzo dall’ultimo 200 …. ricominciamo da qui e così…. mi sono proprio divertita…perché mi hanno insegnato che qualsiasi cosa accada il meglio deve ancora venire qualsiasi cosa questo voglia dire 😊😊😊😊😊 #ricominciodaqui #stepbystep

A post shared by Federica Pellegrini (@kikkafede88) on

È passato un anno e mezzo dall’ultimo 200 …. ricominciamo da qui e così…. mi sono proprio divertita…perché mi hanno insegnato che qualsiasi cosa accada il meglio deve ancora venire qualsiasi cosa questo voglia dire 😊😊😊😊😊 #ricominciodaqui #stepbystep

La prima dichiarazione Federica Pellegrini la lascia ai suoi sostenitori su Instagram.

Questa gara, queste otto vasche sono solo l’inizio di un nuovo sogno chiamato Tokyo 2020.

In This Story

Leave a Reply

About Giusy Cisale

Giusy Cisale

 GIUSY  CISALE Ha frequentato il Liceo Classico "T.L. Caro" dove era impegnata nella redazione della rivista scolastica. Nel 2002 è tra le più giovani laureate in Giurisprudenza dell'Università Federico II di Napoli (ITA). Inizia il percorso di Avvocato Civilista, conseguendo nel 2006 l'abilitazione all'esercizio della professione di avvocato. Si avvicina al nuoto quasi per …

Read More »

Want to take your swimfandom to the next level?

Subscribe to SwimSwam Magazine!